5 Giugno 2016
02:21
AGGIORNATO25 Marzo

Elezioni Comunali 2016: l’Italia decide

Nella giornata di oggi saranno chiamati alle urne oltre 13,4 milioni di cittadini, per eleggere Sindaci e consigli comunali di 1371 Comuni. Si tratta di una consultazione elettorale di grande rilevanza, anche e soprattutto considerando il peso specifico delle città chiamate a rinnovare i propri organi amministrativi.

I seggi saranno aperti dalle 7:00 alle 23:00 e ricordiamo che possono esercitare il proprio diritto di voto tutti i cittadini maggiorenni che siano in possesso dei diritti politici, residenti in Italia o iscritti nel registro dell’AIRE. Tra i Comuni interessati dal voto ci sono 26 capoluoghi di Regione o provincia, oltre che le prime città italiane per numero di abitanti: Roma, Milano, Napoli e Torino.

Nei comuni con più di 15mila abitanti il meccanismo di voto è il seguendo: si può tracciare una una X solo sul simbolo di una lista e assegnare la preferenza sia al candidato sindaco da questa appoggiato che alla lista dei candidati consiglieri; si può tracciare una X solo sul candidato sindaco, attribuendo in questo caso il voto solo al candidato sindaco; si può esprimere un "voto disgiunto”, tracciando una X sul candidato sindaco prescelto e un'altra su una lista a lui non collegata. È possibile inserire voti di preferenza ai candidati che corrono per la carica di consigliere comunale.

Nei comuni con meno di 15mila abitanti non è possibile il voto disgiunto. L’eventuale turno di ballottaggio si terrà domenica 19 giugno, nel caso in cui nessun candidato delle città con più di 15mila abitanti riuscisse a raggiungere al primo turno il 50% + 1 dei voti validi.

Nelle prossime ore vi aggiorneremo sui dati relativi all'affluenza e dalle 23 vi proporremo exit poll e proiezioni, oltre che una lunga diretta di commento sui risultati della consultazione elettorale delle Comunali 2016.

In evidenza
05:38

Elezioni Comunali 2016: Raggi avanti a Roma, Sala - Parisi è testa a testa

Si consolidano i risultati del primo turno delle elezioni amministrative 2016:

  • Roma: avanti la Raggi con oltre il 35% dei consensi; al ballottaggio va Roberto Giachetti, che supera il 24% dei consensi e distanzia Giorgia Meloni, ferma al 20,7%; male Marchini, al 10,7%.
  • Napoli: in netto vantaggio il Sindaco uscente Luigi de Magistris, al 42%; al ballottaggio va Lettieri, che non va oltre il 24,4% dei voti, mentre Valeria Valente del PD si ferma al 21,5%
  • Milano: sarà testa a testa fra Sala e Parisi, praticamente appaiati intorno al 41% con il primo leggermente avanti dopo il primo turno delle Comunali
  • Torino: Fassino in testa, con circa il 2% dei consensi, va al ballottaggio con Chiara Appendino, del Movimento 5 Stelle, che raccoglie il 31% dei voti; malissimo le compagini di centrodestra
  • Bologna: non riesce il successo al primo turno al Sindaco in carica Virginio Merola, che si ferma sotto il 40% e andrà al ballottaggio con la candidata del centrodestra Borgonzoni, che distanzia il grillino Bugani.
  • Cagliari: Massimo Zedda si riconferma al primo turno, ottenendo poco più del 51% dei consensi
A cura di Adriano Biondi
06 Giugno
18:34

Merola: "Per ballottaggio a Bologna no agli inciuci, serve una nuova alleanza civica”

Elezioni Comunali a Bologna

"Siamo avanti ai nostri avversari ma non dobbiamo dare per scontato nulla". Così il sindaco di Bologna, Virginio Merola, ha parlato del ballottaggio previsto il prossimo 19 giugno. Il primo cittadino in cerca del secondo mandato ha ecluso apparentamenti – "no agli inciuci" e chiede una "nuova alleanza civica di un nuovo centrosinistra capace di occuparsi dei problemi dei cittadini": "Non votiamo per un divieto di sosta ma per dove vogliamo portare Bologna, una Bologna che esclude oppure una città che riconosce diritti e doveri". Quella delle prossime settimane, quindi, sarà una "campagna di incontri, faccia a faccia, nei condomini, in strada. Bologna ha bisogno di un sindaco di strada, io ho perso troppo tempo nei ministeri".

Il centrodestra, ha aggiunto, "non ha aumentato i propri voti, l’unico che li ha aumentati ma in modo largamente insufficiente è il Movimento 5 stelle". Consegnare "la città a questa destra è fare il contrario di ciò che serve – ha concluso Merola –  Noi di Bologna ci siamo occupati davvero e non abbiamo bisogno di sbandierlarlo".

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
17:38

Di Maio: "Mai visto il presidente del Consiglio così imbarazzato come oggi"

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
17:09

Fassino: "Abbiamo un vantaggio dell'11%, guardiamo al secondo turno con fiducia"

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
17:03

Blog Grillo: "M5s si espande a macchia d'olio, Pd scompare e Fi è quasi un ricordo"

"Il MoVimento 5 Stelle si sta espandendo a macchia d'olio. E' la prima forza politica a Torino e a Roma dove ha il doppio dei voti del Pd". Con un altro post sul blog di Beppe Grillo, il M5s continua a commentare i risultati delle elezioni amministrative. "I candidati sindaci del MoVimento 5 Stelle – prosegue – sono al ballottaggio in 20 comuni e ci sono già quattro nuovi sindaci a Dorgali, Grammichele, Fossombrone e Vigonovo. Dove non è al ballottaggio come a Milano, Bologna, Napoli, Cagliari, Trieste e negli altri comuni superiori ha raddoppiato, triplicato o quintuplicato i voti rispetto alla tornata precedente. I nuovi consiglieri comunali, in attesa dei risultati finali e dell'esito dei ballottaggi, sono circa 150". Risultati "raggiunti senza un euro di finanziamenti pubblici, con tutti i media contro, senza il sostegno di lobby e capibastone, candidando solo cittadini incensurati e dopo sette anni di vita. Un miracolo reso possibile grazie alla partecipazione di migliaia di attivisti su tutto il territorio nazionale e di milioni di cittadini italiani che vogliono cambiare tutto insieme a noi. Abbiamo reso possibile l'impossibile".

"Renzie ha dichiarato in conferenza stampa che ci sono mille nuovi sindaci del Pd – si legge ancora nel post – Il caldo gli ha dato alla testa: il Pd ha presentato le sue liste nell'11% dei 1342 comuni al voto in questa tornata, circa 130 e circa la metà di quelli in cui si è presentato il MoVimento 5 Stelle. E' un mentitore cronico e seriale. Il Pd sta scomparendo e Forza Italia è quasi un ricordo. Tra due settimane ci sono i ballottaggi e noi non molliamo. Siamo pronti a governare. Cambiamo Tutto!". In calce all'articolo vengono elencati i comuni in cui il M5s è al ballottaggio.

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
15:44

Elezioni comunali 2016, Zedda riconfermato sindaco di Cagliari con il 50,8%

Era chiaro già da diverse ore, ma adesso c'è l'ufficialità: Massimo Zedda, candidato del centrosinistra e sindaco uscente di Cagliari, ha vinto il suo secondo mandato al primo turno, totalizzando il 50,8%. Lo hanno rilevato i dati del servizio elettorale del Comune sardo, quando è stato ultimato lo scrutinio di tutte le 174 sezioni.

"Mi aspettavo di vincere al primo turno, l'avevo capito nei giorni scorsi osservando le persone che mi sorridevano", ha dichiarato ai giornalisti il sindaco rieletto subito dopo lo spoglio. "Dedico questa vittoria a mia madre che da tre mesi è in ospedale. Non ho sentito Renzi ma solo il sottosegretario Lotti via Whatsapp. Mi ha scritto ‘Lavoriamo per Cagliari'", ha aggiunto Zedda, che ha detto di aver "apprezzato l'atteggiamento del presidente del Consiglio che non è venuto a Cagliari perché non voleva fare una passerella senza portare risultati concreti". Ci sono "una serie di vicende aperte – ha concluso – penso al dramma che stanno vivendo i lavoratori di tante imprese del Sulcis e ho trovato corretto, da parte sua avermi detto che sarebbe venuto solo nel momento in cui fosse stato in grado di consegnare risultati ai lavoratori. Per Cagliari valeva lo stesso discorso: sarebbe venuto solo se fossimo stati in grado di sottoscrivere il patto per il sud".

Piergiorgio Massidda, candidato del centrodestra, si è fermato al 32,6%, con 14.500 voti in meno di Zedda. Antonietta Martinez (M5s), invece si è attestata al 9,2%. A Cagliari l'affluenza alle urne nella giornata di ieri è stata del 60,24%.

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
15:32

Cuperlo: "Preoccupante il distacco tra elettori di sinistra e il Pd"

Gianni Cuperlo (Facebook).
Gianni Cuperlo (Facebook).

"Nel voto di ieri si è espresso un distacco preoccupante tra una parte ampia degli elettori della sinistra e il principale partito che vorrebbe e dovrebbe rappresentarli". Lo scrive Gianni Cuperlo sul suo profilo Facebook, analizzando i risultati delle amministrative. "Nei prossimi quindici giorni – per il parlementare dem – bisogna fare due cose. Convincere chi al primo turno ha scelto la sinistra e il centrosinistra  che deve tornare alle urne per sostenere i candidati del nostro campo. L'altro impegno è allargare il consenso anche a quanti, e sono molti, hanno deciso ieri di mandare un segnale al partito più grande manifestando in quel modo (non votando il Pd o disertando il seggio) difficoltà, disagio, dissenso". Fatte queste premesse, ha aggiunto ancora Cuperlo, "sarebbe assurdo ignorare ciò che è accaduto. Per settimane si è detto che il voto era amministrativo e non riguardava il governo. In questo assecondando la tesi che la prova decisiva per il Pd e l'esecutivo era e rimane il referendum costituzionale dell'autunno. Penso che le urne abbiano detto una cosa diversa. Il ri sultato deludente e in molti casi largamente sotto le attese dei candidati e delle liste del PD non è frutto di un giudizio sulle capacità amministrative di figure spesso apprezzate per il loro lavoro e le loro capacità. Nel voto di ieri si è espresso un distacco preoccupante tra una parte ampia degli elettori della sinistra e il principale partito che vorrebbe e dovrebbe rappresentarli".

Il parlamentare ha poi concluso sottolineando che "Piero Fassino, a caldo, ha parlato degli effetti di una crisi sociale che colpisce troppa gente impoverita. Ha ragione, ma oltre a questo bisogna capire perché un numero così alto di donne e uomini ha maturato l'idea di un Pd che non risponde più alle loro speranze. Rispondere a questa domanda dicendo che tanto a ‘ottobre vinciamo noi' temo sia un mix di rimozione e scarsa responsabilità"

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
14:58

Salvini: "Renzi indebolito dal voto"

"Renzi esce stra-indebolito dal voto per queste elezioni comunali", ne è convinto il leader della Lega Nord Matteo Salvini nel suo primo intervento dopo i risultati elettorali nel quale ha chiarito anche di aver rispetto per "il risultato dei 5 Stelle che andrà analizzato perché loro sono anti-sistema e contro la cricca europea".  "Adesso vinciamo i ballottaggi, poi parte la battaglia per il referendum per cacciare Renzi" ha spiegato ancora Salvini a Radio Padania, aggiungendo di essere dispiaciuto per l'esclusione di Giorgia Meloni dal ballottaggio a Roma. "Mi spiace davvero, di cuore, per la Meloni. Ma lì purtroppo Berlusconi ha sbagliato, guardando al passato, adesso bisogna ricostruire il centrodestra, ma su nuove basi e non certo sulle poltrone o guardando al passato. Un centrodestra forte, libero e orgoglioso" ha concluso Salvini

A cura di Antonio Palma
06 Giugno
14:08

Elezioni comunali 2016: il riepilogo dei Comuni con più di 15mila abitanti

Ieri sono andati alle urne i cittadini di 124 comuni italiani con più di 15mila abitanti (10mila in Sicilia). In alcuni centri lo spoglio non è ancora terminato – dunque i risultati non sono definitivi – ma ecco com'è andata, comune per comune.

ABRUZZO

Francavilla al Mare: vince il candidato del centrosinistra Antonio Luciani, con il 65,7%

Lanciano: in vantaggio io candidato del centrosinistra, Mario Pupillo, con il 39,5% dei voti

Roseto degli Abruzzi: ballottaggio tra Sabatino Di Girolamo (centrosinistra) e Enio Pavone  (centrosinistra)

Sulmona: Annamaria Casini (supportata da liste civiche) è al 44,8%

Vasto: il centrodestra con Massimo Desiati al 34,6%.

BASILICATA

Melfi: ballottaggio tra il centrosinistra con Livio Valvano e Alfonso Ernesto Navazio (lista civica)

Pisticci: Viviana Verri, Movimento 5 stelle, in vantaggio con il 30%

CALABRIA

Cassano all'Ionio: vince al primo turno il candidato del centrosinistra, Giovanni Papasso (60,6%)

Cirò Marina: Nicodemo Parrilla, candidato supportato da liste civiche, ha il 48,5%

Rossano: aria di ballottaggio tra il centrosinistra con Stefano Mascaro (20,2%) e il centrodestra, con Ernesto Rapani

CAMPANIA

Aversa: Domenico "Enrico" De Cristofaro, supportato da liste civiche, ha il 39,7%

Battipaglia: ballottaggio tra Gerardo Motta, candidato con liste civiche, e Cecilia Francese, centrodestra.

Capua: ha vinto il centrosinistra, con Eduardo Centore al 51,5%

Casoria: ballottaggio tra Giuseppe Santillo -liste civiche- e Pasquale Fuccio (Pd)

Castellammare di Stabia: ballottaggio tra Antonio Pannullo, centrosinistra e Gaetano Cimmino, Forza Italia

Frattaminore: ballottaggio tra Giuseppe Bencivenga (Pd) e Raffaele Mazzoccolo (lista civica)

Gragnano: ballottaggio tra Paolo Cimmino (liste civiche) e Patrizio Mascolo (liste civiche)

Marcianise: ballottaggio tra Antonello Velardi del centrosinistra e Dario Abbate (liste civiche)

Poggiomarino: ballottaggio tra Maurizio Falanga (Forza Italia) e Annunziata Pantaleone (Pd)

Santa Maria Capua Vetere: vince Antonio Mirra, 60,2%, candidato con liste civiche

Sessa Aurunca: ballottaggio tra Silvio Sasso (centrosinistra) e Luigi Tommasino  (liste civiche)

Vico Equense: ballottaggio tra Maurizio Cinque e Andrea Buonocore (liste civiche)

Villaricca: vince il centrosinistra, Maria Rosaria Punzo con 54,8%

Volla: ballottaggio tra il centrodestra con Luciano Manfellotti e Andrea Viscovo  (liste civiche)

EMILIA ROMAGNA

Cattolica: ballottaggio tra Sergio Gambini, Pd, e Mariano Gennari del M5s

Cento: ballottaggio tra centrodestra, Diego Contri, e Fabrizio Toselli supportato da liste civiche

Cesenatico: ballottaggio tra Pd con Matteo Gozzoli e Roberto Buda (liste civiche)

Finale Emilia: ballottaggio tra Sandro Palazzi  (centrodestra) e Elena Terzi  (Pd)

Pavullo nel Frignano: ballottaggio tra Stefano Iseppi (centrosinistra) e Luciano Biolchini (centrodestra)

San Giovanni in Persiceto: ballottaggio tra Tommaso Cotti (Pd) e Lorenzo Pellegatti (lista civica)

FRIULI VENEZIA GIULIA

Cordenons:il centrosinistra con Giovanni "Gianni" Ghiani ha il 33%

San Vito al Tagliamento: ballottaggio tra Tiziano Centis – liste civiche – e Antonio Di Bisceglie  – centrosinistra

LAZIO

Alatri: il centrosinistra con Giuseppe Morini ha il 31,6%

Anguillara Sabazia: ballottaggio tra Antonio Pizzigallo (centrodestra) e Sabrina Anselmo (M5s)

Ariccia: vince Roberto Di Felice, supportato da liste civiche (58,2)

Bracciano: ballottaggio tra Armando Tondinelli (Lista Civica) e Claudio Gentili (Pd)

Cassino: con Giuseppe Golini Petrarcone centrosinistra in vantaggio

Genzano di Roma: ballottaggio tra Flavio Gabbarini (centrosinistra) e Daniele Lorenzon (Movimento 5 stelle)

Marino: ballottaggio tra Movimento 5 stelle con Carlo Colizza e centrosinistra con Eleonora Di Giulio

Mentana: ballottaggio tra Marco Benedetti (liste civiche) e Maria Rendini  (centrosinistra)

Minturno: il centrosinistra in testa con Gerardo Stefanelli (31,9%)

Nettuno: ballottaggio tra il centrodestra con Rodolfo Turano e Angelo Casto  (M5s)

Rocca di Papa: ballottaggio tra Emanuele Crestini (lista civica) e Marika "Silvia" Sciamplicotti (Pd)

Sora: in vantaggio Ernesto Tersigni, candidato liste civiche (35,7)

Terracina: in testa il candidato di destra, Nicola Procaccini

LOMBARDIA

Arcore: ballottaggio tra Pd (Rosalba Piera Colombo) e Forza Italia con Lega Nord e Fdi (Cristiano Puglisi)

Busto Arsizio: Emanuele Antonelli, centrodestra, al 50,7

Caravaggio: ballottaggio tra Pirovano Ettore Pietro (Lega Nord, Lista Civica – Noi con Pirovano Sindaco) e Claudio Bolandrini (Partito Democratico, Lista Civica – Bolandrini Sindaco per Caravaggio)

Caronno Pertusella: ballottaggio tra Marco Seveso, centrodestra, e Marco Giudici, centrosinistra

Cassano d'Adda: centrosinistra al 50,5 con Roberto Maviglia

Codogno: Francesco Passerini, centrodestra, al 52,7%

Corbetta: ballottaggio tra Marco Ballarini (Lista Civica) e Fulvio Giuseppe Rondena (Partito Democratico)

Desio: ballottaggio tra Roberto Corti  (PD) e Massimo Zanello  (centrodestra)

Gallarate: ballottaggio tra Andrea Cassani, centrodestra, ed Edoardo Guenzani, candidato del centosinistra

Limbiate: Antonio Domenico Romeo, del centrodestra, al 52,6%

Malnate: Samuele Astuti (centrosinistra) al 57,7

Nerviano: ballottaggio tra Massimo Cozzi  (centrodestra) e candidato di lista civica, Sergio Parini

Peschiera Borromeo: ballottaggio tra Caterina Molinari (Lista Civica) e il candidato del Pd Luca Zambon

Pioltello: ballottaggio tra Ivonne Cosciotti (Partito Democratico) e centrodestra con Adriano Alessandrini

Rho: Pietro Romano, centrosinistra, al 44,2%

San Giuliano Milanese: ballottaggio tra Alessandro Lorenzano  (Pd) e Marco Segala (centrodestra)

Treviglio: ballottaggio tra centrodestra (Juri Fabio Imeri) e centrosinistra (Erik Molteni)

Vimercate: ballottaggio tra Mariasole Mascia (Pd) e Francesco Sartini (M5s)

MARCHE

Castelfidardo: ballottaggio tra Henry Adamo – Lista Civica – e Roberto Ascani del M5s

San Benedetto del Tronto: ballottaggio tra centrosinistra con Paolo Perazzoli e centrodestra con Pasqualino Piunti

PIEMONTE

Alpignano: ballottaggio tra Andrea Oliva – Lista Civica – e Cosimo Di Maggio, M5s

Carmagnola: ballottaggio tra Paolo Sibona (lista civica e Pd) e Ivana Gaveglio (centrodestra)

Ciriè: ballottaggio tra Luca Capasso (Pd) e Loredana Devietti Goggia  (lista civica)

Domodossola: ballottaggio tra centrodestra, con Fortunato Lucio Pizzi, e centrosinistra con Mariano Cattrini

Nichelino: ballottaggio tra il candidato della sinistra, Giampietro Tolardo, e Franco Fattori del PD

Pinerolo: ballottaggio tra Pd (Luca Barbero) e M5s (Luca Salvai)

San Mauro Torinese: ballottaggio tra Davide Benedetto (centrodestra) e Marco Bongiovanni  (M5s)

Trecate: ballottaggio tra Federico Binatti (centrodestra) e Enrico Ruggerone (centrosinistra)

PUGLIA

Adelfia: ballottaggio tra Giuseppe Cosola (liste civiche) e Francesco Antonio "Franco" Ferrante  (centrosinistra)

Fasano: Giacomo Rosato (liste civiche) in vantaggio con il 33%

Gallipoli: Flavio Fasano (liste civiche) in vantaggio al 40%

Ginosa: ballottaggio tra centrodestra con Vito De Palma e Vito Parisi  (M5s)

Gioia del Colle: ballottaggio tra il centrodestra con Giuseppe Gallo e Donato Lucilla  (liste civiche)

Grottaglie: ballottaggio tra Ciro D'Alò, candidato della sinistra, e Michele Santoro, centrodestra

Laterza: ballottaggio tra Gianfranco Lopane, liste civiche, e Francesco Perrone (liste civiche)

Massafra: Fabrizio Quarto, candidato di centro, al 41,7%

Nardò: Marcello Risi, centrosinistra, al 40,9%

Noicattaro: Francesco Santamaria, centrosinistra, al 37,4%

Palo del Colle: ballottaggio tra Anna Zaccheo, centrosinistra, e Domenico Conte (liste civiche)

Ruvo di Puglia: ballottaggio tra Pasquale Roberto "Ninni" Chieco, del centrosinistra, e Antonio "Antonello" Paparella  (centrodestra)

San Giorgio Ionico: Cosimo "Mino" Fabbiano, centrosinistra, al 37,5%

San Giovanni Rotondo: ballottaggio tra Costanzo Cascavilla, del centrodestra, e Leonardo Maruzzi, centrosinistra

Torremaggiore: ballottaggio tra il candidato di centro, Pasquale Monteleone, e Salvatore Leccisotti, centrosinistra

Triggiano: Antonio Donatelli, candidato con liste civiche, ha raggiunto il 51,4%

SARDEGNA

Capoterra: Francesco Dessì, del centrosinistra, al 62,2%

Monserrato: Tomaso Antonio Locci, candidato centrista, al 38,4%

Sinnai: Maria Barbara Pusceddu, centrosinistra, al 51,6%

SICILIA

Alcamo: ballottaggio tra Domenico Surdi del Movimento 5 stelle e Sebastiano Dara, liste civiche

Barrafranca: il candidato di centosinistra, Fabio Arnaldo Ettore Accardi al 34,5%

Caltagirone: Francesco Pignataro di centosinistra, al 28,4%

Canicattì: il candidato di centrosinistra Ettore Di Ventura ha il 26,1%

Capo d'Orlando: Francesco "Franco" Ingrillì (lista civica), sindaco con il 57,30%

Favara: Anna Alba (Movimento 5 stelle) in testa con il 23,4%

Giarre: ballottaggio tra Angelo D'Anna (lista civica) e Tania Spitaleri (Giarre 2.0, Il Megafono – Lista Crocetta, Proposta Popolare Pdr-Sicilia Futura)

Grammichele: Francesco Specchiale, candidato con una lista civica, in vantaggio al 24,9%

Lentini: Stefano Battiato del centrodestra avanti con il 28

Noto: ballottaggio tra Corrado Bonfanti (centrosinistra) e Corrado Figura (lista civica)

Patti: Giuseppe Mauro Aquino (centrosinistra) al 43,5%

Porto Empedocle: Movimento 5 stelle con Ida Carmina al 37,2

Ramacca: Giuseppe Limoli al 37,6 (liste civiche)

Terrasini: Giosuè Maniaci (centrosinistra) al 32,4%

Vittoria: Giovanni Moscato (candidato con liste civiche) al 35,1%

TOSCANA

Altopascio: ballottaggio tra Francesco Fagni (centrodestra) e Sara D'Ambrosio (centrosinistra)

Cascina: ballottaggio tra Alessio Antonelli (Partito democratico) e Susanna Ceccardi  (centrodestra)

Montevarchi: ballottaggio tra Silvia Chiassai  (centrodestra) e Paolo Antonio Ricci (centrosinistra)

Sansepolcro: ballottaggio tra Mauro Cornioli  (liste civiche) e Daniela Frullani  (centrosinistra)

Sesto Fiorentino: ballottaggio tra Lorenzo Zambini (centrosinistra) e Lorenzo Falchi  (candidato della sinistra)

UMBRIA

Assisi: ballottaggio tra centrodestra, con Giorgio Bartolini, e centrosinistra, con Stefania Proietti

Città di Castello: Luciano Bacchetta (centrosinistra) al 53,2%

VENETO

Abano Terme: ballottaggio tra Luca Claudio  (liste civiche) e Monica Lazzaretto  (centrosinistra)

Adria: ballottaggio tra Massimo "Bobo" Barbujani  (centrodestra) e Nicola Zambon  (centrosinistra)

Albignasego: Filippo Giacinti (centrodestra) al 62,5%

Bovolone: ballottaggio tra Emilietto Mirandola (Lista Civica) e Alessandro Minozzi (Lega Nord)

Chioggia: ballottaggio tra Giuseppe Casson  (centrodestra, Lega Nord) e Alessandro Ferro  (Movimento 5 stelle)

Cittadella: Luca Pierobon, Lega Nord, al 58,4%

Este: ballottaggio tra Roberta Gallana (centrodestra) e Stefano Agujari-stoppa (centrosinistra)

Montebelluna: Marzio Favero (Lega Nord) al 52%

Oderzo: ballottaggio tra Maria Scardellato (Lega Nord) e Laura Damo (lista civica)

San Giovanni Lupatoto: ballottaggio tra Attilio Gastaldello (Lega Nord) e Remo Taioli (lista civica)

Villorba: Marco Serena, candidato della destra, al 52,7%

A cura di Redazione
06 Giugno
13:44

Il Movimento 5 stelle dedica "il risultato storico" a Gianroberto Casaleggio

"Il risultato storico di questa giornata (a breve saranno pubblicati i dettagli dei risultati del MoVimento 5 Stelle) è dedicato a Gianroberto Casaleggio". Così si legge sul blog di Beppe Grillo, all'indomani delle elezioni amministrative. "Lo ricordiamo – prosegue il post –  con il suo discorso sul palco del V3Day di Genova interpretato da Claudio Gioè e la "sand artist" Gabriella Compagnone davanti ai 50.000 di piazza del Popolo a Roma venerdì 3 giugno. Grazie Gianroberto!".

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
12:45

Renzi: "Le elezioni amministrative e il referendum sono partite profondamente diverse"

Durante la conferenza stampa al Nazareno, il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha ribadito che il voto delle elezioni amministrative e quello sul referendum costituzionale "sono partite profondamente diverse". "Ho detto – ha aggiunto – che non avrei considerato valore nazionale delle elezioni amministrative e mi pare di essere stato un buon profeta nel dirlo per come sono andate. Allo stesso modo confermo che il referendum avrà ripercussioni sul governo".

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
12:32

Renzi: "Non siamo soddisfatti. Pd ha problema a Napoli, a Roma è stato un miracolo"

assemblea-pd-renzi-9087

Sul voto di ieri "è difficile dare un giudizio complessivo", certo che "come Pd noi non siamo contenti". Così il presidente del Consiglio Matteo Renzi ha commentato in conferenza stampa al Nazareno i riusltati delle amministrative. "Noi non siamo – ha aggiunto – come altri che indossano il sorriso d'ordinanza dopo le elezioni". Il premier ha spiegato che il Pd "voleva fare meglio", soprattutto a Napoli, dove si è verificato il "risultato peggiore". Un problema, secondo Renzi, "che riguarda la città di Napoli" ed è "un problema grande", perché lì "oramai da qualche anno il Pd non riesce a esprimersi al meglio". Mentre in provincia "in sette comuni il Pd ha vinto, quindi il baco è Napoli. I dati della Campania dicono che abbiamo vinto al primo turno a Salerno e siamo andati molto bene a Caserta. Non esiste un problema Campania". Renzi ha quindi annunciato che alla "prima direzione del partito dopo il ballottaggio porrò il tema Napoli e farò una proposta sulla città, perché è impossibile continuare a sfangarla e quindi serve soluzione commissariale molto forte su città per ripartire da zero".

Per quanto riguarda Roma, invece, per Renzi,Roberto Giachetti ha fatto "un mezzo miracolo, va dato onore al merito di Bobo, che ha fatto una campagna molto difficile. Tuttavia c'è, è in campo e si giocherà la partita al ballottaggio, così come in altri comuni dove si voterà".

Per valutare il voto di ieri, secondo il premier, "l'elemento chiave da utilizzare è che gli elettori sanno scegliere, dobbiamo prenderne atto: fanno zapping con la scheda elettorale, come è sacrosanto che sia. Se un candidato convince viene votato. Gli elettori sanno scegliere, non sempre scelgono i nostri ma c'è libertà di voto che rende impossibile dare un giudizio nazionale uniforme". Su questo punto Renzi ha insistito, sostenendo che non si può dare un quadro dove "i risultati sono frastagliati", tutti hanno "luci e ombre" e in molte città il Pd "sta sopra al 40%, lo dico a quelli che stanno facendo grandi discussioni di politica nazionale". "Io – ha aggiunto – non sono soddisfatto, riconoscetemi l'onestrà intellettuale di chi dice possiamo fare meglio".

Una considerazione riguarda le minoranze all'interno e fuori dal Pd: "Se uno non vuole votare il Partito democratico e sta a sinistra vota 5 stelle per protesta, più che movimenti a sinistra del Pd. Basta vedere i risultati di Airaudo a Torino o Fassina a Roma. Se loro sono contenti ok,  ma stanno tra l 3 e il 4% in città pure importanti per tradizione di sinistra come Roma e Torino. Io sono affamato di vittorie".

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
11:43

Elezioni comunali: a Cagliari Massimo Zedda vince al primo turno

Cagliari, presentazione del progetto per il nuovo Stadio Sant'Elia

Quando sono state scrutinate quasi tutte le sezioni, Massimo Zedda, sindaco uscente di Cagliari, si attesta al 50,9%. Il suo principale sfidante, l'ex parlamentare di Forza Italia Piergiorgio Massidda, si è fermato invece al 32,1%. Zedda è l'unico candidato sindaco in Italia ad aver vinto al primo turno in questa tornata delle amministrative. Nel capoluogo sardo il Movimento 5 stelle, con la candidata Maria Antonietta Martinez,  ha totalizzato solo il 9,2%. Seguono Paolo Matta (La Quinta A) con il 2,5%, Enrico Lobina (Cagliari Città Capitale) con il 2,2%, Paolo Casu (liste civiche) con l'1,8%, Alberto Agus (Popolo della famiglia) con l'1,2%. Primo partito il Pd, con oltre il 19%, seguito dal Movimento 5 stelle (8,8%) e poi Forza Italia all'8,2%.

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
11:10

Speranza attacca Renzi: "Al Pd serve un segretario a tempo pieno"

Roberto Speranza

"Il Pd ha bisogno di un segretario a tempo pieno. Non c'era bisogno del risultato di oggi, questo lo diciamo da mesi, è una richiesta che abbiamo fatto perché ci rendiamo conto che fare il premier e il segretario non è cosa facile". Lo ha detto il parlamentare dem Roberto Speranza, all'indomani delle amministrative. Sui dati emersi con il voto di ieri, ha aggiunto, "bisognerà riflettere bene ma vogliamo dare un segnale di grande unità, il Pd deve essere unito per i ballottaggi. Il dibattito lo faremo dopo i ballottaggi". In queste due settimane non bisognerà parlare del referendum, perché "un partito che vuol governare il paese non può dire che la sfida è tra qualche mese, la sfida è quella che arriva tra due settimane", né del congresso, che ci sarà dopo le consultazioni di ottobre "e dovrà sciogliere alcuni dati di fondo". Ora, ha proseguito Speranza, "non è il momento di discutere di referendum e di congresso, tutto il Pd deve impegnarsi per vincere queste elezioni". Il parlamentare dem ha anche chiesto "che il Pd sia il cardine del centrosinistra, non un partito indistinto in cui c'è tutto e il contrario di tutto. Di questo parleremo dopo i ballottaggi. Dove ci si allea in maniera impropria i nostri elettori si voltano dall'altra parte". La critica all'alleanza con i verdiniani investe anche il Senato, dove quei voti "non sono necessari, lo abbiamo detto mille volte".

A cura di Claudia Torrisi
06 Giugno
08:49

Grillo esulta: "Risultato storico, M5S lento ma inesorabile"

Ecco il commento di Beppe Grillo, dalle pagine del suo blog:

"Secondo la quarta proiezione disponibile quasi alle due di notte il MoVimento 5 Stelle è la prima forza politica a Roma con il 37,5% e a Torino con il 32%. Virginia Raggi al momento è in testa per la corsa alla carica di sindaco con il 37,4% e andrà al ballottaggio con Giachetti o con la Meloni distaccati di circa 15 punti, UN RISULTATO STORICO! Chiara Appendino con il 35% tallona Fassino a Torino e tra due settimane sarà al ballottaggio, UN RISULTATO STORICO!
Il ballottaggio si profila anche a Savona con Salvatore Diaspro.
A Bologna Max Bugani ha raddoppiato i voti delle precedenti elezioni comunali, a Milano con Gianluca Corrado il MoVimento 5 Stelle è passato dal 3% a circa il 10% e a Napoli con Matteo Brambilla dall'1 al 10%.
Ci sono già alcuni sindaci eletti al primo turno (per ora Fossombrone e Vigonovo).
Il MoVimento 5 Stelle è lento ma inesorabile.
Cambiamo tutto!"

A cura di Adriano Biondi
06 Giugno
04:58

Fassino sicuro: "Vinciamo lo stesso al ballottaggio"

 
A cura di Adriano Biondi
06 Giugno
02:48

Roma, Raggi al 35%. Giachetti "stacca" Giorgia Meloni. Probabile ballottaggio PD - M5S

Quando sono state scrutinate 205 sezioni su 2.600 Virginia Raggi, del Movimento 5 Stelle, si conferma in testa con il 35,16%. Alle sue spalle Roberto Giachetti, con il 25, sembra aver preso un buon margine su Giorgia Meloni, ferma al 20. A Roma, dunque, si andrà come era prevedibile al ballottaggio.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
02:20

Colpo di scena a Milano: Parisi supera Sala

Possibile colpo di scena a Milano, dove il candidato di centrodestra Stefano Parisi è in testa con il 42,7% dei consensi rispetto a Giuseppe Sala, fermo al 39: i dati emergono dai primi scrutini ufficiali.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
02:15

Di Maio: "Risultato storico"

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
02:07

Bologna, Merola verso il ballottaggio

Virginio Merola, sindaco uscente di Bologna, verso il ballottaggio contro la candidata della Lega Nord Lucia Borgonzoni – che sembra aver fatto registrare un risultato sorprendente – oppure il grillino Massimo Bugani. Più distaccati il civico Manes Bernardini e il candidato di Coalizione civica Federico Martelloni.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
01:49

Terza proiezione a Milano: Giuseppe Sala al 41,9%, Stefano Parisi al 38,2%

A Milano la sfida al ballottaggio sarà tra Giuseppe Sala e Stefano Parisi: in base alla terza proiezione Ipr-Istituto Piepoli per la Rai – su un campione del 20% – nel capoluogo meneghino Giuseppe Sala è al 41,9% mentre Stefano Parisi al 38,2%. Seguono Gianluca Corrado con il 10,4 e Vincenzo Basilio Rizzo al 4,3%.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
01:45

Torino, terza proiezione: Fassino 40,2%, Appendino 36,1%

La terza proiezione di Ipr-Istituto Piepoli per la Rai, su un campione del 18%, rivela che a Torino Piero Fassino è primo con il 40,2%, seguito da Chiara Appendino con il 36,1%. Alberto Morano è al 6.9% e Roberto Rosso è al 4,2%.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
01:39

A Napoli si va verso un ballottaggio De Magistris - Lettieri

In base alla seconda proiezione (copertura al 10%) realizzata da Ipr-Istituto Piepoli per la Rai a Napoli il sindaco uscente Luigi De Magistris è in testa con il 42,4%, seguito dal candidato del centrodestra Gianni Lettieri al 24%. Entrambi, così, andrebbero al ballottaggio del 19 giugno.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
01:18

Roma, testa a testa Giachetti - Meloni. Chi dei due sfiderà Virginia Raggi?

Secondo una nuova proiezione Ipr-Istituto Piepoli per la Rai, a Roma Virginia Raggi è al 37,3%, Roberto Giachetti al 22,6% e Giorgia Meloni al 21,8% mentre Alfio Marchini si attesta al 9,2%. Il vero testa a testa, per il ballottaggio, potrebbe quindi essere tra Giachetti e Meloni.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
00:57

Napoli, De Magistris in testa, Lettieri insegue. Flop della Valente

A Napoli, dopo 10 sezioni scrutinate, Luigi De Magistris è in testa con il 33,65% dei voti. A cinque punti percentuali di distanza il candidato di centrodestra Giovanni Lettieri, mentre Valeria Valente – del PD – si ferma al 21%.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
00:37

Torino: probabile ballottaggio Fassino (PD) - Appendino (M5S)

Probabile ballottaggio a Torino: le prime proiezioni danno un testa a testa tra Piero Fassino, sindaco uscente, e la candidata del Movimento 5 Stelle Chiara Appendino. Il distacco al momento è di appena 2 punti percentuali.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
00:29

Milano, prime proiezioni: testa a testa Sala - Parisi

Secondo la prima proiezione di Ipr-Istituto Piepoli per la Rai, al 5% del campione, a Milano Giuseppe Sala è avanti con il 42%; alle sue spalle Stefano Parisi con il 37,5%. I due candidati, sostenuti del Pd e del centro destra, andrebbero al ballottaggio. Alle loro spalle Gianluca Corrado di M5s con 11,2% e Basilio Vincenzo Rizzo con 3,7%.

A cura di Davide Falcioni
06 Giugno
00:26

Roma, prime proiezioni confermano Virginia Raggi in testa con il 36,7%

Stando alla prima proiezione realizzata da Ipr-Istituto Piepoli per la Rai, a Roma Virginia Raggi si conferma in testa al 36,7% con Roberto Giachetti che si attesta al 23,1%, seguito a stretta distanza da Giorgia Meloni al 22,2% mentre Alfio Marchini è al 8,9%.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
23:46

Affluenza definitiva al 62,14%

Il Ministero degli Interni ha pubblicato i dati definitivi dell'affluenza: alle 23 sono andati a votare il 62,14% degli elettori aventi diritto. Il dato riguarda tutti i 1274 comuni interessati dalle elezioni esclusi quelli del Friuli Venezia Giulia e della Sicilia. Rispetto alle precedenti amministrative si registra un calo sostanziale di oltre cinque punti: nella tornata elettorale precedente infatti l'affluenza era stata del 67,42%.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
23:40

Elezioni amministrative, proiezioni: boom di De Magistris a Napoli. A Roma in testa Raggi

Chiuse le urne, le prime proiezioni danno Virginia Raggi in netto vantaggio a Roma su Roberto Giachetti, candidato del Partito Democratico. La candidata sindaco del Movimento 5 Stelle si attesterebbe su percentuali intorno al 36%, mentre il democratico sarebbe fermo al 23. Per quanto riguarda la destra Giorgia Meloni potrebbe ottenere un 23% dei consensi e Alfio Marchini il 14. Stefano Fassina, invece, sarebbe fermo al 4%.

A Napoli Luigi De Magistris incassa circa il 41% dei consensi e, pur risultando il candidato più votato, sembra essere ancora lontano dal 50% necessario per vincere al primo turno. Bene la destra di Lettieri, mentre decisamente sotto le aspettative la candidata del PD Valente.

A Milano Giuseppe Sala e Stefano Parisi potrebbero giocarsi il primato al ballottaggio. Il Movimento 5 Stelle è invece sembra essere decisamente lontano.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
23:28

In Sardegna affluenza al 69,2%

Sono stati resi noti i dati sull'affluenza in Sardegna, dove ha votato il 69,2% degli elettori, circa un punto percentuale in meno rispetto alle ultime amministrative. La percentuale più elevata è stata registrata nella ex Provincia di Olbia-Tempio (80,5%), nel Medio Campidano è stata del 76,3%, a Sassari del 73,9%, a Carbonia-Iglesias del 73,2%, in Ogliastra del 71,7%, a Cagliari del 70%, a Nuoro 61,9%, a Oristano del 59,8%.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
23:20

Torino: Fassino in testa

A Torino Piero Fassina è in netto vantaggio negli exit poll su Chiara Appendino, del Movimento 5 Stelle: il primo cittadino uscente, tuttavia, non vicerebbe al primo turno.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
23:16

A Milano Sala in vantaggio su Parisi

Secondo il primo exit poll di IPR-Istituto Piepoli per la Rai, a Milano Giuseppe Sala è in vantaggio con il 41-45%, mentre Stefano Parisi è al 35-39%.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
23:10

Elezioni Roma: Virginia Raggi in testa nei primi exit poll

Stando ai primi exit poll Virginia Raggi, candidata sindaco del Movimento 5 Stelle, potrebbe ottenere un sorprendente successo a Roma anche se non al primo turno. La Raggi potrebbe avere 10 punti percentuali di vantaggio su Giachetti e ben 20 su Giorgia Meloni.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
23:02

Elezioni amministrative, urne chiuse

Sono stati chiusi i seggi. In tutti i comini interessati dal voto cominciano adesso le operazioni di spoglio.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
22:28

Bologna: seggio chiuso un'ora per blackout elettrico

Piccolo inconveniente a Bologna: alle scuole medie Gandino, sede del seggio numero 48, per circa un'ora le votazioni sono state sospese a causa di un improvviso blackout che ha provocato la chiusura forzata del locale. Il problema si è verificato intorno alle 20,30, costringendo decine di persone a rimanere al di fuori dell’istituto senza poter andare al voto. Le operazioni sono riprese normalmente intorno alle 21,30, ma di certo l'episodio non ha aiutato l'affluenza.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
22:11

Fotografano la scheda dopo il voto: a Cosenza denunciati un uomo e una donna

Come purtroppo accade spesso negli ultimi anni non sono mancati gli episodi di irregolarità ai seggi. Un uomo e una donna di Cosenza, ad esempio, dopo aver espresso la loro preferenza  nel chiuso del seggio hanno fotografato la scheda elettorale. Entrambi sono stati denunciati dalla polizia. L'uomo è stato scoperto direttamente dagli agenti in servizio mentre la donna è stata segnalata dal presidente del seggio. Episodi simili sono stati segnalati anche a Castellammare di Stabia, Napoli, provincia di Caserta e Grosseto: in ogni caso gli elettori sono stati denunciati.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
21:37

Villacidro (Cagliari), coppia si incatena al seggio: "Da 10 mesi viviamo in auto"

Erano da poco stati aperti i seggi quando a Villacidro – in provincia di Cagliari – una coppia ha deciso di incatenarsi a pochi metri dal seggio di via Farina per chiedere ancora una volta una casa e un lavoro per poter vivere. Antonio Giua, 33 anni, e la sua compagna Fabiola Serci, 31, hanno a lungo mostrato un cartello agli elettori che andavano a votare. I due si sono detti letteralmente disperati: da dieci mesi, infatti, vivono in auto.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
21:17

Amministrative 2016 - Europee 2014: affluenza in aumento

Seppur basso, il dato dell'affluenza delle ore 19 – del 46,01% – è sensibilmente più alto rispetto a quello della stessa ora delle elezioni europee del 2014, quando alle 19 si erano recati alle urne solo il 42,1 per cento degli aventi diritto. Il dato finale dell'affluenza, invece, due anni fa fu del 57,22 per cento. Se il trend sarà quello visto finora, quindi, alle 23 ci si potrà aspettare una percentuale tra il 60 e il 65%.

A cura di Davide Falcioni
05 Giugno
19:30

Dati affluenza comunali: alle 19 ha votato circa il 50% degli aventi diritto

Alle 19 ha votato il 48,86%degli aventi diritto. Si tratta di un dato in linea con quello della mattinata, che dunque prefigura un'affluenza finale relativamente bassa. Particolarmente rilevanti sembrano i dati di Roma (39,4%), Napoli (37,6%), Bologna (46,4%) e Torino, dove ha votato il 41,3%.

A cura di Adriano Biondi
05 Giugno
18:05

104 anni, rinnova la tessera elettorale e va a votare: "È un diritto e un dovere"

Non sappiamo con certezza se si tratti dell’elettore più anziano d’Italia, ma di sicuro quella di Antonio Tassora è una storia che va raccontata. L’uomo ha infatti 104 anni e oggi si è recato in Comune per rinnovare la propria tessera elettorale e recarsi al seggio del comune di Beverino, in provincia di La Spezia. “Il voto è un diritto-dovere che io intendo esercitare fino a quando ne avrò le facoltà”, ha detto ai cronisti, spiegando di aver “sempre votato” e di non voler rivelare le sue preferenze.

A cura di Adriano Biondi
05 Giugno
16:37

Torino, i candidati al voto

 
A cura di Adriano Biondi
05 Giugno
12:47

Affluenza alle 12 intorno al 18%

I primi dati sull'affluenza alle urne per queste elezioni comunali 2016 indicano che alle 12 sono andati a votare circa il 18 per cento degli aventi diritto (17.99%). Il dato riguarda tutti i 1274 chiamati alle urne per eleggere i nuovi sindaci e il consiglio comunale. Nel dettaglio, per le elezioni comunali di Roma l'affluenza alle 12 ha raggiunto il 14,12 per cento, a Milano invece è andato a votare il 15,56% degli elettori, a Napoli il 15,20%, a Torino il 14,05% a Bologna il 19.91%, a Cagliari il 18,12%, a Trieste il 18.8%. Il prossimo dato verrà rilevato alle ore 19.

A cura di Antonio Palma
05 Giugno
11:03

I primi leader al voto

Si sono già presentati ai seggi questa mattina alcuni dei leader politici dei partiti in corsa e alcuni dei candidati alla carica di Sindaco nelle grandi città. A Roma ad esempio hanno votato il candidato del Pd Roberto Giachetti ma anche il governatore del Lazio Nicola Zingaretti e i leader di Forza Italia Silvio Berlusconi. A Milano ha votato invece Beppe Sala del Pd,  mentre a Torino si sono già espressi Chiara Appendino candidata alla carica di Sindaco per il Movimento 5 Stelle, e il sindaco uscente e ricandidato Piero Fassino

A cura di Antonio Palma
05 Giugno
09:33

Comunali: seggi aperti dalle 7

Si sono aperti  regolarmente questa mattina alle 7 i seggi per il primo turno delle Elezioni amministrative. Le operazioni di voto proseguiranno fino alle 23 quando alla chiusura dei seggi seguiranno gli spogli delle schede. Sono oltre tredici milioni di italiani chiamati a eleggere il sindaco e a rinnovare il Consiglio comunale di 1.342 città, tra cui 7 capoluoghi di regione ( Roma, Milano, Napoli, Bologna, Torino, Cagliari e Trieste) e 18 comuni capoluogo di provincia (Benevento, Brindisi, Carbonia, Caserta, Cosenza, Crotone, Grosseto, Isernia, Latina, Novara, Olbia, Pordenone, Ravenna, Rimini, Salerno, Savona, Varese e Villacidro)

A cura di Antonio Palma
05 Giugno
02:25

Elezioni Comunali 2016, al voto 13,4 milioni di italiani

I seggi saranno aperti dalle 7:00 alle 23:00 e ricordiamo che possono esercitare il proprio diritto di voto tutti i cittadini maggiorenni che siano in possesso dei diritti politici, residenti in Italia o iscritti nel registro dell’AIRE. Tra i Comuni interessati dal voto ci sono 26 capoluoghi di Regione o provincia, oltre che le prime città italiane per numero di abitanti: Roma, Milano, Napoli e Torino.

Nei comuni con più di 15mila abitanti il meccanismo di voto è il seguendo: si può tracciare una una X solo sul simbolo di una lista e assegnare la preferenza sia al candidato sindaco da questa appoggiato che alla lista dei candidati consiglieri; si può tracciare una X solo sul candidato sindaco, attribuendo in questo caso il voto solo al candidato sindaco; si può esprimere un "voto disgiunto”, tracciando una X sul candidato sindaco prescelto e un'altra su una lista a lui non collegata. È possibile inserire voti di preferenza ai candidati che corrono per la carica di consigliere comunale.

Nei comuni con meno di 15mila abitanti non è possibile il voto disgiunto. L’eventuale turno di ballottaggio si terrà domenica 19 giugno, nel caso in cui nessun candidato delle città con più di 15mila abitanti riuscisse a raggiungere al primo turno il 50% + 1 dei voti validi.

Nelle prossime ore vi aggiorneremo sui dati relativi all'affluenza e dalle 23 vi proporremo exit poll e proiezioni, oltre che una lunga diretta di commento sui risultati della consultazione elettorale delle Comunali 2016.

A cura di Adriano Biondi
05 Giugno
02:23

Seggi aperti fino alle 23

Diversamente da quanto avvenuto negli anni scorsi, in questa tornata elettorale sarà possibile votare solo fino alle 23 di oggi 5 giugno.

A cura di Adriano Biondi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni