Blitz della polizia di Milano questa mattina all'alba quando gli agenti della Squadra Mobile hanno eseguito sette arresti e fermato un'ottava persona nell'ambito di un'indagine su una serie di furti negli appartamenti del centro della città.

Un'ottava persona incaricata di piazzare la refurtiva

In una nota diffusa dalla Questura di legge che le persone finite in manette sono tutte di nazionalità georgiana tanto da guadagnarsi un soprannome ad hoc mentre l'ottavo componente della banda è di nazionalità egiziana. Secondo quanto emerso dalle indagini portate avanti dalla polizia su coordinamento della procura di Milano i ladri, specializzati nei furti d'appartamento, avrebbero messo a segno diversi colpi tutti in casa ubicate nelle zone maggiormente rinomate del centro. Il provvedimento di fermo è stato firmato dal pm, Francesca Crupi, e dal procuratore aggiunto, Laura Pedio.

La banda utilizzava la cosiddetta tecnica dell'adesivo

Gli investigatori nei lunghi mesi di indagini svolti prima degli arresti hanno soprannominato il gruppo la "banda dei georgiani" e stando a quanto emerso dai primi dettagli trapelati dalla Questura sembra che utilizzassero la cosiddetta "tecnica dell'adesivo": l'obiettivo erano sempre appartamenti ubicati nelle zone più centrali della città e mentre la banda organizzava e metteva a segno i colpi, il cittadino egiziano svolgeva il ruolo di ricettatore di fiducia del gruppo, l'uomo che riusciva a piazzare in pochi giorni i corposi bottini dei colpi. Ulteriori dettagli verranno forniti nella conferenza stampa che si terrà questa mattina in Questura a Milano.