In Lombardia un milione di persone ha già ricevuto la seconda dose del vaccino contro il Coronavirus. Lo ha scritto su Twitter la vice presidente e assessora al Welfare Letizia Moratti, aggiungendo che la Lombardia sarà "la prima regione che raggiungerà l'immunità di gregge grazie alla campagna vaccinale". I dati ufficiali riportati sul sito della Regione (ma aggiornati alle 6 di questa mattina, domenica 2 maggio) parlano di 983.390 cittadini lombardi a cui sono state somministrate entrambe le dosi di vaccini, e quindi completamente immunizzate. Altri 2 milioni 486mila hanno ricevuto la prima dose. Delle persone completamente immunizzate il 60 per cento, come spiegato da Letizia Moratti, appartiene alla categoria degli over 80.

Lieve calo delle vaccinazioni il Primo maggio, ma la Lombardia ha iniziato a correre

Rispetto agli ultimi giorni, in cui erano state abbondantemente superate le 100mila vaccinazioni giornaliere, nella giornata di ieri, Primo maggio, c'è stato un lieve calo. Le dosi somministrate sono state 93.365 secondo la Regione (dai calcoli effettuati da Fanpage.it sulla base del report del Governo ne risultano 94.798), ma si tratta di dati non ancora consolidati. In ogni caso, la "macchina vaccinale" della Lombardia sembra finalmente viaggiare senza intoppi, dopo il caos dei mesi scorsi dovuti anche alla piattaforma di Aria. Secondo la vice presidente Letizia Moratti, dunque, la "media superiore alle 100mila vaccinazioni" tenuta già adesso dalla Lombardia le consentirà di essere la prima regione italiana a raggiungere l'immunità di gregge.

Chi sono le persone che possono prenotare il vaccino adesso in Lombardia

Al momento le persone che possono prenotare il vaccino in Lombardia sono gli over 60 e gli over 16 che hanno almeno un'esenzione per patologia. Si attende a breve l'apertura delle prenotazioni per gli over 50, slittata dalla prima data indicata del 30 aprile. Secondo il calendario vaccinale della Lombardia, entro il 18 luglio tutti i cittadini vaccinabili potrebbero ricevere almeno la prima dose di vaccino: questo a patto però che si arrivi a un ritmo di 144mila dosi giornaliere inoculate. In più occasioni il consulente al piano vaccinale Guido Bertolaso e il presidente della Regione, Attilio Fontana, si sono spinti anche oltre le più rosee previsioni auspicando che il traguardo si possa raggiungere entro fine giugno.