27 Settembre 2021
19:27

Caccia in Lombardia, manifestanti protestano a Milano contro la sentenza del Tar

Protesta dei cacciatori a Milano. Il raduno è cominciato oggi pomeriggio nella piazza davanti alla stazione di Milano Centrale. I manifestanti chiedono urlando “Caccia libera in Lombardia” dopo la sentenza del Tar che ha sospeso l’attività venatoria fino al prossimo 7 ottobre. Ora i manifestanti si starebbero muovendo verso Palazzo Lombardia.
A cura di Simona Buscaglia
Alcuni dei manifestanti nella piazza di Stazione Centrale a Milano
Alcuni dei manifestanti nella piazza di Stazione Centrale a Milano

Sono circa un centinaio i cacciatori che stanno protestando a Milano. Il raduno è cominciato nella piazza di fronte alla stazione centrale, molto vicina alla sede del consiglio regionale di Palazzo Pirelli, e anche a quella della giunta regionale di Palazzo Lombardia. Al grido di "Caccia libera in Lombardia", i manifestanti hanno proseguito con diversi insulti rivolti all'assessore all'Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi, Fabio Rolfi, accusato di non aver fatto abbastanza in seguito alla sentenza del Tar che ha sospeso l'attività venatoria fino al 7 ottobre. Esposti diversi cartelli con scritto "Tutti animalisti ma di natura non sapete niente" e altri ancora con "Cacciatori fondamentali per l'ecosistema" o "Regione Lombardia vergogna". A ridosso del voto, ad esempio proprio a Milano, previsto per il 3 e 4 ottobre, anche un cartello con scritto "Cacciatori, pescatori e amici: cinque milioni di voti scordateli" oppure ancora "Politici attenti, la caccia non si tocca". Ora i manifestanti si stanno spostando verso Palazzo Lombardia.

La sentenza del Tar della Lombardia che ha fatto infuriare i cacciatori

Alcuni manifestanti della protesta di oggi dei cacciatori a Milano Centrale
Alcuni manifestanti della protesta di oggi dei cacciatori a Milano Centrale

Il Tar della Lombardia aveva sospeso almeno fino al prossimo 7 ottobre l’attività venatoria nella regione. Era stato infatti accolto il ricorso della Lac, la Lega per l’abolizione della caccia. Nel mirino dell’associazione il calendario riduttivo che aveva ampliato le specie da poter cacciare. Federcaccia Lombardia sul sito ufficiale in seguito alla sentenza aveva scritto: "Federcaccia Lombardia in data 14 maggio e in data 7 luglio aveva avvisato Regione Lombardia che pubblicare il calendario due giorni prima dell’apertura era praticamente un suicidio, e avrebbero messo a repentaglio la stagione. Qualcuno in Regione deve assumersi la responsabilità di questa scelta scellerata". La delibera di pochi giorni dopo, annunciata dallo stesso Rolfi che ha "riaperto" la caccia, non ha però trovato il consenso dei cacciatori che l'hanno definita "una riapertura non alle condizioni promesse".

Ostacolò un giornalista: manifestante No green pass indagato e perquisito a Milano
Ostacolò un giornalista: manifestante No green pass indagato e perquisito a Milano
No green pass a Milano, tensione in Duomo: polizia identifica 257 manifestanti, 2 denunciati
No green pass a Milano, tensione in Duomo: polizia identifica 257 manifestanti, 2 denunciati
Venerdì 3 dicembre sciopero dei trasporti a Milano e in Lombardia: orari e fasce garantite
Venerdì 3 dicembre sciopero dei trasporti a Milano e in Lombardia: orari e fasce garantite
Il Comune di Milano attiva il piano per l'emergenza neve: l'8 dicembre previsti fino a 10 centimetri
Il Comune di Milano attiva il piano per l'emergenza neve: l'8 dicembre previsti fino a 10 centimetri
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni