Nel quartiere lo conoscevano con il soprannome di "Ciccio coltello" per la sua abitudine di risolvere le questioni a colpi d'arma bianca. Un pregiudicato di 44 anni è stato arrestato dai carabinieri per il tentato omicidio di un romeno di 23 anni, accoltellato al volto, alla testa e alla schiena dopo una lite iniziata per questioni di droga, all'esterno di un bar a Cornaredo (Milano) il 22 dicembre 2018.

I militari della stazione di Cornaredo hanno eseguito l'ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti del pregiudicato,  che ha numerosi precedenti per droga. In passato aveva già accoltellato due persone, mentre in un'occasione avrebbe cosparso di benzina un anziano nel corso di una lite.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, il tentato omicidio del romeno è nato da una lite scoppiata in un locale per motivi di spaccio. Il 44enne, infatti, aveva accusato il romeno di vendere nel suo territorio per conto di qualcun altro.

La discussione in breve è degenerata all'esterno del locale, dove l'aggressore ha colpito il 23enne ripetutamente al capo e alla schiena provocandogli ferite che i medici dell'ospedale San Carlo di Milano hanno poi giudicato guaribili in 35 giorni. Ora per "Ciccio coltello" si sono aperte le porte del carcere, dove resta a disposizione dell'autorità giudiziaria.