"Vogliamo al più presto mettere in sicurezza le fasce più deboli e subito dopo concentrarci sulle vaccinazioni di massa, momento in cui confermiamo la volontà del coinvolgimento delle aziende": a dirlo, nella giornata di oggi lunedì 3 maggio, è l'assessora al Welfare e vicepresidente di Regione Lombardia Letizia Moratti che ribadisce quanto aveva annunciato lo scorso marzo. Proprio in quel periodo Regione aveva infatti stipulato un accordo con Confindustria e Confapi Milano per avviare le vaccinazioni tra i privati.

L'accordo stipulato con Confindustria e Confapi Milano

Al momento non è stata annunciata nessuna data di inizio per le somministrazioni. A marzo Regione aveva però promesso che avrebbe garantito una copertura di 150mila vaccini a settimana: numeri che, come ribadito anche oggi dalla stessa assessora, dipenderanno molto dalle dotazioni dei vaccini da parte del Governo. Nell'accordo erano però state date le linee guida: non sarà previsto un compenso per le aziende da parte di Regione, ma un eventuale rimborso.

Il 60 per cento delle persone immunizzate appartiene agli over 80

Intanto continua a ritmi serrati la campagna di vaccinazione: i disguidi e le criticità registrate negli scorsi mesi sembrerebbero essere infatti un lontano ricordo. Sempre oggi l'assessora ha ricordato che un milione di persone hanno già ricevuto la seconda dose di vaccino contro il Coronavirus. Su Twitter ha inoltre sostenuto che la Lombardia "sarà la prima regione a raggiungere l'immunità di gregge grazie alla campagna vaccinale". Attualmente il 60 per cento delle persone totalmente immunizzate sono over 80.