Distanti ma vicini. Quante volte è stata sentita questa frase negli ultimi nove mesi? E dopo quante ripetizioni ha iniziato a perdere di significato perché la distanza fisica obbligata oscura la vicinanza emotiva? Ma, soprattutto, se per chi vive al di fuori di una Rsa la vita è tornata a regalare una pseudo normalità fatta di distanze ridotte, che suono hanno queste parole alle orecchie degli ospiti delle case di riposo?

Cos'è e come funziona il tunnel degli abbracci

Per non far sì che risuonino all'infinito senza una conseguenza effettiva che duri nel tempo, nella Rsa di Seniga – paese in provincia di Brescia – hanno pensato di installare una struttura, subito rinominata "il tunnel degli abbracci", per consentire agli ospiti della casa di riposo di tornare ad avere un contatto con i proprio parenti. Come spiegato dalla Rsa, l'idea è stata proposta da una ditta di Milano, la Aeronord Aerostati, seguendo la traccia di quanto successo in altre regioni. "Il nostro presidente l'ha ritenuta una buona idea – spiegano dalla casa di riposo – e dopo aver chiesto un preventivo abbiamo deciso di accettare". In sostanza, il tunnel degli abbracci è una struttura gonfiabile divisa al suo interno a metà da un pannello in Polivinilcloruco (pvc) dotato di "manicotti dove è possibile inserire le braccia per raggiungere la persona al di là della parete trasparente".

L'abbraccio tra gli ospiti e i parenti: Si sente il calore dell'altra persona

In questo modo, i parenti degli ospiti possono tornare a stringere i propri cari senza correre il rischio di trasmettergli il virus. "Ieri c'è stata una sorta di prova generale – spiegano ancora dalla casa di riposo – ed è stato molto bello perché, essendo anche i manicotti in pvc, si sente il calore dell'altra persona e si avverte nitidamente il suo tocco". L'unico ostacolo che potrebbe bloccare temporaneamente le visite, nonostante gli oblò presenti all'interno del tunnel per il ricircolo dell'aria, è la presenza di un positivo tra gli ospiti della struttura.

Il Ministero della Salute alle Rsa: Compratelo tutti

Ma il Ministero della Salute ha invitato tutte le Rsa a dotarsi di questi tunnel per favorire la ripresa delle visite in sicurezza agli anziani che non vedono i loro parenti da troppo tempo. Sintomo che l'innovazione, mista alla sicurezza, può avvicinare davvero le persone più o meno fragili, così da permettergli di non rimanere in balìa di uno slogan che per loro potrebbe rimanere per sempre tale.