Scena da far west nelle strade di Olginate, in provincia di Lecco, dove un uomo di 47 anni è stato raggiunto da tre colpi di pistola ed è morto in ospedale dove era stato trasportato in condizioni gravissime. I carabinieri indagano per ricostruire l'accaduto e rintracciare l'aggressore, che è fuggito dopo avere esploso i colpi. L'ipotesi è che si tratti di un regolamento di conti.

Sparatoria a Olginate: gravissimo un 47enne

La sparatoria si è verificata attorno alle 13.40 di oggi, domenica 13 settembre. Sul posto, in via Albegno nella frazione di Santa Maria, sono arrivate un'ambulanza e un'automedica in codice rosso, oltre a carabinieri e vigili del fuoco che hanno chiuso la strada di accesso. Secondo quanto riportato da Areu (Azienda regionale emergenza e urgenza), l'equipe del 118 ha prestato i soccorsi all'uomo, che è stato rianimato sul posto e trasportato all'ospedale di Lecco in condizioni disperate. È deceduto poco dopo il ricovero.

Ipotesi regolamento di conti, ferito anche il fratello

La vittima è Salvatore De Fazio, originario di Belcastro (Catanzaro), da anni residente nel Lecchese. Lascia la moglie e tre figli. Anche il fratello è rimasto ferito, in modo meno grave. Avrebbe trovato rifugio in un'abitazione nella vicina via al Crotto. In seguito è stato trasportato a sua volta all'ospedale Manzoni e sarebbe già stato sentito dagli inquirenti. Al momento l'ipotesi al vaglio è quella di un regolamento di conti. Nella notte infatti era già avvenuta un'aggressione nella stessa zona. Un 25enne era rimasto ferito in una rissa poco dopo mezzanotte a Olginate, riportando un trauma cranico. I carabinieri di Merate e Lecco stanno ricostruendo la dinamica dei due episodi e verificando se ci sia un collegamento.