Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 2 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 10 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
2 Agosto 2022
08:38
AGGIORNATO02 Agosto

Le notizie del 2 agosto sulle elezioni politiche 2022

Accordo tra Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto della Vedova: PD, Azione e +Europa correranno insieme alle elezioni nella coalizione di centrosinistra dopo l'incontro di questa mattina a Montecitorio. La totalità dei candidati nei collegi uninominali della coalizione verrà suddivisa tra Democratici e Progressisti e Azione/+Europa nella misura del 70% (Partito Democratico) e 30% (+Europa/Azione).

Conte: "In bocca al lupo alla nuova ammucchiata". Renzi: "Corriamo da soli". Meloni: "Finisce la storiella di Azione partito moderato". Il centrodestra, avanti nei sondaggi, fissa due punti nel programma: elezione diretta del Presidente della Repubblica e autonomia delle Regioni. Salvini: "Se mi vedo al Viminale? Mi vedo dove mi vedono gli italiani".

Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
02 Agosto
18:49

Luigi Di Maio al proporzionale col PD: cos'è il "diritto di tribuna"

Luigi Di Maio potrebbe correre nelle liste del Partito democratico alle prossime elezioni politiche. Nell'accordo tra Pd e Azione, infatti, si spiega chiaramente che non esiste la possibilità per gli ex 5 Stelle di ottenere una candidatura all'uninominale nell'ambito degli accordi di coalizione, dunque l'attuale ministro degli Esteri dovrebbe sperare di raggiungere il 3% con la sua creatura politica, Impegno Civico. Una prospettiva difficile, considerando gli ultimi sondaggi.

Un aiuto per la sua elezione è però giunto proprio da Enrico Letta, che ha fatto sapere di voler garantire "il diritto di tribuna" sotto le insegne del Pd proprio ai leader che avrebbero difficoltà a entrare in Parlamento. Come Luigi Di Maio, appunto.

A cura di Redazione
02 Agosto
16:53

Europa Verde e Sinistra Italiana: "Diritto di tribuna non ci riguarda"

Enrico Letta propone un diritto di tribuna per i leader dei partiti del centrosinistra che fanno parte dell'alleanza. Bonelli: "Non ci riguarda, noi non abbiamo problemi a correre nel proporzionale".

"Noi siamo già candidati nel proporzionale. Questa ipotesi è generosa ma non ci riguarda, non ne abbiamo bisogno: intendiamo guadagnare e costruire consenso sulla base della nostra proposta politica che non cambia",  ha aggiunto il leader di Si Nicola Fratoianni.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
16:44

Pd: "Offriamo diritto di tribuna in Parlamento a leader partiti alleanza"

"A seguito del Patto elettorale raggiunto oggi con Azione/+Europa, in linea con l'impegno a supportare la costruzione di una coalizione plurale e ampia da opporre al progetto della destra sovranista, nelle prossime liste elettorali il Partito Democratico offrirà diritto di tribuna in Parlamento ai leader dei diversi partiti e movimenti politici del centrosinistra che entreranno a far parte dell'alleanza elettorale". È quanto si legge in una nota del Partito Democratico.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
16:41

Letta: "A Bonelli e Fratoianni propongo di vederci domani"

Un incontro con i leader di Sinistra Italiana ed Europa Verde? "Certamente. Propongo di vederci domani". Lo avrebbe detto Enrico Letta secondo Fonti del Nazareno.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
16:35

Bonelli e Fratoianni: "Alleanza con M5s se salta quella con Pd? Valuteremo"

"Valuteremo". Replicano così Angelo Bonelli e Nicola Fratoianni, di Europa Verde e Sinistra italiana, alla domanda dei giornalisti sull'ipotesi di allearsi con il Movimento 5 stelle, nel caso in cui saltasse quella con il Partito Democratico.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
16:26

Bonelli: "Dopo un incontro con il Pd valuteremo se ci sono ancora condizioni per alleanza"

"Se non avremo le risposte dal Pd, se non ci sarà un'alleanza sull'emergenza climatica e sull'emergenza sociale sarà un problema. Abbiamo indicato una strada, fino a oggi siamo stati responsabili, abbiamo ricevuto insulti di ogni genere. Dopo l'incontro con il Partito Democratico, in mancanza di un'intesa valuteremo", hanno precisato Bonelli e Fratoianni, incontrando i giornalisti a Roma davanti all'Hotel Nazionale, commentando l'accordo elettorale tra Pd e Azione.

"Consideriamo questo accordo legittimo, perché bilaterale, non non lo riteniamo minimamente vincolante per la nostra proposta politica", ha detto il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

"Abbiamo detto che di fronte a una legge elettorale pessima ci sentiamo quota parte responsabile. La destra rappresenta per noi l'opposto rispetto a quello che vogliamo fare noi per il Paese", ha aggiunto.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
16:10

Bonelli: "Accordo tra Letta e Calenda non ci riguarda, chiediamo un incontro al Pd"

"L'accordo fatto da Pd e Azione non ci riguarda, non ne condividiamo i termini. Chiediamo un incontro al Partito Democratico per verificare se ancora ci siano le condizioni per un'intesa elettorale". Lo ha detto Angelo Bonelli, in una conferenza stampa con il segretario di Sinistra Italiana Nicola Fratoianni.

"Questo accordo per noi non è assolutamente vincolante dal punto di vista politico. Siamo determinati a mettere in campo soluzioni che investano sulla transizione energetica ed ecologica. Servono misure per ridistribuire la ricchezza, a partire dagli extraprofitti", ha aggiunto Fratoianni. "Valuteremo dopo l'incontro con il Pd se ci sono ancora le condizioni per un'alleanza elettorale" tra dem e le liste di Sinistra italiana e Europa verde.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
15:50

Alle 16 conferenza stampa di Fratoianni e Bonelli

Alle 16 il segretario di Sinistra italiana Nicola Fratoianni e il co-portavoce di Europa Verde Angelo Bonelli incontreranno i giornalisti davanti all'Hotel Nazionale a Roma per parlare degli sviluppi della situazione politica.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
15:35

Calenda: "Nostri punti tutti recepiti, agenda Draghi, no tasse, revisione Rdc e rigassificatori"

"I nostri punti sono stati tutti recepiti. Accordo nettissimo su agenda Draghi – da no tasse e revisione Rdc a Rigassficatori – sia sul punto che neanche un ns voto vada a ex 5S o Fratoianni. Ognuno ha la leadership della sua area ma valori comuni. È un ottimo accordo. Fine". Lo scrive su twitter Carlo Calenda. Il leader di Azione aggiunge poi: "Per essere chiari se propongo un accordo e viene accettato, firmo quell'accordo. Non ho negoziato per rompere e Letta si è comportato correttamente".

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
15:24

Meloni: "A sfidarci sarà la solita sinistra, finisce la storiella di Azione partito moderato"

"L’alleanza Pd-Azione fa chiarezza sulle forze in campo alle prossime elezioni. A misurarsi con il centrodestra e FdI ci sarà la solita sinistra. Il Pd, la sinistra estrema e Azione, la costola del Pd presieduta dall’europarlamentare eletto nel Pd, Carlo Calenda. Finisce la storiella di Azione partito moderato, alternativo alla sinistra tutta tasse, assistenzialismo e nemica del ceto produttivo".
Lo dichiara il presidente di Fratelli d'Italia, Giorgia Meloni.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
15:00

Elezioni, Renzi: "Iv non si allea con chi ha votato contro Draghi"

"Abbiamo voluto Draghi al governo, soli contro tutti. Oggi non ci alleiamo con chi ha votato CONTRO Draghi. Prima della convenienza viene la Politica. Quello che gli altri definiscono solitudine, noi lo chiamiamo coraggio. Pronti, ci siamo", è il tweet di Matteo Renzi dopo l'accordo elettorale raggiunto tra Calenda e Letta.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
15:00

Patto Pd-Azione-Più Europa, Letta: "Ora elezioni contendibili"

"Quello di oggi è un passo importante. Questo passo rende le elezioni veramente contendibili", ha commentato il segretario del Pd Enrico Letta in conferenza stampa al termine dell'Incontro con Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova.

"Era nostro dovere superare gli ostacoli tra di noi e trovare un'intesa che ci consentisse di trovare una proposta che sia vincente, convincente e alternativa a queste destre", ha aggiunto.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
14:55

Elezioni, Calenda: "Il premier lo decideremo insieme"

"Chi farà il premier lo decideremo insieme". Lo ha detto Carlo Calenda in conferenza stampa con Enrico Letta e Benedetto Della Vedova.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
14:48

Della Vedova: "Da oggi inizia la partita con due front runner"

"Da oggi inizia la partita elettorale, e la giochiamo con due front-runner. Questo non è un centrosinistra, è un centro liberale, riformatore e sinistra. Abbiamo saputo accordarci sui punti di divergenza, ora l'obiettivo è convincere che l'Italia merita un destino migliore, in cui si va avanti nei diritti. Ci siamo uniti avendo la perfetta valutazione di quando è stata preziosa l'esperienza Draghi". Lo ha detto Benedetto Della Vedova in conferenza con Enrico Letta e Carlo Calenda.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
14:46

Elezioni politiche, Calenda: "Renzi? Porte sono aperte a tutti"

"Le porte sono aperte a tutti per discutere, io ci ho pensato molto perché è evidente che la rottura in questa fase della storia paga quasi sempre con i numeri, ma uno non fa politica per i numeri e questa scelta fatta in questo modo è condivisibile. Nessuno ha messo veti a nessuno dal punto di vista delle coalizioni". Lo ha detto il leader di Azione, Carlo Calenda, al termine dell'incontro con il segretario del Pd, Enrico Letta, e il segretario di +Europa, Benedetto Della Vedova, sulla possibilità che Renzi possa fare parte della partita.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
14:43

Conte: "Finita la telenovela Letta-Calenda, in bocca al lupo alla nuova ammucchiata"

"Finalmente è finita la telenovela Letta-Calenda: in bocca al lupo alla nuova ammucchiata che va dalla Gelmini dei tagli alla scuola al Pd, passando per Calenda, che non ha mai messo il naso fuori da una Ztl. Si riconoscono nell'agenda Draghi. Salario minimo legale, lotta all'inquinamento e alla precarietà giovanile saranno fuori dalla loro agenda. Nessun problema, ce ne occuperemo noi". Lo scrive su Facebook il presidente del Movimento 5 Stelle Giuseppe Conte, commentando l'accordo raggiunto tra Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
14:12

Patto Letta-Calenda: 70% uninominali al Pd, 30% a libera a +Europa/Azione

La totalità dei candidati nei collegi uninominali della coalizione verrà suddivisa tra Democratici e Progressisti e Azione/+Europa nella misura del 70% (Partito Democratico) e 30% (+Europa/Azione), "scomputando dal totale dei collegi quelli che verranno attribuiti alle altre liste dell'alleanza elettorale". È quanto prevedel'accordo firmato da Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto Della Vedova. Un rapporto che "verrà applicato alle diverse fasce di collegi che verranno indentificati di comune intesa". Le parti si impegnano inoltre a chiedere che "il tempo di parola attribuito alla coalizione nelle trasmissioni televisive sia ripartito nelle stesse percentuali applicate ai collegi". 

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
13:42

Vertice Letta-Calenda ancora in corso: accordo politico raggiunto

Il vertice alla Camera tra Enrico Letta, Carlo Calenda, Benedetto Della Vedova e le rispettive delegazioni e' in corso da un'ora e mezza ed ha riguardato in particolare le candidature nei collegi uninominali. Ma l'accordo politico è raggiunto e a quanto apprende l'agenzia Dire, nel primo pomeriggio Enrico Letta e Carlo Calenda dovrebbero tenere una conferenza stampa congiunta alla Camera.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
13:34

Incontro Letta-Calenda: raggiunto accordo tra Azione e Più Europa

Dopo l'incontro alla Camera tra Enrico Letta e Carlo Calenda, iniziato poco dopo le 11, è stato raggiunto un accordo tra Pd e Azione/Più Europa in vista del 25 settembre.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
13:13

Boschi: "Bonino dice no a Renzi perché non è stata confermata alla Farnesina nel 2014"

"Emma Bonino dice no a Matteo Renzi perché nel 2014 non è stata confermata ministro degli Esteri. Credo sia meglio costruire il terzo polo anziché vivere di rancori personali". Lo scrive su Twitter la capogruppo di Iv alla Camera Maria Elena Boschi.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
13:07

Salvini chiede a Cdx di indicare squadra ministri, Tajani: "Ok se tutti i leader d'accordo"

"È giusto presentare agli italiani almeno una parte della squadra di chi guiderà il Paese. Ricordiamoci che ancora non abbiamo vinto. Noi possiamo proporre idee, abbiamo tanti sindaci e presidenti di Regioni. Chiederò a Meloni e Berlusconi i nomi dei ministri più importanti, penso all'Economia". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini a Morning News su Canale 5.
"Se tutti i leader sono d'accordo si possono pure presentare dei nomi", ha risposto il coordinatore nazionale di Forza Italia Antonio Tajani.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
12:55

Conte: "Di Battista? Se vuole può dare un contributo, parleremo"

Alessandro Di Battista "adesso è fuori, parleremo". Cosi' Giuseppe Conte a Radio 1. "Se vuole dare un contributo, sicuramente può dare un contributo ma basta parlare di protagonismi, invidie", ha aggiunto.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
12:46

Elezioni, M5s al lavoro per le 'parlamentarie'

Il M5s sia avvia a lanciare le ‘parlamentarie', cioè la selezione dei candidati dal basso. Sul sito del Movimento è stato infatti pubblicato l'elenco dei documenti necessari per aspiranti deputati e senatori grillini, mentre si attendono le regole delle candidature, con le incognite sull'eventuale deroga al vincolo di territorialità – ci si può candidare solo nella Regione di residenza – e sulla scelta dei capilista da parte del leader Giuseppe Conte.

"Cari amici – si legge nel post – le scadenze elettorali per le elezioni della Camera dei Deputati e del Senato della Repubblica del 25 settembre incombono. A brevissimo saranno resi noti tempi, modalità e requisiti per la presentazione delle proposte di autocandidatura da parte degli iscritti. Nel frattempo, chi fosse interessato a proporre la propria autocandidatura può iniziare a preparare i seguenti documenti: il certificato penale del casellario giudiziale ex art. 24 T.U. (non sono validi i certificati rilasciati con riferimento ad altri articoli del T.U.), rilasciato non oltre 90 gg antecedente la data delle votazioni, quindi in data successiva al 26 giugno 2022; il certificato dei carichi pendenti ex art. 27 T.U. rilasciato non oltre 6 mesi antecedenti la data delle votazioni, quindi in data successiva al 26 marzo 2022; il curriculum vitae datato e firmato, privo dei dati sensibili (quali residenza, recapiti telefonici, e-mail); copia del documento di identità". 

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
12:41

Conte: "Ci aspetta una campagna tutti contro tutti"

"C'è chi presenta nuovi simboli, chi fonda nuovi partiti, sposa nuove bandiere, chi da un giorno all'altro cestina principi e valori professati per anni. Chi sta negoziando la medesima poltrona ma con nuovi colori. Ma poi ci siete voi. Cittadini iscritti dalla prima ora e cittadini che si avvicinano adesso al Movimento 5 Stelle. State affollando palazzetti, sale riunioni, vi ritrovate a confrontarvi anche sul web per sostenere l'azione politica del Movimento. Siete migliaia. Sottraete tempo alle famiglie, alle meritate vacanze per discutere, per programmare un rinnovato impegno, per ‘esserci'. Grazie per questo entusiasmo, ci aspetta una campagna contro tutto e tutti". Lo scrive in un post su Facebook, il presidente del M5S, Giuseppe Conte.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
12:38

Bonino: "Non voglio credere a un mancato accordo"

"Non voglio credere a un mancato accordo", ha detto Emma Bonino a Rainews24. Al momento alla Camera è in corso l'incontro tra Enrico Letta e Carlo Calenda per discutere di alleanze in vista del voto.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
12:07

Calenda all'incontro con Letta: "Veniamo con spirito costruttivo"

"Veniamo con spirito costruttivo". Così il leader di Azione Carlo Calenda al suo arrivo a Palazzo Montecitorio per l'incontro con Enrico Letta.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
11:49

Elezioni, iniziato il faccia a faccia tra Letta e Calenda

È iniziato, presso gli uffici del gruppo Pd alla Camera, l'incontro tra il segretario dem Enrico Letta, il leader di Azione Carlo Calenda e il segretario di +Europa Benedetto Della Vedova, per arrivare ad una decisione sull'eventuale alleanza alle prossime elezioni politiche del 25 settembre. Per il Pd sono presenti anche Marco Meloni, le capigruppo Simona Malpezzi e Debora Serracchiani. Partecipano inoltre Riccardo Magi e Giordano Masini di +Europa, e Matteo Richetti e Andrea Mazziotti di Azione.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
11:40

Renzi: "Sarebbe meglio votare in due giorni"

"In questi anni ho fatto di tutto, il sindaco, il presidente del Consiglio, ho fatto nuovi partiti, ma non ho mai cambiato le mie idee. Io ho cambiato tante volte le mie tattiche politiche, c'è chi pur di mantenere le poltrone cambia idea". Lo ha detto il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, ospite di Rtl 102.5. "La mia speranza è tutti i riformisti veri accettino di stare nel terzo polo", ha aggiunto e sulla possibilità di votare in due giorni, domenica e lunedì, come chiesto da Forza Italia, ha detto: "Sarebbe meglio votare in due giorni e far votare gli studenti fuori sede".

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
11:30

Magi chiude a Renzi: "Non lo stiamo aspettando"

"Noi non lo stiamo aspettando". Così Riccardo Magi, presidente di +Europa, rispondendo ai cronisti che gli chiedevano se il leader di Italia Viva, Matteo Renzi, li stesse ‘aspettando' per costruire un Terzo Polo. "Non sarete voi a riportarlo in Parlamento?", hanno allora rilanciato i giornalisti. "Non credo che Renzi abbia di questi problemi. Fino all'ultimo è in grado di giocare con tutti e su diversi tavoli".

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
11:20

Incontro Letta-Calenda slittato alle 11

L'incontro tra il segretario Pd Enrico Letta, il leader di Azione Carlo Calenda e il segretario di Più Europa Benedetto Della Vedova è stato spostato alle 11. Era questo l'orario circolato ieri sera, poi era stato anticipato di un'ora, adesso le due delegazioni si sono date appuntamento alle 11.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
11:18

Renzi: "Se Calenda rompe con Pd? Ottima idea terzo polo insieme"

A breve l'incontro tra Calenda e Letta. Se Calenda dovesse rompere con il Pd, Renzi pensa al terzo polo insieme ad Azione.  "Ottima idea, decideranno loro. Non voglio pretendere di decidere le cose degli altri. Preferisco stare sui contenuti. La proposta di Letta è stata aumentare le tasse sui patrimoni, l'elemento di rottura tra me e lui è stato l'aumento dell'Iva nel 2013. Il Pd di Letta vuole aumentare le tasse". Lo dice Matteo Renzi, ospite di Rtl. "Se il Pd avesse detto: Salvini, Berlusconi e Meloni hanno lottato contro Draghi e noi siamo con Draghi, sconfiggiamo la destra, sarebbe stato bello. Ma se di fronte a questa situazione di Draghi che va a casa la sinistra si allea con Fratoianni che rinnega ciò che abbiamo fatto con Draghi come si fa a essere credibili? Basta con il gioco delle alleanze. Votare per chi vuole aumentare le tasse e rinnegare Draghi penso non sia la strada giusta", aggiunge.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
09:09

Conte: "Pd dovrà spiegare perché accetta Fratoianni che non ha votato la fiducia per 53 volte"

"Il Pd non può pensare di umiliare e mancare di rispetto i suoi alleati e poi, se si trova in difficoltà, tornare da noi e fare cartelli elettorali. Deve assumersi le sue precise responsabilità". Lo ha detto il presidente del Movimento 5 stelle Giuseppe Conte ai microfoni di "Radio anch'io" su Rai Radio1. Il Pd "dovrà spiegare ai suoi elettori perché ha buttato fuori dal governo il M5s, perché ha abbracciato questa agenda Draghi senza conoscerla, perché accetta persone come Fratoianni che non ha votato la fiducia per 53 volte", ha aggiunto.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
09:04

Elezioni 2022, Salvini: "Al lavoro per togliere Iva su pane e beni di prima necessità"

"Parlo di vita reale. non di legge elettorale o di litigi Calenda e Letta. Gli italiani dopo due anni di Covid e bollette chiedono unità e soluzioni. La Lega al tavolo del programma sta portando alcune proposte. In queste ore stiamo lavorando perchè questo governo tagli le tasse su pane e beni di prima necessità, vale un miliardo". Lo ha detto il segretario della Lega, Matteo Salvini a Morning News su Canale 5.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
09:02

Incontro tra Letta, Calenda e Della Vedova alla Camera

L'incontro tra il segretario Pd Enrico Letta, il leader di Azione Carlo Calenda e il segretario di Più Europa Benedetto Della Vedova dovrebbe svolgersi alle 10 alla Camera.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
08:58

Elezioni politiche, Bonino: "Un accordo con il Pd è ancora possibile, raffreddiamo il cervello"

Un accordo tra il Pd e Azione/+Europa "ancora è possibile" perché "hanno deciso di rivedersi". Parola di Emma Bonino, che in un'intervista al ‘Corriere della sera' spera ancora nel buon esito della trattativa tra Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto della Vedova, che si vedranno stamattina alle 10.

"E poi le nostre richieste mi sembrano super ragionevoli. Letta per più di tre anni non ci ha filato, era preso da un'attrazione totalizzante per i 5 stelle", dice. "Non ha mai voluto avere rapporti con noi, ci ha dato per scontati". Ma "la vita è lunga e a me non piace guardarmi indietro. Guardo sempre avanti . E poi è inaccettabile dare un voto in più alla destra putiniana, meglio fare accordi. Bisogna capire l'importanza che queste elezioni hanno per il Paese e riflettere. Farsi una bella doccia fredda. Raffreddare il cervello. Compreso il mio. Dobbiamo pensare agli elettori".

"Ci si richiama a Draghi e alla sua agenda di governo, giustissimo; per noi l'agenda Draghi non era per i prossimi 5 mesi ma per i prossimi 5 anni – continua Bonino -. Se ci si richiama all'agenda Draghi, per fare esempi concreti, non si può osteggiare l'installazione di due rigassificatori galleggianti, perché è un tema di sicurezza energetica nazionale. Così sul termovalorizzatore a Roma: la capitale è in condizioni inaccettabili per quanto riguarda i rifiuti. Anche sul reddito di cittadinanza stiamo con Draghi: non cancellarlo ma riformarlo. Non un programma, ma poche cose chiare".

Quanto a Europa verde e Sinistra italiana, Bonino chiarisce: "Non poniamo veti ai partiti. Abbiamo posto un tema politico: leader che hanno fatto un'opposizione dura a Draghi e alla sua agenda fin dall'inizio sarebbero difficili da votare come candidati comuni nei collegi uninominali. Sul proporzionale può essere diverso, una mediazione". Di Matteo Renzi pensa che sia stato "un buon premier. Abile nel gioco politico. Non sempre siamo in sintonia, diciamo". Lo vorrebbe in coalizione? "No", è la risposta.

A cura di Annalisa Cangemi
02 Agosto
08:47

Elezioni 25 settembre 2022, le notizie di oggi 2 agosto in diretta

Dopo una giornata di accuse e appelli, segnali di apertura e ultimatum, alle 10 di questa mattina è previsto l'incontro decisivo tra Enrico Letta, Carlo Calenda e Benedetto della Vedova per discutere di alleanze in vista del voto del 25 settembre. Calenda è rimasto freddo di fronte alla richiesta del segretario dem di far cadere tutti i veti: "Enrico Letta sei troppo intelligente per considerare questo appello una risposta. Vediamoci oggi con Più Europa e chiudiamo in un senso o nell’altro. Così ci facciamo male tutti". Secondo Letta "ogni divisione oggi rappresenterebbe un regalo alla destra che l'Italia non può permettersi". E aggiunge: "Tre giorni fa ci siamo incontrati con Calenda e ci siamo stretti la mano ed eravamo d'accordo poi due giorni dopo tutto è saltato, ma allora stringersi la mano non significa nulla? Io sono abituato che se do la mano poi si va avanti, invece se tutto salta allora stringersi la mano non significa niente". Emma Bonino prova a mediare in extremis: "È inaccettabile dare un voto in più alla destra putiniana, meglio fare accordi. Bisogna capire l'importanza che queste elezioni hanno per il Paese e riflettere. Farsi una bella doccia fredda. Raffreddare il cervello. Compreso il mio. Dobbiamo pensare agli elettori".

A cura di Annalisa Cangemi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni