23 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Tendono un agguato ai tifosi rivali con mazze e bastoni, Daspo per 7 ultrà del San Lorenzo

Per 7 ultrà della Gsd San Lorenzo, squadra di calcio di Parabiago che milita in Terza categoria, è scattato il Daspo. Lo scorso 8 ottobre avevano aggredito i rivali del Sant’Ilario con mazze e bastoni.
A cura di Enrico Spaccini
23 CONDIVISIONI
Alcune immagini degli scontri di Parabiago dell'8 ottobre
Alcune immagini degli scontri di Parabiago dell'8 ottobre

Il questore di Milano Giuseppe Petronzi ha emesso sette Daspo nei confronti degli ultrà della Gsd San Lorenzo, squadra di calcio di Parabiago (nella Città Metropolitana di Milano) che milita in Terza categoria. I tifosi in questione lo scorso 8 ottobre hanno teso un agguato ai sostenitori dei rivali del Sant'Ilario di Nerviano, arrivati in città per assistere alla partita. Cinque persone rimasero ferite, in particolare un uomo finito all'ospedale di Legnano in prognosi riservata. Indagati per lesioni personali aggravate, tre ultrà del San Lorenzo non potranno accedere a manifestazioni sportive per due anni e gli altri quattro per un anno.

Gli scontri di Parabiago

Mancavano pochi minuti alle 15 quando i tifosi del Sant'Ilario si stavano dirigendo allo stadio ‘Libero Ferrario' di via Marconi a Parabiago per assistere alla partita contro la Gsd San Lorenzo. Ad un certo punto, però, un gruppo di persone armate di bastoni, mazze e petardi si sono scagliate contro di loro.

Negli scontri cinque persone rimasero ferite. Quattro di loro in modo lieve, ma per uno era stato necessario il trasporto all'ospedale di Legnano dove è stato poi ricoverato in prognosi riservata.

Le perquisizioni e i Daspo per sette ultrà

Dopo quei fatti, i carabinieri del Comando provinciale milanese il 10 novembre ha perquisito le abitazioni di sette persone ritenute responsabili del pestaggio. D'età compresa tra i 17 e i 29 anni, alcuni di loro avevano in casa materiale legato ai movimenti della destra extraparlamentare milanese.

Indagati per lesioni personali aggravate dalla Procura di Busto Arsizio, nei loro confronti il questore di Milano ha emesso il divieto di accesso a manifestazioni sportive.

23 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views