La Lombardia deve dare un'ulteriore spinta alle vaccinazioni anti-Covid se vuole rispettare i target fissati per tutte le regioni dal commissario straordinario Francesco Paolo Figliuolo. La regione infatti entro giovedì 29 aprile dovrà somministrare 529mila dosi di vaccino e aumentare la propria capacità fino a centomila somministrazioni giornaliere. Gli obiettivi sono piuttosto ambiziosi e richiedono, a uno dei territori più colpiti dal Coronavirus, uno sforzo maggiore.

Negli ultimi due giorni non raggiunto il target fissato

In base ai monitoraggi della vaccinazioni degli ultimi quattro giorni, la Regione è riuscita a superare i target fissati dal commissario solo nei primi due: il 23 aprile infatti sono state somministrate 73.856 dosi (il target era di 51mila) e il 24 aprile ne sono state somministrate 73.538 (il target era di 60.180 dosi). Il 25 e il 26 aprile invece non sono stati raggiunti gli obiettivi: nel primo caso sono state effettuate 51.052 vaccinazioni quando il target era di 73mila somministrazioni, nel secondo invece ne sono state eseguite 66.596 quando il target era fissato a 75mila somministrazioni. Il dato del 26 aprile non è però ancora consolidato.

Entro giovedì dovranno essere eseguite 529mila vaccinazioni

Attualmente sono state quindi effettuate 265.042 vaccinazioni sui 529mila previsti. Per poter raggiungere gli obiettivi, la Lombardia dovrà quindi accelerare il passo e soprattutto riuscire a eseguire le centomila vaccinazioni. Una promessa che nei giorni scorsi la stessa Regione ha affermato di riuscire a mantenere, ma solo se saranno garantite le dosi. Oltre a recuperare le somministrazioni che non sono state eseguite in questi giorni, secondo i target fissati dal generale Figliuolo, la Lombardia dovrà eseguire oggi altre 83.300 somministrazioni. Per la giornata di domani, mercoledì 28 aprile, dovranno esserne eseguite 88mila mentre per il 29 aprile se ne attendono 99mila.