125 CONDIVISIONI
17 Giugno 2022
20:56

Allarme siccità nelle campagne lombarde, gli agricoltori disperati: “Perso quasi tutto il raccolto”

È allarme tra i produttori agricoli delle campagne cremonesi vicine all’Adda: la siccità ha quasi azzerato i raccolti, ma i costi rimangono. E i prezzi crescono.
A cura di Chiara Daffini
125 CONDIVISIONI
I fontanili a secco del Cremasco
I fontanili a secco del Cremasco

“Mio padre lavora in questi terreni da 65 anni e una cosa del genere dice di non averla mai vista”, commenta Mirko Crespiatico, 25 anni non ancora compiuti, dottore agronomo e conduttore, insieme al papà, dell’azienda agricola Crespiatico a Spino d’Adda, nelle campagne cremonesi. Il caldo – sono 37 i gradi registrati, molti di più quelli percepiti, vista l’assenza totale di vento nella zona – rende difficile il lavoro, ma il vero dramma è che questo lavoro potrebbe non fruttare quasi nulla nelle prossime settimane.

Manca l’acqua da gennaio

“Ampie zone di appezzamenti – osserva Mirko – sono totalmente bruciate e lì non ci sarà nessun raccolto, ma anche dove si può salvare qualcosa la riduzione produttiva sarà almeno dell’80-90 per cento. Un disastro”. E ad aggravare l’aridità di questi campi, oltre alla siccità, contribuisce un altro fattore, a monte: “Come ogni anno – spiega a Fanpage.it Cristiano Milanesi, che conduce l’azienda agricola La Mandria Milanesi – a gennaio è stata tolta l’acqua per la consueta manutenzione dei canali dell’Adda, solo che poi, vista la mancanza di piogge e di neve in montagna, si è deciso di conservarla nei laghi, così queste terre non hanno visto una goccia fino a maggio. Poi è arrivata la siccità estiva”.

I prezzi aumenteranno anche del 70 per cento

Una penuria che coinvolge tutta la filiera: “Il mais – spiega a Fanpage.it Crespiatico – non è solo la principale coltura di questo territorio, ma è anche alla base del foraggio per suini e bovini. Di conseguenza nei prossimi mesi non riusciremo a sfamare tutte le bestie che abbiamo nelle stalle”. Il che significa due cose: “In tutti questi mesi stiamo continuando a sostenere costi importanti per tutto il ciclo produttivo, ma non potremo ammortizzarli – continua il giovane agricoltore -, quindi i prezzi dei prodotti agricoli aumenteranno del 60-70 per cento”.

Coldiretti, “Non solo Adda, serve stato di calamità”

“Una situazione come questa, che da crisi idrica è diventata calamità, non si vedeva almeno da cent’anni – dice a Fanpage.it la direttora di Coldiretti Cremona Paola Bono – e non colpisce solo il Cremasco, cioè la zona dell’Adda, ma anche tanti altri territori del Cremonese, per esempio quelli interessati dalle derivazioni del Po, il cui livello è così basso che non basta più per irrigare i campi. Per tutte queste aree serve lo stato di calamità”.

125 CONDIVISIONI
Siccità, l'allarme di Fontana:
Siccità, l'allarme di Fontana: "In Lombardia abbiamo acqua solo fino al 25 luglio"
Le spaventose immagini dei campi di mais che non hanno mai visto l'acqua
Le spaventose immagini dei campi di mais che non hanno mai visto l'acqua
Siccità in Lombardia, i corvi assetati bucano i tubi di irrigazione
Siccità in Lombardia, i corvi assetati bucano i tubi di irrigazione
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni