15 Settembre 2021
13:54

Le ultime parole di Giuseppina prima di essere uccisa dall’ex marito: “Aiuto, mi hanno accoltellato”

“Aiuto, mi hanno accoltellato”: sono state queste le ultime parole di Giuseppina Di Luca, la donna uccisa a coltellate dall’ex marito ad Agnosine, comune in provincia di Brescia. A sentirla è stato il padre di una sua vicina che ha così chiamato i soccorsi. Nonostante il loro tempestivo intervento, per lei non c’è stato nulla da fare. L’uomo oggi, durante l’interrogatorio, ha confessato l’omicidio.
A cura di Ilaria Quattrone

"Aiuto, mi hanno accoltellato": sono state queste le ultime parole di Giuseppina Di Luca, la donna uccisa a coltellate sul pianerottolo del suo appartamento di Agnosine, comune in provincia di Brescia. La 46enne si era trasferita in quell'abitazione, in attesa che fossero ultimate tutte le pratiche della separazione. I due infatti si erano lasciati da un po' di tempo e l'uomo non accettava la fine della relazione tanto da averla spesso minacciata. Lunedì 13 settembre, intorno alle 7.30, si è trovata l'ex fuori da casa.

L'ha inseguita per le scale e poi l'ha accoltellata

Il 52enne l'ha così inseguita per le scale per poi colpirla almeno dieci volte con un coltello e un pugnale: secondo l‘esame dell'autopsia l'ha accoltellata alla gola, al torace e al petto. Dopodiché è salito in auto e si è recato in caserma dove ha confessato quanto fatto. La donna, ancora cosciente, si è così trascinata in garage e ha chiesto aiuto. A sentire le sue parole è stato il padre di una vicina che ha dato poi l'allarme. Nonostante il tempestivo intervento dei soccorsi, per la donna non c'è stato nulla da fare.

Il dolore del titolare e del sindaco

Giuseppina, secondo quanto riportato dal quotidiano "Il Corriere della Sera", lavorava da quando aveva 14 anni alla Cominotti srl. Il titolare Mauro è rimasto veramente scosso dalla notizia: "È stata la prima assunzione. Una donna precisa, tranquilla, una bravissima persona". Sconvolto anche il sindaco Giorgio Bontempi che ha soccorso le figlie della donna: "Piangevano a dirotto, abbiamo cercato di proteggerle e tranquillizzarle nel limite del possibile".

L'uomo ha confessato l'omicidio

Dalle ricostruzioni degli inquirenti, sembrerebbe che l'uomo già in passato avesse minacciato e perseguitasse la donna. Dagli accertamenti è emerso che non ci fosse nessuna denuncia o segnalazione. La tesi però è stata confermata dalla sorella di Giuseppina che ha detto: "Diceva che gliela avrebbe fatta pagare, ma nessuno pensava potesse arrivare a questo punto". Oggi l'uomo è stato sottoposto a interrogatorio davanti al giudice per le indagini preliminari e qui ha ammesso le sue responsabilità. 

Caso Ziliani, sindaco di Temù: "Voleva lasciare due case alla terza figlia, le sorelle sono cattive"
Caso Ziliani, sindaco di Temù: "Voleva lasciare due case alla terza figlia, le sorelle sono cattive"
La moglie morì bruciata tra le fiamme, marito a processo per omicidio. La difesa: "Si è suicidata"
La moglie morì bruciata tra le fiamme, marito a processo per omicidio. La difesa: "Si è suicidata"
Rivolta d'Adda, lascia la fidanzata e viene accoltellato dal fratello di lei: scattano le manette
Rivolta d'Adda, lascia la fidanzata e viene accoltellato dal fratello di lei: scattano le manette
Esplosione nello studio dentistico, 3 ustionati: ferita una bambina
Esplosione nello studio dentistico, 3 ustionati: ferita una bambina
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni