(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Un uomo di 46 anni è morto in tragiche circostanze nella mattinata di oggi, mercoledì 12 maggio, sul raccordo fra la statale 336, la superstrada per l'aeroporto di Malpensa e l'Autostrada A8, al confine tra i territori comunali di Busto Arsizio e Gallarate. All'inizio si era ipotizzato che si fosse trattato di un incidente stradale: la vittima era infatti stata travolta in circostanze poco chiare da un mezzo pesante che stava transitando sul raccordo.

All'inizio si era pensato a un incidente, poi la svolta: è stato un gesto volontario

I successivi accertamenti della polizia stradale, giunta sul posto assieme ai vigili del fuoco e ai mezzi di soccorso del 118, hanno però consentito di fare luce sull'accaduto. Stando alle successive ricostruzioni, la vittima sarebbe precipitata sul raccordo da un cavalcavia: una caduta di diversi metri che lo ha ucciso praticamente sul colpo. Quando il 46enne è stato investito dal conducente del camion era dunque praticamente già morto. Il camionista si è trovato improvvisamente di fronte il corpo senza vita del 46enne e non è riuscito a evitare l'impatto: l'uomo è stato soccorso per lievi ferite e per lo choc subito, mentre i soccorsi per il 46enne si sono rivelati inutili.

Stando a quanto ricostruito dalla Polstrada, si sarebbe trattato di un gesto volontario: il 46enne si sarebbe dunque suicidato scegliendo di lanciarsi nel vuoto dal cavalcavia. Il tragico episodio ha avuto inevitabili ripercussioni sul traffico: la statale è stata infatti rimasta a lungo chiusa verso l'aeroporto in direzione Vergiate, e sulla viabilità ordinaria si sono registrate lunghe code fino alla riapertura, avvenuta poco prima delle 13.