245 CONDIVISIONI
1 Dicembre 2022
10:51

“Mi ha offerto un passaggio e ha tentato di violentarmi”, il racconto di Jessica a Fanpage.it

Jessica è stata vittima di molestie da parte di un uomo che conosceva: con la scusa di accompagnarla a casa, avrebbe tentato di violentarla.
A cura di Ilaria Quattrone
245 CONDIVISIONI

Jessica ha 25 anni e quattro giorni fa, il 27 novembre 2022, è stata vittima di un tentativo di violenza sessuale a Voghera, comune in provincia di Pavia. A molestarla sarebbe stata una persona che conosceva, di cui si fidava. Dopo aver trovato il coraggio di denunciare l'accaduto con le forze dell'ordine e poi successivamente con i media, sarebbe stata anche vittima di alcuni commenti inopportuni. "Una persona che conosco, mi ha detto che avrebbe sentito alcuni commenti spiacevoli su quello che mi è successo", racconta a Fanpage.it.

Questi quattro giorni sono stati molto particolari per lei: "Sto avendo alcuni attacchi di panico", spiega a Fanpage.it. Le terribili molestie sarebbero avvenute intorno alle 22.30 all'uscita da un bar. L'uomo – come ha raccontato lei stessa alla polizia – conosceva sia lei che il padre: "Sono salita in auto con lui perché mi aveva detto che avrebbe dovuto parlarmi di cose che riguardavano mio padre e che mi avrebbe accompagnato a casa".

Le molestie

In realtà non è stato così. L'uomo si sarebbe infatti diretto in una zona periferica. Come ha spiegato alle forze dell'ordine, a un certo punto, si sarebbe calato "i pantaloni e le mutande con unico gesto". Jessica non si è persa d'animo e ha trovato un modo per poter salvarsi: "Gli ho chiesto di poter chiamare il mio compagno con la scusa di accertare come stessero i miei figli".

In quel modo sarebbe riuscita a dirgli che era in macchina con quell'uomo e gli avrebbe anche mandato la posizione: "Nella speranza che capisse che qualcosa non andava".  Le cose sarebbero poi peggiorate sempre più: "Ha preso la mia mano sinistra, chiusa in quanto avevo un accendino, e me l'appoggiava – come ha raccontato alla polizia – sul suo membro. Io in reazione al suo gesto, la levavo". Questa situazione si sarebbe ripetuta almeno altre sei-sette volte.

La denuncia

A un certo punto, la 25enne sarebbe riuscita a videochiamare il padre che avrebbe capito cosa stava succedendo. L'uomo ha chiamato le forze dell'ordine. In attesa che la ragazza venisse individuata, è stata lei stessa a riuscire a fermare l'auto. In questo modo avrebbe recuperato la borsa dove all'interno avrebbe avuto un taglierino: "Gli ho puntato il taglierino tenendo il telefono sulla coscia in modo che gli altri ci sentissero".

Fortunatamente, al primo stop, “incrociavamo mio padre che ci tagliava la strada con la sua vettura”. È stato lui a portarla prima a casa e poi in commissariato dove ha denunciato l'accaduto.

245 CONDIVISIONI
"Non volevano che bevessi acqua", l'ex ginnasta delle Farfalle racconta come le controllavano il peso
Manifestazione degli anarchici a Milano, sputi e insulti alla giornalista di Fanpage.it
Manifestazione degli anarchici a Milano, sputi e insulti alla giornalista di Fanpage.it
Bidella pendolare tra Napoli e Milano: le cose che non tornano analizzate una a una
Bidella pendolare tra Napoli e Milano: le cose che non tornano analizzate una a una
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni