Li avevano fermati all'uscita del treno per poter visionare i loro biglietti, ma erano stati minacciati e picchiati. Dopodiché i due responsabili erano fuggiti facendo perdere le loro tracce. L'episodio si era verificato lo scorso 6 marzo nella stazione Vittoria del metrobus di Brescia. A essere maltrattati erano stati due controllori dell'azienda "Brescia Trasporti".

L'aggressione e la fuga

Al rifiuto di mostrare i biglietti e notando che i due si stavano dirigendo verso l'uscita, i due addetti – un uomo e una donna – avevano iniziato a inseguirli. E proprio a causa dell'inseguimento era esplosa una discussione che era poi sfociata in un'aggressione. I controllori furono presi a schiaffi e pugni. I due responsabili erano riusciti poi a scappare. Gli addetti erano stati poi soccorsi da alcuni colleghi: sul posto era giunto il personale sanitario del 118 che li ha poi trasportati alla clinica Città di Brescia.

Denunciati a piede libero due ragazzi di 22 e 23 anni

L'aggressione era stata poi denunciata ai carabinieri del comando provinciale. Per un mese i militari hanno condotto le indagini, cercando di ricostruire quanto accaduto attraverso le testimonianze dei presenti e alle immagini delle telecamere di videosorveglianza. All'esito delle indagini – come riportato in una nota stampa – i militari hanno fermato i due presunti responsabili: un ragazzo di 22 anni e uno di 23 anni. Entrambi – nella giornata di oggi mercoledì 14 aprile – sono stati denunciati a piede libero. Le accuse sono di lesioni, minacce, violenza a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità e mostrare i documenti.