Tragico incidente domestico in provincia di Lecco. Un uomo di 95 anni è morto per le gravissime ustioni riportate su gran parte del corpo dopo che una fiammata lo ha travolto. È accaduto in un'abitazione della frazione Villatico a Colico, nella zona dell'Alto lago, a confine con le province di Sondrio e Como. L'uomo è stato soccorso e trasferito d'urgenza all'ospedale di Gravedona (Como) ma è deceduto poco dopo.

Avvolto delle fiamme mentre accende il camino: morto un uomo di 95 anni nel Lecchese

Sull'accaduto indagano i carabinieri per ricostruire la dinamica e le responsabilità, anche se tutto porta a pensare che si tratti di un evento accidentale. Stando alla prima ricostruzione delle forze dell'ordine l'uomo sarebbe stato investito da una vampata mentre accendeva il camino di casa, cercando di attizzare il fuoco usando, forse, una bottiglietta d’alcol. Il liquido infiammabile gli sarebbe esplosa tra le mani, così le fiamme lo hanno avvolto in pochi secondo.

Inutile l'intervento dei soccorritori: è morto poco dopo il trasferimento in ospedale

All'arrivo dei soccorritori, le sue condizioni erano già estremamente gravi a causa delle estese ustioni alle braccia, al torace e al volto. Inoltre l'anziano aveva respirato molto fumo. I soccorritori, dopo aver cercato di stabilizzarne i parametri vitali, lo hanno trasferito al Moriggia Pelascini di Gravedona. Nonostante l’assistenza ricevuta è mancato poco dopo.

Pochi giorni fa a Milano un uomo di 36 anni è stato soccorso dal personale del 118 per delle ustioni alle mani, alla gamba e ai genitali causati dall’esplosione di una sigaretta elettronica. Il 36enne, non versa in gravi condizioni, ma è stato comunque trasportato in codice giallo all’ospedale Niguarda.