(Immagine di archivio Getty images)
in foto: (Immagine di archivio Getty images)

Ha perso l'equilibrio mentre era in cima a una scala per potare i suoi alberi di ulivo e nella caduta ha urtato la testa. È morto così Amadio Ottolini, impresario edile in pensione. A trovarlo privo di sensi per terra è stata la moglie dell'uomo nel loro giardino di casa, tra Desenzano del Garda e Lonato, in provincia di Brescia. La tragedia, stando a quanto riportato dall'Azienda regionale emergenza urgenza, si è verificata attorno alle 13 di ieri, domenica 14 febbraio. Sul posto, in località Centenaro, il 118 ha inviato due ambulanze e un'automedica ma purtroppo i soccorritori non hanno potuto fare nulla per salvare la vita all'anziano: il suo cuore non ha ripreso a battere.

L'uomo sarebbe morto a causa di un malore, che gli ha fatto perdere l'equilibrio

Per accertare quanto avvenuto nell'abitazione dell'uomo, che aveva 77 anni ed era molto conosciuto nella zona, sono intervenuti anche i carabinieri di Desenzano Del Garda. Non ci sono dubbi sulla natura accidentale della tragedia: sembra però che a causare il decesso dell'uomo non sia stato l'urto della testa contro un muretto, avvenuto nella caduta, bensì un malore che il 77enne avrebbe accusato mentre era in cima alla scala, e che gli avrebbe fatto perdere l'equilibrio.

La salma è già stata restituita alla famiglia: il 77enne lascia moglie e figlia

L'incidente è avvenuto mentre Ottolini stava potando i suoi amati ulivi. La salma dell'uomo, dopo gli accertamenti medico-legali, è già stata consegnata alla famiglia, che potrà provvedere ai funerali. Il 77enne lascia moglie e figlia: tempo fa aveva perso il fratello, col quale prima di andare in pensione aveva gestito l'azienda edile.