Un uomo di 39 anni, Vincenzo De Luca, è stato ferito da diversi colpi di pistola in via Annamaria Ortese, a Scampia, periferia nord di Napoli, nella zona della cosiddetta "33". Trasportato d'urgenza all'ospedale Cardarelli, è morto poco dopo l'arrivo al Pronto Soccorso per le ferite riportate. È stato trovato riverso al suolo, in gravi condizioni, all'interno del circolo ricreativo "Ultrà Napoli Sezione Scampia Ciccio Turrini". In un primo momento, seppur le sue condizioni fossero apparse subito molto gravi, era stato giudicato non in imminente pericolo di vita.

L'agguato è avvenuto nel tardo pomeriggio di oggi, 12 febbraio. De Luca, noto all'anagrafe di camorra come "Tarantella", sarebbe vicino al clan Abbinante, tra i gruppi di camorra principali dell'area nord. Stando a quanto ricostruito dalle forze dell'ordine, intervenute sul posto, l'uomo sarebbe stato affrontato mentre si trovava all'interno del circolo. Non è chiaro se al momento nei paraggi ci fossero altre persone, che potrebbero essere scappate all'arrivo dei sicari, probabilmente più di uno.

Ad un primo esame dei sanitari, De Luca presentava numerose ferite da proiettili. È verosimile che i killer sapessero che avrebbero trovato il 39enne nel circolo. Le indagini sono affidate ai carabinieri della Compagnia Stella; al momento non si esclude nessuna pista, compresa quella dell'agguato di matrice camorristica alla luce della vicinanza della vittima col clan. Accertamenti in corso per determinare con precisione la dinamica e le ultime ore della vittima; nei dintorni non ci sarebbero telecamere di videosorveglianza.