278 CONDIVISIONI
14 Novembre 2022
12:44

Francesco Borrelli, per ora niente scorta. Ma dovrà comunicare tutti i suoi spostamenti alla polizia

Per Borrelli un dispositivo più stringente di tutela: dovrà comunicare alle forze dell’ordine tutti i suoi spostamenti pubblici e privati. Telefonate di solidarietà dal prefetto e dal vescovo di Napoli.
A cura di Redazione Napoli
278 CONDIVISIONI
Francesco Emilio Borrelli
Francesco Emilio Borrelli

Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale e neo-deputato (a breve dovrà scegliere fra le due cariche) dopo aver denunciato una nuova violenta aggressione sotto casa – è stato sbattuto in aria da uno scooter il cui conducente si è poi dileguato – è da oggi sottoposto ad un dispositivo più stringente di sicurezza.

Non si tratta di una scorta: il giornalista e politico dei Verdi, 49 anni, attivista e politico da quando era all'università, dovrà comunicare alla Digos di Napoli, ufficio della Polizia di Stato, questura partenopea, i suoi spostamenti pubblici e privati. Fino a prima dell'ultima vicenda, avvenuta nella serata di venerdì 11 novembre, subito denunciata e raccontata pubblicamente l'indomani, Borrelli comunicava le sue uscite politiche alle forze dell'ordine. Ora dovrà farlo anche se vorrà andare a prendere una birra o al cinema o a casa di amici. Non è una scorta – poiché si potrà ancora muovere con mezzi propri e non avrà agenti dedicati – ma poco ci manca.

Il caso di Borrelli, apprende Fanpage.it, dovrebbe finire anche nei fascicoli in valutazione alla Prefettura di Napoli: è l'Ufficio territoriale di governo che infatti valuta la possibilità di chiedere all'Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale eventuali dispositivi di tutela. Borrelli è considerato esposto a particolari situazioni di rischio in relazione alla vicenda della palazzina di via Egiziaca a Pizzofalcone , ovvero una massiccia occupazione abusiva delle case nella zona del Pallonetto di Santa Lucia denunciata a più riprese dal parlamentare e per la quale pochi giorni fa sono stati eseguiti a carico di 16 indagati dei decreti di sequestro preventivi finalizzati allo sgombero.

Proprio ieri l'esponente politico ha reso nota una ennesima circostanza di preoccupazione rappresentatagli dai residenti della zona: «Dopo gli sgomberi, gli abusivi legati ai clan starebbero organizzando una sorta di ‘protesta’ per bloccare il palazzo e interdire l’accesso a tutti», ha spiegato Borrelli che nei prossimi giorni incontrerà  il Prefetto di Napoli, Claudio Palomba. Solidarietà anche da don Mimmo Battaglia, vescovo di Napoli.

278 CONDIVISIONI
Offese al garante dei detenuti Pietro Ioia, assolto il deputato Francesco Borrelli:
Offese al garante dei detenuti Pietro Ioia, assolto il deputato Francesco Borrelli: "Non c'è reato"
Cippo di Sant'Antuono, a Napoli legna, alberi e rifiuti già ammassati per il 17 gennaio
Cippo di Sant'Antuono, a Napoli legna, alberi e rifiuti già ammassati per il 17 gennaio
A Napoli un cavallo viene trainato da uno scooter:
A Napoli un cavallo viene trainato da uno scooter: "È una vergogna"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni