7.774 CONDIVISIONI
14 Maggio 2022
22:15

A Samarate i funerali di Stefania Pivetta e Giulia Maja. La famiglia: “Ora viviamo per Nicolò”

Sono stati celebrati sabato 14 maggio nella chiesa di Samarate i funerali di Stefania Pivetta e di Giulia, uccise dal marito e papà, Alessandro Maja.
A cura di Chiara Daffini
7.774 CONDIVISIONI
I funerali di Stefania Pivetta e Giulia Maja a Samarate
I funerali di Stefania Pivetta e Giulia Maja a Samarate

Quando mio figlio Mirko me l’ha detto sono state come tre coltellate: una per Stefy, una per Giulia e la terza, forse la più dolorosa, per Nicolò. Chiedo a tutti voi qui presenti e ai tantissimi italiani che ci stanno dimostrando la loro vicinanza di pregare per lui, perché ritorni a casa”. Non si dà pace, Giulio Pivetta, che ai funerali della figlia Stefania e della nipote Giulia lancia un appello per il nipote 23enne Nicolò, ancora ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Varese, dopo che suo padre, Alessandro Maja, nella notte fra il 3 e il 4 maggio ha cercato di infliggergli la stessa sorte toccata alla mamma e alla sorella.

Da dieci giorni il paese in lutto

Una piazza di paese trasformata, nel giro di una mezzora, in obiettivo conteso da decine di fotocamere, i cui flash sono comunque meno accecanti della rabbia che una decina di giorni fa ha alimentato la ferocia dell’architetto milanese Alessandro Maja. Il sindaco di Samarate, Enrico Puricelli, ne parla senza perifrasi come di “un assassino” e dal giorno della tragedia ha proclamato il lutto cittadino, rispettato da attività sociali e commerciali.

La piazza dove si trova la chiesa parrocchiale di Samarate
La piazza dove si trova la chiesa parrocchiale di Samarate

Nicolò stabile ma ancora in pericolo

Al centro il dolore di una famiglia distrutta e il tentativo di proteggere quello che ne resta: “Siamo sempre stati tutti molto uniti, abbiamo fatto vacanze insieme di cui ho ricordi bellissimi – dice Giovanna Pivetta, sorella di Giulio Pivetta e quindi zia di Stefania e di Giulia – proprio per questo nessuno di noi ora riesce a capacitarsi di quanto è accaduto. Ci chiediamo il perché e tutti i nostri sforzi sono per Nicolò, che è stabile ma resta in pericolo di vita”.

L’uscita dei feretri
L’uscita dei feretri

Il parroco: “Perché non hai fermato la sua mano?”

Dobbiamo avere paura di noi stessi, perché il male è arrivato così in profondità, fino alla famiglia e Tu non hai fermato la sua mano? – chiede il parroco di Samarate don Nicola IppolitoNon abbiamo risposte, ma siamo aggrappati a quella croce, che non è l'ultimo atto, perché noi sappiamo che il Cristo è risorto e che ritroveremo Giulia e Stefania”.

La lettera della II G

Quello che forse le avrebbero raccontato tra una lezione e l’altra o sull’autobus al mattino i compagni di classe di Giulia, la II G del liceo di viale dei Tigli, glielo dicono in una lettera, letta durante la messa da un’insegnante: “Non vogliamo ricordarti come una vittima, ma come un’amica, come la ragazza solare con cui bevevamo il tè alle macchinette, con cui facevamo progetti per il futuro e con cui ci lamentavamo di quella vita monotona che oggi rivorremo indietro, pur di avere ancora tempo con te”.

I palloncini fatti volare al termine della cerimonia funebre
I palloncini fatti volare al termine della cerimonia funebre

Al termine della cerimonia amici e parenti firmano le bare e alcuni ragazzi fanno volare decine di palloncini colorati. Alcuni si impigliano però fra i rami degli alberi nella piazza, quasi a voler restare. Come Stefania e come Giulia.

7.774 CONDIVISIONI
L'avvocato dei nonni di Nicolò:
L'avvocato dei nonni di Nicolò: "Alessandro Maja non ha mai cercato di mettersi in contatto con noi"
Nicolò, unico sopravvissuto alla strage di Samarate, è uscito dal coma:
Nicolò, unico sopravvissuto alla strage di Samarate, è uscito dal coma: "Ha aperto un occhio e muove le dita"
Torna dal funerale della compagna e viene preso a pugni dalla famiglia di lei
Torna dal funerale della compagna e viene preso a pugni dalla famiglia di lei
Si stacca parte di una gru e precipita in strada: gravissimo un uomo
Si stacca parte di una gru e precipita in strada: gravissimo un uomo
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni