È morta la donna rimasta ustionata nell'incendio delle sua abitazione a Malgrate, in provincia di Lecco, scoppiato nella tarda mattinata di mercoledì 6 gennaio. La vittima è Piera Spreafico, 79 anni: l'anziana combatteva tra la vita e la morte al centro grandi ustionati di Villa Scassi di Genova dove è morta oggi martedì 19 gennaio. L'incendio si era sviluppato la mattina dell'Epifania nell'appartamento della 79enne in una palazzina di via Monsignor Polvara: presto le fiamme avevano avvolto tutta la casa. Oltre la donna, anche suo marito Giacomo Ceruti, 82 anni, era rimasto gravemente ustionati. Oggi la notizia del decesso, mentre l'uomo è ancora ricoverato all'ospedale Niguarda di Milano.

Al momento dell'incendio la donna era da sola in casa

Oltre alla coppia di anziani, decine di abitanti la mattina dell'Epifania erano rimaste bloccate sui balconi prima di essere salvate dai vigili del fuoco intervenuti immediatamente suo luogo dell'accaduto. Circa cinquanta persone erano state evacuate mentre la donna era stata prima trasportata in elisoccorso all'ospedale Sant'Anna di Como in gravi condizioni per poi essere stata trasferita al centro grandi ustioni di Genova. Stando alla prima ricostruzione, al momento dello scoppio dell'incendio la donna era sola in casa. Il marito è stato travolto dalle fiamme del loro appartamento una volta rientrato a casa da messa. Quella mattina erano stati trasportati in ospedale per accertamenti anche una mamma con un bimbo di due anni e una giovane incinta, residenti in un altro appartamento della stessa palazzina. Le loro condizioni però non era apparse fin da subito preoccupanti.