video suggerito
video suggerito
Omicidio di Giulia Tramontano

Sequestrato il ceppo di coltelli a casa di Impagnatiello: fra questi l’arma dell’omicidio di Giulia Tramontano

Durante il sopralluogo in casa di Alessandro Impagnatiello e Giulia Tramontano, gli investigatori hanno sequestrato il ceppo di coltelli in cui potrebbe trovarsi anche l’arma utilizzata per uccidere la 29enne.
A cura di Ilaria Quattrone
572 CONDIVISIONI
Il ceppo sequestrato dalle forze dell'ordine
Il ceppo sequestrato dalle forze dell'ordine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Nella giornata di ieri, martedì 6 giugno, i carabinieri di Milano hanno svolto un sopralluogo nella casa di Senago (Milano) dove vivevano Alessandro Impagnatiello e Giulia Tramontano. Il trentenne è in carcere a San Vittore con l'accusa di aver ucciso la compagna incinta di sette mesi. Ieri i militari hanno sequestrato il ceppo di coltelli che si trovava sul forno in cucina: tra questi, ci sarebbe l'arma del delitto.

Immagine

Trovate tracce ematiche e biologiche in casa di Giulia Tramontano

A indicare dove fosse è stato lo stesso barman. Oltre a prelevare i coltelli, gli investigatori hanno svolto i rilievi nell'appartamento, nel garage e nella cantina della coppia. In casa avrebbero trovato diverse tracce ematiche e biologiche: sono state individuate soprattutto in salotto  un cucina dove l'uomo ha raccontato di aver colpito la compagna.

Sarebbero però state trovate anche nella parete opposta a una distanza di circa cinque metri rispetto a dove sarebbe stata accoltellata Giulia. Alcune tracce ematiche e segni di trascinamento sono stati trovati, insieme alla cenere, sulle scale che portano al garage. Tutti elementi che, secondo la Procura, metterebbero in contraddizione il racconto di Impagnatiello.

Sequestrata la tanica di benzina utilizzata per dare fuoco al corpo di Giulia

Oltre al ceppo di coltelli, gli inquirenti hanno sequestrato una tanica di benzina che dovrebbe essere quella utilizzata per dar fuoco al cadavere di Giulia e il rotolo di pellicola usato per avvolgere il corpo. Sempre ieri, il trentenne avrebbe indicato dove trovare i documenti della donna: i carabinieri hanno recuperato la patente e alcun carte di pagamento in un tombino del parcheggio della stazione di Comasina. Non è stato però trovato il cellulare della giovane.

Immagine

Alessandro Impagnatiello avrebbe pianificato l'omicidio di Giulia

Per la Procura inoltre Impagnatiello avrebbe pianificato l'omicidio: a dimostrazione di questo ci sarebbero altre ricerche effettuate su Internet alcuni giorni prima il delitto. Gli investigatori, il giorno stesso dell'arresto, avevano trovato alcune ricerche effettuate alcune ore prima l'omicidio. Sulla base di queste, la giudice per le indagini preliminari aveva escluso l'aggravante della premeditazione perché troppo a ridosso il delitto.

Immagine

Alla luce di queste nuove prove, la situazione potrebbe ribaltarsi: il trentenne avrebbe cercato su Internet gli effetti del veleno per topi. Una confezione di questa sarebbe stata trovata in casa durante i sopralluoghi.

572 CONDIVISIONI
255 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views