1.263 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
News sull'omicidio di Yana Malayko

Il papà di Yana Malayko dopo il ritrovamento del corpo: “Dumitru pagherà il prezzo più alto”

A poche ore dal ritrovamento del corpo di Yana Malayko, suo padre Oleksandr ringrazia chi ha aiutato nelle ricerche. Chiedendo giustizia, è sicuro che l’ex fidanzato di sua figlia, Dumitru Stratan, accusato dell’omicidio della 23enne pagherà “il prezzo più alto”.
A cura di Enrico Spaccini
1.263 CONDIVISIONI
Oleksandr Stratan
Oleksandr Stratan
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Lui pagherà il prezzo più alto possibile". Ne è certo Oleksandr Malayko, il papà di Yana la ragazza uccisa dal suo ex fidanzato la sera di giovedì 19 gennaio e cui cadavere è stato ritrovato solo ieri, 12 giorni dopo. Lo stesso ex fidanzato che due giorni dopo la scomparsa della 23enne ucraina è stato arrestato con l'accusa di omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere, e con un nome che Oleksandr non pronuncia. Dopo giorni di ricerche, Yana è stata trovata in un sacco nascosto in un fosso nelle campagne di Castiglione delle Stiviere, sotto una catasta di legna. "Vorrei ringraziare tutti quelli che mi hanno dato una mano, ho fiducia nella giustizia italiana", assicura Oleksandr ribadendo: "Io e mia figlia morta chiediamo giustizia".

Yana Malayko
Yana Malayko

La trappola di Dumitru

Secondo la ricostruzione fatta nei giorni scorsi dagli investigatori, la sera del 19 gennaio Dumitru Stratan era riuscito ad attirare la sua ex fidanzata in una trappola. Le aveva mandato dei messaggi dicendo che il cane, che avevano preso quando ancora stavano insieme, stava male e che voleva portarglielo per affidarlo alle sue cure.

Yana, che era insieme al suo nuovo fidanzato Andrej, avrebbe quindi accettato di incontrarlo nell'appartamento della sorella di lui, Cristina, sopra al bar Event Coffee dove lavorava. La 23enne ucraina era stata ospitata là dopo aver interrotto la relazione con Dumitru. E in quell'abitazione avrebbe trovato di nuovo il 33enne moldavo, senza il cane.

L'occultamento del corpo di Yana

In quelle ore, sostengono gli inquirenti, Dumitru uccide Yana. Il sangue è dappertutto, come ha raccontato la sorella Cristina, ma la ragazza è già lontana. Il suo ex fidanzato l'avrebbe, infatti, infilata in un sacco che ha poi caricato nella sua auto (ripreso dalle telecamere).

Dumitru Stratan, il 33enne moldavo in carcere con l'accusa di omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere
Dumitru Stratan, il 33enne moldavo in carcere con l'accusa di omicidio volontario premeditato e occultamento di cadavere

Da quel momento inizia una serie di tentativi di depistaggio, l'auto si impantana, interviene un agricoltore ad aiutarlo, nasconde il corpo, abbandona la Mercedes. Infine, torna con l'autostop in quell'appartamento dove verrà poi arrestato poche ore più tardi. Ora Dumitru si trova in carcere a Mantova e non ha mai parlato.

1.263 CONDIVISIONI
38 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views