in evidenza 31 Ottobre 21:39 Dpcm, Conte in Parlamento lunedì per comunicare nuove misure anti Covid

A quanto si apprende da fonti di Montecitorio lunedì 2 novembre alle 12 il presidente del Consiglio Giuseppe Conte terrà alla Camera comunicazioni sulle nuove misure per fronteggiate l'emergenza sanitaria. Il presidente del Consiglio potrebbe tenere poi le comunicazioni al Senato nel pomeriggio alle 17, in vista di un nuovo dpcm che il governo intende firmare già lunedì sera.

31 Ottobre 22:49 Nessun lockdown nazionale ma chiusure provinciali: le indicazioni del Cts

Nessun lockdown nazionale né regionale ma chiusure provinciali laddove è necessario. Sarebbe questa, secondo quando si apprende, una delle indicazioni emersa nella riunione di questa sera del Comitato tecnico scientifico. Gli esperti avrebbero comunque sottolineato la necessità di attendere ancora qualche giorno per vedere gli effetti del dpcm del 24 ottobre e hanno anche ribadito la necessità di rivedere le modalità del trasporto pubblico.

31 Ottobre 22:11 Turchia, positivo al Covid-19 il portavoce del presidente Erdogan

Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan (Gettyimages)
in foto: Il presidente della Turchia, Recep Tayyip Erdogan (Gettyimages)

Dopo il ministro dell'Interno, Suleyman Soylu, in Turchia è risultato positivo al Covid-19 anche il portavoce del presidente Recep Tayyip Erdogan, Ibrahim Kalin. Kalin, oltre ad essere un esponente di spicco del partito Akp, è uno dei consiglieri più vicini a Erdogan.

31 Ottobre 21:26 Portogallo, dal 4 novembre lockdown parziale

Anche in Portogallo arriva una nuova chiusura: il governo di Lisbona ha ordinato la limitazione dei movimenti nei comuni con più alto rischio di contagio da coronavirus. La misura, che enterè in vigore a partire dal 4 novembre, riguarderà il 70 per cento della popolazione.

Si potrà uscire solo per attività essenziali come lavorare, andare a scuola o fare la spesa. Il provvedimento è stato deciso in un Consiglio straordinario dei ministri e sarà applicato ai comuni con un'incidenza di oltre 240 casi ogni 100 mila abitanti negli ultimi 14 giorni, situazione in cui si trovano attualmente 121 località portoghesi, per un totale di 7,1 milione di abitanti.

"Se non dobbiamo fare nulla di essenziale, dobbiamo restare a casa. Possiamo andare al lavoro, a scuola, a fare la spesa, uscire per fare esercizio fisico, assistere chi ne ha bisogno. Ma la regola è che dobbiamo restare a casa ", ha spiegato il primo ministro, Antonio Costa.

31 Ottobre 21:00 Lockdown nazionale in Austria da martedì fino al 30 novembre

Anche in Austria torna il blocco nazionale. Il lockdown nazionale, che entrerà in vigore sempre da martedì 3 novembre, è stato annunciato dal cancelliere austriaco Sebastian Kurz, preoccupato dalla crescita dei contagi nel Paese. Tra le misure previste, il coprifuoco dalle 20 alle 6 e la chiusura di bar e ristoranti che potranno effettuare solo servizio d'asporto.

Dopo il susseguirsi di giornate con contagi giornalieri da record, oggi sono stati registrati 5.349 casi, il governo verde-turchese (Verdi-Popolari dell'OeVP), ha deciso la nuova stretta. "Se non agiamo ora ci sarà un sovraccarico perché i letti in ospedale stanno finendo. Questo significa che i medici dovranno decidere chi far vivere e chi no e non possiamo assolutamente permetterlo", ha detto il primo ministro. Il nuovo lockdown su tutto il territorio austriaco durerà fino al 30 novembre.

31 Ottobre 20:36 Nuovo lockdown in Inghilterra, Boris Johnson: “Se non agiamo migliaia di morti ogni giorno”

Il premier britannico Boris Johnson ha annunciato un nuovo lockdown in Inghilterra. "Nessuno vuole imporre questo tipo di misure, da nessuna parte" ha detto in una conferenza stampa da Downing Street. "Ma a meno che non agiamo, vedremo più morti rispetto ad aprile, diverse migliaia al giorno", ha aggiunto, prima di ammettere che i lockdown localizzati non hanno funzionato. "Dovete restare a casa, potete uscire solo per motivi specifici, inclusi l'istruzione e il lavoro", ha ribadito Johnson.

"I negozi non essenziali, i luoghi di svago e di intrattenimento saranno tutti chiusi", ha spiegato. Pub, bar, ristoranti dovranno chiudere, ad eccezione dei servizi di asporto e consegna. Restano aperte scuole e università. "Non torneremo al lockdown totale di marzo e aprile. Le misure che ho delineato sono molto meno restrittive, anche se temo che da giovedì il messaggio di base sia lo stesso: stare a casa, proteggere il sistema sanitario e salvare vite". Il blocco scatterà dal prossimo giovedì, e durerà fino al 2 dicembre. Il contenimento annunciato oggi non riguarda Scozia, Galles e Irlanda del Nord.

31 Ottobre 19:47 Lo scienziato Bucci al governo: “Servono dati certi, quelli diffusi sono vecchi di due settimane”

"Stiamo camminando al buio, ci tengono in uno stato di incoscienza e quando le persone non conoscono la situazione reale son difficili da sensibilizzare. In questo momento nessuno conosce dati in grado di raccontare la situazione reale. Nemmeno gli scienziati. Quelli diffusi attualmente riferiscono uno scenario vecchio di due settimane, quindi inutili nell'offrire una risposta coerente e non tengono conto dell'andamento epidemico. Nemmeno l'RT è un dato utile, non riporta la velocità del contagio e di quanto la situazione stia peggiorando". Lo ha dichiarato Enrico Bucci, Adjunct Professor presso la Temple University di Philadelphia e consigliere dell'Associazione Luca Coscioni, intervenuto nel corso del webinar ‘Webinar Covid 19: Le proposte al Governo dell'Associazione Luca Coscioni'.

"Osservando i dati di occupazione degli ospedali – ha spiegato Bucci – emerge che moltissime regioni, se paradossalmente destineranno tutti i posti letto ai pazienti Covid e a nessun'altra malattia, tra 2 o 3 settimane avranno raggiunto la capienza massima. Per questo è necessario avere dati certi subito, perché è indispensabile sapere se le misure attualmente in atto sono efficaci e hanno un impatto oppure no. Abbiamo bisogno di dati sentinella su un campione anche piccolo: su 200mila tamponi che si fanno al giorno, ne basterebbero una decina di migliaia a settimana per avere una situazione chiara di cosa sta succedendo. L'unico dato significativo disponibile – ha proseguito – è quello legato al riempimento degli ospedali. Se vogliamo ottenere collaborazione dai cittadini bisogna mostrare i dati solidi, non abbiamo più tempo, fra un tre settimane/un mese ce ne accorgeremo, ma staremo piangendo i nostri cari".

Servono "Test tampone a campione che comprendano sintomatici e asintomatici" per avere dati certi sull'andamento dell'epidemia da Covid-19, ha chiesto Marco Cappato, tesoriere dell'Associazione Coscioni. "A marzo – ha detto Cappato – abbiamo sviluppato insieme a due ex presidenti dell'Istat, Giorgio Alleva e Alberto Zuliani, una proposta, senza ricevere una risposta, riguardante la possibilità di testare con il tampone un campione statistico, che comprenda sintomatici e asintomatici. Come Associazione Coscioni chiediamo a governo e Parlamento di ascoltare i due scienziati e di prendere urgentemente i provvedimenti necessari per realizzare il monitoraggio proposto".

31 Ottobre 19:24 A Milano torna in campo l’Esercito per gestire i tamponi rapidi

L'Esercito torna in campo a Milano per effettuare i tamponi rapidi. Da lunedì in Lombardia inizieranno a essere usati i tamponi rapidi acquistati dalla Regione. Si parte con le Ats e Asst della Lombardia “in determinati ambienti pubblici e successivamente, grazie ad una delibera che sarà presentata in giunta martedì 3 novembre, saranno forniti a medici e pediatri di famiglia che daranno la disponibilità”, ha spiegato il presidente Fontana.

Nel capoluogo lombardo i militari collaboreranno per allestire due ‘drive-through' nei parcheggi Atm a Romolo e in via Novara, dove il personale degli ospedali San Paolo e San Carlo effettuerà i tamponi rapidi al personale della scuola e agli studenti.

31 Ottobre 18:35 Piemonte, 16 ospedali diventano ‘Covid Hospital’

Sedici ospedali piemontesi diventano ‘Covid Hospital'. La decisione, su indicazione dell'Unità di crisi della regione, in seguito alla necessità crescente di posti di ricovero, riguarda a Torino l'ospedale Martini (con chiusura del DEA) e parzialmente il Cto (conversione della Medicina del lavoro, parte della Rianimazione e dell'Ortopedia) mentre in provincia di Torino il San Luigi di Orbassano (con una conversione del 50% dei posti letto e Dea aperto) e gli ospedali di Venaria, Giaveno, Cuorgnè, Lanzo e Carmagnola. Nel Cuneese gli ospedali di Saluzzo e Ceva, in provincia di Alessandria la Clinica Salus e l'ospedale di Tortona, in provincia di Asti l'ospedale di Nizza Monferrato, nel Novarese l'ospedale di Galliate, nel Vercellese quello di Borgosesia (con Punto di primo intervento – PPI – aperto h24) e nel Vco il presidio COQ di Omegna.

"È una scelta difficile, ma inevitabile, per riuscire a fronteggiare la necessità crescente di posti Covid e dare una risposta immediata che decongestioni i nostri pronto soccorso", spiega l'assessore regionale alla Sanità, Luigi Genesio Icardi. "La conversione di questi presidi ci consente di destinare ai pazienti Covid dei percorsi ospedalieri completamente dedicati e separati da quelli dei pazienti non Covid – aggiunge -. Il sistema sanitario piemontese sta facendo lo sforzo massimo per potenziare il più possibile l'intera rete ospedaliera e territoriale, che l'evoluzione della pandemia sta mettendo a dura prova in tutto il nostro Paese".

31 Ottobre 17:50 In Italia il rapporto casi positivi-tamponi sale al 14,7%: è il più alto della seconda ondata

È pari al 14,7% il rapporto fra casi positivi e tamponi, calcolato sulla base dei dati epidemiologici diffusi il 31 ottobre dal ministero della Salute, quando è stato raggiunto un nuovo record con quasi 32mila nuovi casi in 24 ore. È il valore massimo finora registrato in questa seconda ondata della pandemia di Covid-19.

31 Ottobre 17:45 Proteste contro il nuovo Dpcm, cariche della polizia a Roma: fumogeni e petardi contro agenti

Le proteste contro il nuovo Dpcm continuano a Roma. Disordini si sono registrati poco fa in piazza Campo de'Fiori, dove hanno manifestato movimenti di cittadini contrari alle chiusure tra cui gli esponenti di estrema destra, con CasaPound e Forza Nuova. Un centinaio di manifestanti con mascherine e bandiere tricolore che si sono dati appuntamento, radunandosi attorno alla statua di Giordano Bruno. Da qui cariche e scontri con le forze dell'ordine. I manifestanti hanno infine raggiunto piazza Trilussa, dove poi la manifestazione si è sciolta.

31 Ottobre 17:39 In Italia 31.758 nuovi casi Covid nelle ultime 24 ore su oltre 215mila tamponi effettuati

Ennesimo record di casi di Coronavirus in Italia: nelle ultime 24 ore i nuovi contagi registrati sono stati 31.758, secondo il bollettino di oggi sabato 31 ottobre, su oltre 215mila tamponi effettuati, per un totale di 679.430 infezioni dall’inizio dell’emergenza Covid-19. Cresce anche il numero dei morti: +297 rispetto a ieri. Boom di casi in Lombardia, con quasi novemila casi, seguita da Campania, Lazio, Veneto e Piemonte.

31 Ottobre 17:08 Nuove misure anti-Covid, Comitato tecnico-scientifico convocato d’urgenza alle 18

Il governo ha convocato una riunione del Comitato tecnico scientifico d’urgenza per le 18 per discutere di nuove possibili misure anti-Covid tra cui, in particolare, la richiesta di Campania e Lombardia di chiusura totale.

31 Ottobre 16:58 Da martedì in Austria scatta il secondo lockdown

"Da martedì 3 novembre scatterà il secondo lockdown in tutta l'Austria e durerà fino al 30 novembre". Lo ha appena annunciato il cancelliere austriaco Sebastian Kurz a seguito della drammatica situazione dei contagi in Austria dopo l'impennata di nuovi contagi da Coronavirus.

31 Ottobre 16:48 Il ministro Boccia: “Possibili chiusure in alcuni territori per due o tre settimane”

Non si esclude "la necessità di una, due, tre settimane di stop in alcuni territori, perché l'indice Rt non è uguale dappertutto". Lo ha detto il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, parlando ancora dell'emergenza Covid in occasione della giornata conclusiva di Digithon. "In questo momento le aree interne non sono nella condizione delle aree metropolitane e nelle aree metropolitane – ha spiegato – c'è una maggior difficoltà legata alla densità di popolazione. E questa cosa evidentemente, in questo momento, va spiegata bene e va rafforzata anche attraverso gli strumenti tecnologici di cui ci siamo dotati". Importante secondo Boccia anche il ruolo delle imprese nell'emergenza. "Io penso che l'Italia abbia avuto la forza fino ad oggi – ha spiegato Boccia – di andare avanti perché il concetto ‘prima la salute, prima la difesa della vita e poi il business‘ sia stato un concetto che le imprese stesse hanno sostenuto. E io le ringrazio, perché se non ci fosse stata la compattezza con il mondo delle imprese e il mondo del lavoro, noi non ci saremmo riusciti già da marzo-aprile. Però mentre a marzo-aprile – ha proseguito il ministro – non avevamo gli strumenti, non avevamo le mascherine, non avevamo i ventilatori, non avevamo nulla, oggi abbiamo tutto".

Scrivi un messaggio

31 Ottobre 16:20 Iss, oltre 5.600 positivi fra operatori sanitari dal 12 al 25 ottobre

Tra il 12 e il 25 ottobre si registrano 168.518 nuovi casi di Covid-19 in Italia, con 568 decessi. Sono 5.684 (3,4%) i contagi tra gli operatori sanitari secondo quanto emerge dai dati dell’Istituto superiore di sanità, diffusi con un tweet all’indomani della pubblicazione del Report con il monitoraggio settimanale della situazione epidemiologica. La maggior parte dei nuovi casi arrivano da Lombardia (46.621), e Campania (20.584).

31 Ottobre 16:15 In Abruzzo 450 nuovi casi e 8 morti nelle ultime 24 ore

Sono 450 i nuovi casi di Coronavirus accertati nelle ultime ore in Abruzzo su 3.887 tamponi effettuati: è risultato positivo l'11,58% dei campioni analizzati. Si registrano 8 decessi recenti: il bilancio delle vittime sale a 550. Gli attualmente positivi superano quota seimila. Del totale dei nuovi positivi – i pazienti hanno età compresa tra i nove mesi e i 96 anni – 171 sono residenti o domiciliati in provincia dell'Aquila, 137 in provincia di Teramo, 93 nel Chietino e 59 nel Pescarese.

31 Ottobre 15:52 I medici Usa contro Trump: “Gonfiamo i numeri dei morti? Calunnia, è un’accusa offensiva”

L'associazione dei medici americani si ribella all'attacco del presidente Donald Trump, che, a 3 giorni dalle elezioni presidenziali, li ha accusati di gonfiare i numeri dei morti per coronavirus per soldi. "L'idea che i medici, nel mezzo di una crisi sanitaria pubblica, gonfino i numeri sui pazienti di Covid-19 per riempirsi le tasche è una calunnia, un'accusa offensiva e sbagliata", ha detto Susan Bailey, presidente dell'American Medical Association. "Invece di attaccarci e cavalcare accuse prive di fondamento, i nostri leader – aggiunge Bailey – dovrebbero seguire la scienza e chiedere il rispetto delle misure che sappiamo che funzionano, ovvero indossare la mascherina, lavarsi le mani e praticare il distanziamento sociale".

31 Ottobre 15:05 Positivo l’arcivescovo di Milano Mario Delpini

L'Arcivescovo di Milano, mons. Mario Delpini, si è sottoposto alla verifica di infezione da Covid-19. La prova del tampone ha dato esito positivo. Lo rende noto l'Arcidiocesi. "L'Arcivescovo – che non presenta alcuna sintomatologia – ha iniziato il periodo di quarantena previsto dai protocolli. Contestualmente sono stati avviati gli accertamenti previsti per il tracciamento e le verifiche dei contatti- è scritto in una nota -. Nelle principali celebrazioni che dovevano essere da lui presiedute nei prossimi giorni, l'Arcivescovo sarà sostituito dai suoi Vicari. Gli altri appuntamenti pubblici previsti in agenda per il periodo di quarantena sono invece rinviati".

31 Ottobre 14:45 Il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, trasferito in ospedale per Covid

Gualtiero Bassetti, presidente della Cei, Conferenza episcopale italiana, è stato trasferito in ospedale per Covid. Il cardinale è positivo da mercoledì 28 ottobre. Monsignor Russo: "Lo accompagniamo con la preghiera e con l'affetto del popolo di Dio".

31 Ottobre 14:01 Anche la Gran Bretagna verso il lockdown totale

La Gran Bretagna è pronta a tornare a una qualche forma lockdown nazionale per provare a frenare la seconda ondata di Coronavirus, che rischia di essere ben peggiore di tutti i più cupi scenari immaginati dagli esperti. Lo affermano il Times e il Guardian, riferendo che il premier, Boris Johnson, dopo aver resistito nei giorni scorsi al suggerimento d'imporre un confinamento generalizzato di due settimane, si prepara ad annunciarne in settimana uno forse anche più lungo nell'intera Inghilterra. Ieri il Regno Unito ha registrato quasi 25mila contagi e più di 260 morti. Mentre i ricoverati totali in ospedale sono saliti a oltre diecimila, tra cui 975 sottoposti a ventilazione assistita nei reparti di terapia intensiva dell'isola.

31 Ottobre 13:42 Il ministro Azzolina: “Senza scuole aperte il Paese è più debole”

"Tenere le scuole aperte significa aiutare le fasce più deboli della popolazione. Significa contrastare l'aumento delle disuguaglianze, un effetto purtroppo già in corso, a causa della pandemia. Significa tutelare gli studenti, ma anche tante donne, tante mamme, che rischiano di pagare un prezzo altissimo". Lo scrive sui social la ministra dell'Istruzione, Lucia Azzolina. "Ampliare il divario tra famiglie benestanti e famiglie svantaggiate è una responsabilità enorme. Dobbiamo esserne consapevoli. La scuola è futuro. Senza scuola il Paese diventa più debole", conclude la ministra.

31 Ottobre 13:29 Conte: “In primavera confidiamo di essere fuori dalla pandemia”

"In primavera inoltrata confidiamo di essere venuti a capo di questa situazione e speriamo che qualche mese prima usciremo dalla curva più preoccupante". Lo ha detto oggi il presidente del consiglio, Giuseppe Conte, ribadendo anche che le prime dosi del vaccino anti-Covid dovrebbero arrivare a dicembre. Ma ammettendo, anche, che prima di avere i primi effetti delle vaccinazioni in Italia bisognerà aspettare la primavera.

 

31 Ottobre 13:22 L’appello di Galli (Sacco): “Non affolliamo i cimiteri, la situazione è preoccupante”

"La situazione è sempre più preoccupante. In questo fine settimana state il più possibile a casa e limitate gli incontri anche con familiari ed amici allo stretto indispensabile. I nostri morti ricordiamoli nel cuore e nella mente e non affollando i cimiterI". È questo l'appello fatto da Massimo Galli, primario all’ospedale Sacco di Milano e docente all’università degli Studi del capoluogo lombardo, che su Twitter ha raccomandato la massima prudenza in vista della festa di Ognissanti dal momento che i contagi di Covid continuano ad aumentare esponenzialmente, soprattutto in Lombardia.

31 Ottobre 13:12 In Belgio 90 decessi al giorno per Coronavirus: aumento della mortalità fino al 140 per cento

Cresce il tasso di mortalità da Coronavirus in Belgio, con una percentuale di incremento pari al 140% nella settimana tra il 21 ed il 27 ottobre rispetto alla settimana precedente: i morti sono stati in media 90 al giorno. Emerge dagli ultimi dati diffusi dall'autorità sanitaria nazionale che segnala anche come il 27 ottobre sia stata una giornata record per i nuovi contagi, pari a 21.448 , quando per la prima il Paese ha sfondato la soglia di 20mila. Tra il 21 ed il 27 ottobre il Belgio ha visto 15.847 nuovi casi di media al giorno, con un rialzo del 31% rispetto al periodo precedente (12.084). In totale i morti attribuiti al Coronavirus dall'inizio della pandemia sono stati 11.452 (su 11milioni di abitanti). Da lunedì il paese tornerà in lockdown.

31 Ottobre 12:58 Coronavirus Veneto: Zaia fa sapere che oggi ci sono 2.697 nuovi casi di positività

"Dall'inizio dell'emergenza, i casi di positività al Coronavirus in Veneto sono 56.953, 2.697 in più rispetto a ieri". Lo ha dichiarato il presidente della Regione, Luca Zaia, durante il punto stampa convocato presso la sede della Protezione Civile di Marghera (Venezia). "Le persone oggi in isolamento domiciliare sono 18.007" ha concluso Zaia.

31 Ottobre 12:55 Di Maio anticipa nuovo dpcm: “Sarà sicuramente più restrittivo”

Il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio, anticipa che è in arrivo un nuovo dpcm, a cui il governo lavora incessantemente. Le misure saranno sicuramente più restrittive, spiega ancora l’esponente del Movimento 5 Stelle in occasione della festa del Foglio: “Dobbiamo capire se anticipare le mosse per evitare che la curva peggiori”.

31 Ottobre 12:41 Sindaco Pesaro: “Possibile un nuovo lockdown”

Le misure contenute nell'ultimo Dpcm "sono già superate: abbiamo visto cos'è successo in Francia e in Europa, temo che nei prossimi giorni andremo incontro ad altre restrizioni". Lo ha detto il sindaco di Pesaro, il dem Matteo Ricci, rispondendo via facebook alle domande dei cittadini dei quali ha detto che "la maggior parte di loro sta dimostrando grande responsabilità". "Siamo rientrati in una situazione di difficoltà – ha spiegato -: Pesaro ha meno casi rispetto ad altre città, ma sono comunque in aumento". Della settimana che si sta concludendo, Ricci ha detto che è stata "molto complicata, il Dpcm ha portato a delle tensioni, è difficile in questo momento tenere il giusto equilibrio tra l'emergenza sanitaria e quella socio-economica". "Fino alla primavera – ha concluso Ricci – saremo come dentro a la fisarmonica del virus, che si apre e si chiude".

31 Ottobre 12:30 Bertolaso: “Chiudiamo tutto per un mese e facciamo una soap opera per sensibilizzare la gente sul virus”

“Sarà politicamente scorretto, ma io temo che oggi chiudere tutto sia l’unica soluzione. Prima ci chiudiamo in casa tutti e meglio è. Lo abbiamo fatto anche per la prima ondata, è un’operazione che ha funzionato. Secondo me, in un mese di duro sacrificio da parte di tutti riusciamo a fermare questa salita, che non è una curva ma una vera e propria retta”. Sono le parole di Guido Bertolaso, ex capo della Protezione civile e consulente del presidente Fontana per l’emergenza covid in Lombardia, nel corso della trasmissione “Omnibus” (La7).

31 Ottobre 12:15 Ministro Lamorgese: “Il lockdown è l’estrema soluzione”

"Vediamo come va con l'ultimo Dpcm e poi ne riparliamo, perchè il lockdown è l'extrema ratio". Lo ha detto la ministra dell'Interno, Luciana Lamorgese, ospite del Festival dell'Ottimismo, organizzato dal Foglio quotidiano. Lamorgese ha negato che le esitazioni del governo a decidere la chiusura totale siano da ricondurre al timore delle proteste di piazza. "Non è questo il motivo – ha detto la ministra – abbiamo adottato la scorsa settimana l'ultimo Dpcm e attendiamo gli esiti. Vediamo la curva come va, e poi si deciderà in maniera più completa". Lamorgese ha sottolineato che "chiudere non è una misura facile, è una misura che può avere dei riflessi negativi sulla nostra economia, e laddove si dovesse intervenire in quei termini lo dobbiamo fare supportati dai dati scientifici, che rendono non più procrastinabile un provvedimento di questo tipo".

31 Ottobre 12:00 Le province italiane che rischiano il lockdown

Il governo potrebbe varare, d’accordo con sindaci e presidenti di Regione, dei mini-lockdown locali. Per capire quali province sono considerate più a rischio chiusura si può vedere il numero di nuovi casi di Covid-19 negli ultimi giorni, sia su base complessiva che in rapporto al numero di abitanti di ogni singolo territorio. Vediamo quali province rischiano il lockdown.

31 Ottobre 11:49 Grecia: da martedì scatta il lockdown parziale

Il premier greco, Kyriakos Mitsotakis, ha annunciato da martedì prossimo un lockdown parziale, con la chiusura di ristoranti e altre attività ricreative ad Atene e in altre principali città del Paese. "Dobbiamo agire adesso, prima le terapie intensive cedano sotto la pressione delle vite in pericolo", ha sottolineato Mitsotakis in un discorso in tv.

31 Ottobre 11:38 Richeldi spiega perché “la terza ondata non si può escludere”

“Chiusure non come a marzo, ma attenti alla terza ondata“: secondo il prof. Luca Richeldi, componente del Comitato Tecnico Scientifico, “ha senso aspettare qualche giorno per vedere se avranno effetto le misure prese con gli ultimi Dpcm“.  “Non possiamo escludere che anche in caso di lockdown si rischi una terza ondata perché abbiamo di fronte a noi tutto l’inverno mentre a marzo eravamo vicini all’estate” dice.

31 Ottobre 11:30 Coronavirus Alto Adige: 547 nuovi casi positivi, 4 morti

In Alto Adige il contagio continua ad aumentare: sono stati registrati 547 nuovi casi positivi su 3.099 tamponi effettuati dai laboratori dell'Azienda sanitaria altoatesina nelle ultime 24 ore. Sono 4 i decessi. I pazienti Covid-19 ricoverati nei normali reparti ospedalieri sono 167. Sono invece 70 quelli ricoverati nelle strutture private convenzionate e 78 in isolamento nella struttura di Colle Isarco. I ricoverati in reparti di terapia intensiva sono 18. Le persone in isolamento domiciliare sono 8.209

31 Ottobre 11:17 Coronavirus Marche: oggi 502 nuovi positivi

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 3195 tamponi: 1728 nel percorso nuove diagnosi e 1467 nel percorso guariti.
I positivi sono 502 nel percorso nuove diagnosi (91 nella provincia di Macerata, 237 nella provincia di Ancona, 46 nella provincia di Pesaro-Urbino, 50 nella provincia di Fermo, 60 nella provincia di Ascoli Piceno e 18 da fuori regione).

31 Ottobre 10:59 Lombardia, le province che rischiano il lockdown

L’ipotesi di un lockdown totale per alcune città italiane non riguarda solo le più grandi Milano, Roma, Napoli, Bologna e Torino ma anche altre province come quelle lombarde di Varese e Monza che hanno fatto registrare una impennata dei casi nelle ultime settimane: lunedì due novembre si terrà l’incontro tra il governatore lombardo Fontana e i sindaci delle province per decidere, dati alla mano, nuove possibili chiusure.

31 Ottobre 10:36 Campania, quali sono le province che rischiano di finire in lockdown

Le zone rosse in Campania si sono dimostrate un mezzo disastro: meglio il lockdown di larghe fette di Campania o dell’intera regione. Anche Vincenzo De Luca lo vorrebbe ma dopo gli scontri della scorsa settimana lascia che sia il governo Conte a decidere. I contagi corrono: tra le province di Napoli e Caserta ci sono tanti comuni a rischio severo. E l’Istituto superiore di Sanità lancia un allarme: i dati della regione non arrivano con tempismo ed è possibile che la situazione campana sia stata addirittura sottostimata. Il quadro aggiornato delle province che rischiano la chiusura.

31 Ottobre 10:27 Brasile, 22mila casi e 508 decessi ieri. Il ministro Pazuello in ospedale a Brasilia

Con altri 22mila contagi e 508 decessi registrati ieri, il Brasile si avvicina al bilancio di 160mila morti a causa del Covid. Nel frattempo il ministro della Salute brasiliano Eduardo Pazuello, convalescente da una infezione da Covid-19, è ricoverato da ieri nell'ospedale privato ‘DF Star' di Brasilia. Secondo il portale G1 del gruppo Globo, le analisi hanno indicato l'esistenza di una condizione di disidratazione per cui, su consiglio dei medici, il ministro sarà sottoposto ad un ulteriore monitoraggio e ad una breve terapia per ristabilire il suo equilibrio organico. Una decina di giorni fa Pazuello era risultato positivo al Covid-19 e nei giorni successivi, in cui è rimasto in isolamento in un hotel a disposizione dei militari in transito a Brasilia, aveva già dovuto contrastare problemi di disidratazione, accompagnati da febbre e mal di testa.

31 Ottobre 10:18 Lopalco: “Lockdown nelle grandi città? Ho i miei dubbi. Serve rallentare contatti”

Il Prof. Pier Luigi Lopalco
in foto: Il Prof. Pier Luigi Lopalco

"Non so se il lockdown di alcune città possa avere effetto, sarebbe meglio concentrarsi su alcune categorie e funzioni. Occorre rallentare i contatti che si hanno durante la giornata, l'attenzione va sugli aggregatori sociali, ecco perché abbiamo chiuso le scuole". Lo ha affermato l'epidemiolgo Pier Luigi Lopalco, assessore alla Sanità della Puglia, ospite di ‘Coffee Break' su La7.

31 Ottobre 10:09 Milano è già a rischio lockdown: cosa può succedere da lunedì

I dati di questo weekend saranno decisivi per concretizzare o meno l’ipotesi di un lockdown a Milano: la decisione potrebbe arrivare già lunedì due novembre quando ci sarà l’incontro tra il presidente della regione Lombardia Attilio Fontana e il sindaco del capoluogo lombardo Beppe Sala. I dati sui contagi sono in costante aumento e il feedback sulle misure restrittive attuate finora darà una risposta su eventuali chiusure locali per le metropoli lombarde.

31 Ottobre 09:48 Crisanti: “Sulle chiusure l’Italia è in ritardo, interventi limitati non bastano più”

Sulle chiusure si è già in ritardo, almeno di due settimane. Quanto meno in alcune Regioni sarebbe stato necessario chiudere prima. Lo dice in un'intervista a Il Messaggero Andrea Crisanti, docente di Microbiologia dell' Università di Padova: "Ora stiamo inseguendo l'epidemia, speriamo che non sia troppo tardi". Se le misure approvate dal governo non avranno un effetto, "saranno inevitabili limitazioni più restrittive. Penso che aspetteranno la prossima settimana per capire se il Dpcm sta dando risultati", aggiunge.

31 Ottobre 09:41 Germania, 19 mila casi e 103 decessi ieri

Per il quarto giorno consecutivo in Germania si registra un nuovo numero record di nuovi casi di Covid, 19.059, con 103 decessi. Con il nuovo bilancio diffuso oggi dall'Istituto Robert Koch, l'agenzia federale tedesca che si occupa delle malattie infettive, la Germania supera il mezzo milione di contagi dall'inizio della pandemia, esattamente 518mila casi con oltre 10mila vittime.

31 Ottobre 09:28 I tipi di coronavirus che circolano in Italia

Sono cinque le varianti di Sars-CoV-2 identificate dai ricercatori del Ceinge di Napoli: “Le più frequenti sono 20A e 20B ma per adesso nessuna è stata collegata a mutazioni della proteina Spike che il virus utilizza per infettare le cellule umane”.

31 Ottobre 09:15 Russia: 18.140 nuovi casi e 334 morti

La Russia ha registrato altri 18.140 casi di Covid-19, che portano a 1.618.116 il totale dei contagi dall'inizio della pandemia. Stando a quanto riferito dalle autorità sanitarie, nelle ultime 24 ore sono morte altre 334 persone, per complessivi 27.990 decessi.

31 Ottobre 09:02 Anestesisti: “Ci sono al massimo 7 mila posti in terapia intensiva”

"Con il personale a disposizione possiamo attivare al massimo settemila posti in terapia intensiva". Questa la denuncia di Alessandro Vergallo, il segretario del sindacato degli anestesisti Aaroi-Emac, contenuta in un'intervista a la Repubblica nella quale il sindacalista spiega: "Siamo intorno al 24% di occupazione media dei posti letto. Ci avviciniamo al famoso 30%, considerato un indicatore preoccupante". Si tratta di "6.500, perchè al momento non ce ne sono di più"

31 Ottobre 08:53 USA: oltre 99.000 casi, dato record da inizio pandemia

Gli Stati Uniti hanno registrato più di 99.000 casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, un dato mai registrato dall'inizio della pandemia, che porta a oltre 9 milioni il numero complessivo dei contagi. Solo due settimane fa il paese aveva superato la soglia degli 8 milioni. Stando ai dati della Johns Hopkins University, nelle ultime 24 ore sono stati confermati 99.321 nuovi casi di coronavirus, che portano il totale a 9.044.255, mentre i morti sono stati 1.030, per complessivi 229.686 decessi. Aumentano anche i ricoveri: nelle ultime 24 ore sono state più di 46.600 le persone accolte in ospedale, con un incremento del 25% rispetto alle ultime due settimane, stando ai dati del COVID Tracking Project riportati dal New York Times.

31 Ottobre 08:41 Australia, zero casi nello Stato di Victoria

Nello Stato australiano di Victoria nelle ultime 24 ore non sono stati segnalati casi di coronavirus, a quattro giorni dalla riapertura della città di Melbourne, rimasta per quasi quattro mesi in lockdown, uno dei più lunghi al mondo. Lo ha riferito il responsabile sanitario, Brett Sutton, su Twitter.

31 Ottobre 08:39 Regno Unito verso il lockdown

Anche la Gran Bretagna è pronta ormai a tornare a una qualche forma lockdown nazionale per provare a frenare la seconda ondata di coronavirus. Lo anticipano oggi giornali come il Times e il Guardian, riferendo che il premier Tory, Boris Johnson, dopo aver resistito nei giorni scorsi al suggerimento d'imporre un confinamento generalizzato di due settimane, si prepara ad annunciarne ora la settimana entrante uno forse anche più lungo nell'intera Inghilterra, la nazione di gran lunga più popolosa del Regno Unito.

31 Ottobre 08:14 Verso il lockdown nelle grandi città (Milano, Napoli, Roma, Torino e Bologna)

L'ipotesi del lockdown nelle grandi città si fa sempre più concreta. Una stretta che potrebbe arrivare già nel weekend, mentre secondo alcuni retroscena il Governo Conte starebbe anche pensando di anticipare il prossimo Dpcm, previsto per il 9 novembre, ai primi del mese "sfruttando" le festività. Nella lista dei centri a rischio, scrive oggi il Corriere della Sera, ci sono Milano, Napoli, Roma, Torino e Bologna.

31 Ottobre 08:08 Le ultime notizie sul coronavirus dall’Italia e dal mondo di oggi, 31 ottobre

Nuovo record di contagi da Coronavirus in Italia. Stando ai dati del bollettino di ieri diffuso dal Ministero della Salute, sono 31.084 i nuovi casi di Covid 19 registrati nelle ultime 24 ore in Italia, che segna così un nuovo record, con oltre 215mila tamponi effettuati, e 199 morti. Aumenta il numero degli ospedalizzati e dei ricoveri in terapia intensiva. Le regioni con più nuovi positivi oggi sono Lombardia, Campania, Veneto, Toscana. La situazione:

Lombardia: +8960

Piemonte: +2.719

Emilia-Romagna: +1.763

Veneto: +3.012

Campania: +3.186

Lazio: +2.246

Toscana: +2.765

Liguria: +999

Sicilia: +984

Puglia: +791

Marche: +524

Friuli Venezia Giulia: +505

Abruzzo: +428

Sardegna: +298

P.A. Trento: +222

Umbria: +729

P.A. Bolzano: +350

Calabria: +239

Valle d'Aosta: +155

Basilicata: +91

Molise: +115

Undici regioni classificate a rischio elevato di una trasmissione non controllata di Covid-19 e quattro (Calabria, Emilia Romagna, Lombardia, Piemonte) più la provincia di Bolzano sono nello scenario 4. Questa la fotografia scattata dal monitoraggio settimanale Iss-ministero della Salute. L’Istituto superiore di sanità ha invitato ancora una volta le Regioni a realizzare una rapida analisi del rischio, anche a livello sub-regionale, e di considerare un "tempestivo innalzamento delle misure di mitigazione nelle aree maggiormente affette in base al livello di rischio".

I casi di coronavirus nel mondo hanno superato i 45 milioni, con un aumento di quasi un milione di casi in due giorni, secondo i dati della Johns Hopkins University. Gli USA restano il Paese più colpito con un totale di 8.945.891 casi e 228.668 morti, seguito dall’India, con 8.088.851 di casi e 121.090 morti, e dal Brasile per numero di contagi, secondo in termini di decessi (oltre 158mila). Tra i Paesi che hanno già superato il milione di contagi Francia (1,3 milioni), Spagna (1,1), Argentina (1,1). Per numero di morti, il Messico è il quarto Paese più colpito con 90.773, seguito dal Regno Unito con 46.045; Italia, con 38.122; Francia, con 36.058 e Spagna con 35.639