Voghera, l'assessore leghista Massimo Adriatici spara e uccide un uomo
26 Luglio 2021
7:23

Sparatoria Voghera, l’assessore Adriatici fa ricorso al Riesame contro gli arresti domiciliari

Presenterà ricorso al Tribunale del Riesame l’assessore Massimo Adriatici di Voghera che martedì scorso ha esploso un colpo di pistola uccidendo Youns El Boussettaoui. Il gip ha confermato la misura di custodia cautelare agli arresti domiciliari come richiesto dal pm, ma il suo avvocato ha detto che “non sussiste in alcun modo il pericolo di reiterazione del reato”.
A cura di Filippo M. Capra
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Voghera, l'assessore leghista Massimo Adriatici spara e uccide un uomo

Massimo Adriatici non accetta la decisione del giudice per le indagini preliminari che gli ha confermato gli arresti domiciliari dopo la morte di Youns El Boussettaoui annunciando di presentare ricorso al Tribunale del Riesame.

Adriatici contro i domiciliari, farà ricorso al Riesame

Questa la decisione comunicata dal suo avvocato Gabriele Pipicelli che ha dichiarato come "non sussiste in alcun modo il pericolo di reiterazione del reato", come invece stabilito dal gip che ha accolto la richiesta del pubblico ministero. Al contrario di quanto sostenuto dall'avvocato difensore dell'assessore di Voghera, il gip Maria Cristina Lapi ha giustificato la decisione dicendo che fosse necessaria una "misura che limiti provvisoriamente ma fortemente la libertà di circolazione in capo a un soggetto che, per sua stessa ammissione, ha dichiarato di non essere in grado di gestirla (una situazione come quella, ndr) senza gravissimi rischi per la collettività".

 

Un testimone: L'assessore ha preso la mira e ha sparato

Intanto un testimone dell'uccisione di Youns El Boussettaoui ha rivelato che "l'assessore ha preso la mira. Ha puntato la pistola verso Youns e ha sparato". Questa la versione dell'uomo, le cui generalità restano sconosciute, ora al vaglio degli inquirenti. Secondo il testimone, "dopo esser stato colpito Youns è corso via con la mano sulla pancia e poi è caduto a terra". Il tutto, sarebbe avvenuto dopo il pugno sferrato dalla vittima all'assessore mentre si trovava al telefono e come si evince da un video ripreso dalle telecamere di sorveglianza della zona. Alla luce anche di queste ultime novità, sabato a Voghera è andata in scena una manifestazione di solidarietà per la famiglia di Youns a cui ha partecipato anche la Comunità marocchina. Sul grido di "assassino, assassino", i famigliari del 39enne e tutte le persone scese nella piazza in cui è stato ucciso hanno chiesto giustizia.

 
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni