(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Tragedia sfiorata a Monza. Un uomo ubriaco e armato di un machete ha aggredito quattro persone in un parcheggio di un supermercato: l'episodio si è verificato nella serata di giovedì, 11 febbraio, e ha portato all'arresto del responsabile. Dagli accertamenti dei carabinieri è poi emerso che il 39enne avesse tra i precedenti penali anche un coinvolgimento in un omicidio avvenuto a Bergamo.

Le aggressioni alle quattro vittime nel parcheggio del supermercato

Le prime due persone a essere state aggredite nel parcheggio di un supermercato sono state due donne di 46 e 16 anni: mamma e figlia lo hanno trovato davanti la loro auto. L'uomo ha sfondato il loro parabrezza e le ha minacciate con l'arma chiedendo di farsi dare il portafogli e il denaro. Mentre le due, impaurite, facevano come richiesto; l'uomo ha iniziato a inveire contro due ventenni. I due, fratello e sorella, sono stati minacciati con il machete e sono stati costretti a consegnare soldi, cellulare e auto.

I precedenti penali e l'arresto

Mentre l'uomo era intento a minacciare le altre due vittime, le prime due sono riuscite a chiamare le forze dell'ordine. I carabinieri, arrivati immediatamente sul posto dell'aggressione, sono riusciti a bloccare l'uomo. Fortunatamente non sono stati registrati feriti. Portato in caserma, hanno trovato tra i suoi precedenti penali anche il coinvolgimento in un omicidio avvenuto a Bergamo. Il 39enne è stato poi sottoposto all'esame dell'etilometro e sono stati trovati valori tre volte superiori al limite consentito. L'uomo è stato così portato in ospedale per svolgere dei controlli e poi in carcere.