86 CONDIVISIONI

È morta Laura Wronowski, staffetta partigiana e giornalista: era la nipote di Matteotti

Con il soprannome di Kyky, Laura Wronowski era diventata un simbolo della Resistenza contro il nazifascismo. L’Anpi: “Ciao Laura, ciao Partigiana. Un grande dolore”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Milano Fanpage.it
86 CONDIVISIONI
Laura Wronowski
Laura Wronowski

Il suo nome di battaglia era Kyky e, con quel soprannome, si arruolò nel Brigata Giustizia e Libertà per combattere in prima persona il nazifascismo, che aveva ucciso suo zio Giacomo Matteotti. Ieri, domenica 22 gennaio, è morta Laura Wronowski, staffetta partigiana e poi giornalista diventata uno dei simboli della resistenza a Milano e in tutta Italia.

Morta Laura Wronowski

Fra i primi a commentare la morte di Laura Wronowski c'è la segretaria cittadina del Partito democratico milanese, Silvia Roggiani: "Ricorderemo sempre Wronowski per il suo coraggio e per la sua straordinaria dedizione e caparbietà", ha scritto su Facebook.

"Contro l'oppressione del regime nazifascista, – ha proseguito Roggiani – giovanissima scelse la strada dei monti. Nipote di Matteotti, con la conoscenza e la cultura che l'hanno sempre contraddistinta, continuò a essere testimone di quegli anni facendo Memoria".

"La città perde una grandissima milanese. La sua storia continuerà a vivere in noi, non indietreggeremo nemmeno di un passo per i valori che hanno spinto Wronowski a unirsi alla Resistenza. La mia più sincera vicinanza alla famiglia e all'Anpi in questo giorno di dolore", ha concluso la segretaria dem.

E infatti proprio dall'Associazione Nazionale Partigiani è arrivato un altro forte messaggio di cordoglio: "Ciao Laura, ciao Partigiana. Un grande dolore".

Chi era Kyky

Nata il primo gennaio del 1924 a Milano, era la figlia di un giornalista del Corriere della Sera e della cognata di deputato socialista Giacomo Matteotti, ucciso dagli squadristi fascisti il 10 giugno del 1924. Durante il fascismo ha vissuto in Liguria, proprio con i figli di Matteotti, ma l'8 settembre del 1943 scelse la Resistenza e quindi si arruolò partigiana, dove svolgeva il ruolo di staffetta fra gli uomini nascosti nelle campagne e la città.

Era stata anche la fidanzata con Sergio Kasman, il capo di stato maggiore del Comando piazza di Milano per Giustizia e Libertà, ucciso il 9 dicembre 1944 per colpa di una spia che lo aveva venduto ai tedeschi. Le sue gesta sono anche raccontate nel libro "Con l'anima di traverso. La storia di resistenza e libertà di Laura Wronowski".

86 CONDIVISIONI
A Milano i vandali distruggono le pietre d'inciampo dedicate agli 11mila bimbi palestinesi morti a Gaza
A Milano i vandali distruggono le pietre d'inciampo dedicate agli 11mila bimbi palestinesi morti a Gaza
Rapinano un uomo e poi lo chiudono nel bagagliaio dell'auto: è già il secondo caso in un mese a Milano
Rapinano un uomo e poi lo chiudono nel bagagliaio dell'auto: è già il secondo caso in un mese a Milano
Perché le Olimpiadi di Milano-Cortina 2026 sono diventate un elemento di scontro nella Lega
Perché le Olimpiadi di Milano-Cortina 2026 sono diventate un elemento di scontro nella Lega
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views