6.756 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Giovane straniero trova 400 euro in un portafoglio e li consegna ai carabinieri

La storia di Soumaila, classe 1994 e le notti passate in mare aperto sul barcone che l’ha portato in Italia dal Mali. I carabinieri di Lodi: “Ci auguriamo che il suo gesto non passi inosservato, e che possa essere ricompensato”
A cura di Francesca Del Boca
6.756 CONDIVISIONI
Foto Facebook
Foto Facebook

Un portafoglio per terra, perduto da qualche passante. Dentro ci sono ben 400 euro. Che fare?

Ha deciso di consegnarli ai carabinieri di Lodi il giovane Soumaila Keita, classe 1994 e originario del Mali. Senza titubare, neanche un momento. Quei soldi, che per lui potrebbero fare la differenza, sono da restituire immediatamente al legittimo proprietario. "Ho subito controllato il documento di identità ", ha raccontato a Il Cittadino. "E quindi, non conoscendo questa persona, mi sono rivolto alle forze dell’ordine".

Da Cornegliano (Lodi), il paese in cui ha trovato il portafoglio, è saltato in sella alla sua bicicletta per recarsi al commissariato del capoluogo. Quattro chilometri ad andare e quattro a tornare, sotto il solleone dell'agosto in pianura.

"Una persona dal valore grande"

Così Soumaila si è guadagnato la stima e l'ammirazione dei carabinieri di Lodi. "Un ragazzo straniero di 28 anni ha dato dimostrazione di una persona dal valore grande", ha riferito sempre al quotidiano locale il Maggiore Gabriele Schiaffini.

"Un gesto più unico che raro che colpisce ancora di più per la situazione precaria vissuta dal giovane, da mesi senza un lavoro". E ha concluso con parole di speranza. "Ci auguriamo che il suo gesto non passi inosservato e che, magari, possa essere ricompensato. Saremmo lieti di poterlo aiutare a trovare presto un nuovo lavoro". 

La storia di Soumaila

Si, perché il giovane Soumaila al momento è disoccupato e non ha un'abitazione: dopo che gli è scaduto il contratto come badante a Milano, ha trovato rifugio a casa di un conoscente che risiede nel paesino del Lodigiano. "Qui ho qualche amico, qualche persona su cui fare riferimento", ha detto.

Una situazione precaria e un futuro incerto, dopo averne passate già tante. Dopo la traversata nel deserto e l'odissea lunga due notti, in mare aperto, sul barcone che l'ha portato in Italia in cerca di fortuna.

Fortuna che potrebbe finalmente arrivare a ricompensa di questo bel gesto. Che non è stato, invece, un colpo di fortuna, ma la dimostrazione di un cuore grande.

6.756 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views