Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

È una donna di 36 anni l'ultima "vittima" di un incidente su un monopattino elettrico a Milano. Una "moda", quella dei mezzi di micro mobilità sostenibile, sempre più diffusi nel post lockdown da Coronavirus, che ha ormai generato un nuovo pericolo sulle strade cittadine, come dimostrano il numero di incidenti che si sono verificati negli ultimi giorni e anche l'interessamento alla questione da parte della procura di Milano. Nell'ambito di un'inchiesta sulla sicurezza dei monopattini condotta dal Dipartimento tutela della salute, dell'ambiente e del lavoro, a capo del quale c'è il procuratore aggiunto Tiziana Siciliano, ha inviato una lettera alla polizia locale per chiedere tutti i documenti relativi agli incidenti in monopattino a partire dallo scorso 1 maggio.

La donna rimasta ferita non è grave

Fortunatamente la donna 36enne rimasta coinvolta nell'ultimo di questi incidenti, avvenuto nella notte tra venerdì e sabato in via Crespi, zona Darsena, non è in pericolo di vita, anche se ha riportato seri traumi. Stando a quanto riporta l'Azienda regionale emergenza urgenza l'episodio si è verificato attorno all'1.15 di notte. Non ci sarebbero altri veicoli coinvolti, e dunque la 36enne avrebbe fatto tutto da solo, perdendo il controllo del mezzo e cadendo per terra. Sul posto è stata inviata un'ambulanza in codice giallo: sempre in codice giallo i soccorritori del 118, dopo una prima valutazione delle condizioni della ferita, hanno deciso di trasportarla al Policlinico, dove le sono state medicate le ferite. Le condizioni della donna non sono preoccupanti.