21 Novembre 23:09 Covid, nuove restrizioni in Portogallo: Paese diviso in 4 zone, chiuse le scuole nei pre-festivi

Il Portogallo chiude le scuole lunedì 30 novembre e 7 dicembre, alla vigilia dei giorni festivi. Una decisione del governo che va insieme a un inasprimento delle misure di contenimento per frenare la diffusione del Coronavirus. Il premier Antonio Costa ha annunciato questa nuova misura parlando di una situazione “estremamente preoccupante” in seguito ai nuovi contagi registrati nel Paese. Il Portogallo è stato diviso in quattro zone, in base al rischio di diffusione del virus: ognuna di queste avrà diverse limitazioni. Un sistema che ricorda quello applicato attualmente in Italia.

21 Novembre 22:40 L’impegno del G20: “Distribuzione equa dei vaccini, non tagliare fuori Paesi più poveri”

Una bozza del comunicato finale del G20, riportata dalla Reuters, si concentra sulla distribuzione dei vaccini, ma anche delle cure e dei test per il Covid-19. Il G20, in particolare, si impegna a finanziare un’equa distribuzione dei vaccini, delle cure e dei test per il Coronavirus, con l’obiettivo che i Paesi più poveri non vengano tagliati fuori. “Riconosciamo il ruolo di una immunizzazione ampia come un bene pubblico globale”, è uno dei passaggi della bozza del comunicato.

21 Novembre 22:19 Coronavirus, negli Stati Uniti superati i 12 milioni di contagi

Sono più di 12 milioni i contagi da Coronavirus registrati negli Stati Uniti dall’inizio dell’epidemia di Covid-19. A rilevarlo sono i dati della Johns Hopkins University, pubblicati nel consueto aggiornamento dei casi confermati. Gli Stati Uniti, paese da 330 milioni di abitanti, sono la nazione più colpita al mondo, con 12.019.960 di contagi. Il numero dei decessi totali, invece, si attesta a 255.414.

21 Novembre 22:13 Rasi (ex Ema): “Vaccini sicuri, entro fine gennaio ne saranno disponibili 3”

Guido Rasi, ex direttore esecutivo dell'Ema, assicura che le prime dosi del vaccino anti-Covid saranno sicure: "Saranno valutati su più di 100mila casi, come è sempre accaduto negli ultimi 25 anni". Inoltre Rasi si dice ottimista sulla possibilità che presto avremo più vaccini disponibili: "Tra fine anno, massimo fine gennaio, siamo abbastanza ottimisti da avere due o tre vaccini disponibili".

21 Novembre 21:42 Coronavirus, Conte: “Per ripartenza investire su salute e pensare a Paesi più vulnerabili”

Al termine della prima giornata del Summit del G20 di Riad, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, commenta su Twitter quanto discusso in merito all’emergenza Coronavirus: “Affrontare le criticità della pandemia investendo nella salute, vero e proprio bene comune globale. L’Italia è pronta a fare la sua parte in questa sfida collettiva, avendo riguardo dei Paesi più vulnerabili per una ripartenza inclusiva e sostenibile”.

21 Novembre 21:11 Coronavirus, test a tappeto in provincia dell’Aquila: tampone rapido per tutta la popolazione

Tutta la popolazione della provincia dell’Aquila verrà sottoposta, nei prossimi giorni, al test antigenico rapido. Ad annunciarlo è il presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio, lanciando una campagna che ha lo scopo di spegnere i focolai attivi nel territorio più colpito dalla seconda ondata di Coronavirus all’interno della Regione. Per L’Aquila si seguirà il modello già messo in campo a Bolzano. Già da lunedì mattina l’Asl passerà alla fase organizzativa, con l’obiettivo di completare il piano in pochi giorni.

21 Novembre 20:34 Coronavirus in Francia, quasi 18mila nuovi casi: tasso positività su tamponi al 14,8%

Nelle ultime 24 ore in Francia si registrano 15.989 casi accertati di nuovi contagi da Covid-19. A questi si aggiungono i 1.892 test antigenici risultati positivi, per un totale di 17.881 nuovi casi. I morti salgono a quota 48.518, con l’aggiunta di 276 decessi nell’ultima giornata. Il tasso di positività dei tamponi scende leggermente: dal 15% al 14,8% di oggi.

21 Novembre 19:39 Coronavirus nel Regno Unito, quasi 20mila casi e altri 341 morti: totale decessi sfiora i 55mila

Sono 19.875 i nuovi casi accertati di Coronavirus nel Regno Unito. Mentre i nuovi decessi sono 341: il totale delle vittime ufficiali sale ora a 54.626. Per quanto riguarda i nuovi casi, il dato è in leggero calo rispetto a venerdì, quando c’era stato un lieve incremento e si era superata la soglia dei 20mila, oltre a 511 morti. In seguito a una protesta contro il lockdown, avvenuta a Liverpool, la polizia ha arrestato 15 persone, accusate di violazione delle norme sul Coronavirus e di aver commesso reati relativi all’ordine pubblico.

21 Novembre 19:01 Vaccino, l’annuncio di Magrini (Aifa): “Da gennaio fino a 3 milioni di dosi al mese”

Nicola Magrini, direttore generale dell’Aifa, l’Agenzia italiana del farmaco, annuncia alcuni dati riguardanti la vaccinazione anti-Covid in Italia: “Si partirà con quantitativi limitati, uno, due, tre milioni al mese, a partire da gennaio, e di diversi vaccini che andranno tenuti rigorosamente separati, quindi una delle decisioni importanti sarà se vaccinare per gruppi. L'importante sarà fare sempre il richiamo con lo stesso vaccino, senza alcuna confusione organizzativa. Si inizierà con le categorie a rischio: personale sanitario, persone a contatto con il pubblico, forze dell'Ordine, personale delle Rsa, categorie più fragili e poi i grandi anziani over 75. Sarò quindi un procedimento graduale”. Magrini interviene in diretta all’incontro ‘Un vaccino per tutti’, appuntamento di Internazionale a Ferrara. E commenta anche le parole del microbiologo Andrea Crisanti sul vaccino: “Penso fosse stanco e abbia detto una cosa per farsi notare. Dovrebbe chiedere scusa, questo senz'altro, anche se in parte lo ha già fatto, dicendo che ‘quando i vaccini saranno approvati dalle agenzie regolatorie allora mi fiderò'. Ma chi se ne importa se lui si fida o no. Non è questione di fidarsi, è questione di poter essere in grado di avere dati e questi ci saranno”. Crisanti aveva detto di non essere favorevole a farsi il vaccino già a gennaio.

21 Novembre 17:54 Il sottosegretario Zampa: “A Natale possibili deroghe sugli spostamenti”

"Mancano 40 giorni a Natale e in questo momento i dati epidemiologici ci dicono che non ci si può spostare tra regioni, ma ci aspettiamo che i numeri migliorino e che quindi siano possibili deroghe", lo ha dichiarato oggi il sottosegretario del Ministero della Salute, Sandra Zampa a ‘Otto e mezzo' su La7. "Questo Natale dobbiamo fare lo sforzo di essere davvero il meno numerosi possibile: non è il numero in sé ma più si allarga la cerchia di persone che non si frequenta abitualmente, maggiore è il rischio. Immagino che si possa dire cinque, sei persone al massimo tra gli affetti più cari ma è ovvio che non sarà possibile controllarlo, quindi a tutti verrà chiesto di limitare il più possibile le persone che si riuniscono" ha avvertito però la rappresentante del governo, concludendo: "A Capodanno non saranno permessi ritrovi in piazza e feste come negli anni passati, saranno adeguatamente normati anche quei giorni. Come governo dobbiamo avere un atteggiamento molto rigoroso e, a differenza di questa estate, non ci saranno deroghe perché non possiamo immaginare una terza ondata"

21 Novembre 17:33 In Campania 3.554 nuovi contagi da coronavirus e 32 morti per Covid

Oggi in Campania 3.554 nuovi positivi Covid riscontrati nel bollettino quotidiano dell’Unità di Crisi della Regione su 24.692 tamponi effettuati sia negli ospedali che nei centri privati di analisi. Sono 32 i deceduti covid registrati oggi ma risalenti al periodo tra il 15 e il 20 novembre scorso.

21 Novembre 17:20 In Italia frena l’incremento di terapie intensive, +10 in 24 ore. Oltre 34mila i ricoverati covid

Frena l'incremento dei pazienti ricoverati in terapia intensiva per Covid. Secondo i dati del bollettino di oggi, sabato 21 novembre, nelle ultime 24 ore sono stati dieci i posti occupati in più dai malati covid nei reparti di rianimazione che portano il totale a 3.758. Superata invece la soglia dei 34mila ricoverati nei reparti ordinari: sono 34.063, con un incremento rispetto a ieri di 106 pazienti. Gli attualmente positivi sono invece 791.746, 14.570 in più in un giorno.

21 Novembre 17:09 Lombardia resta la regione più colpita: 8.853 contagi e 169 morti in 24 ore

Lombardia resta la regione più colpita. Nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 8.853 nuovi contagi di Coronavirus e 169 morti covid. I ricoveri in ospedale fanno registrare un aumento anche se lieve (più dieci rispetto a ieri) così come aumentano anche i ricoveri in terapia intensiva (più sei rispetto a ieri, per un totale di 936): son i dato del bollettino di oggi 21 novembre sui contagi Covid in Lombardia.

21 Novembre 17:01 Coronavirus Italia, oggi 34.767 contagi e 692 morti per Covid: il bollettino

I casi di Coronavirus registrati in Italia nelle ultime 24 ore sono stati 34.767 su 237.225 tamponi analizzati per un totale di 1.380.531 casi dall’inizio dell’emergenza Covid. I morti nell’ultima giornata sono invece 692.  Son i dati del bollettino di oggi, sabato 21 novembre, diffuso dal Ministero della Salute.  La Regione con più casi positivi su base giornaliera è la Lombardia con 8.853 casi seguita da Veneto e Campania con rispettivamente 3.567 e 3.554 nuovi casi.

21 Novembre 16:59 Nel Lazio 2.658 nuovi casi di coronavirus e 37 morti covid in 24 ore

Nelle ultime 24 ore sono 2.658 i nuovi casi di coronavirus registrati dalla Regione Lazio. Sono invece 37 sono le persone decedute a causa delle complicazioni derivanti dal Covid, mentre sono 491 i guariti. Son i datti del bollettino covid della regione Lazio di oggi sabato 21 novembre. Nell'ultima giornata sono stati processati 30mila tamponi, e il rapporto tra questi e positivi è sceso al di sotto del 9%.

21 Novembre 16:38 Coronavirus Abruzzo, 541 nuovi casi e 35 morti covid nell’ultima giornata

In Abruzzo sono 541 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore a fronte di 4.396 tamponi analizzati mentre sono 35 i decessi covid registrati nell'ultima giornata di cui 25 risalenti alle scorse settimane e comunicati solo oggi dalle Asl. Lo comunica l'ultimo bollettino dell'emergenza coronavirus diffuso dalla Regione Abruzzo. Attualmente sono 15.597 le persone positive (+219), ci sui 749 ricoverati tra cui 73 in terapia intensiva)

21 Novembre 16:32 Ministro Speranza: “Da gennaio campagna vaccini covid senza precedenti”

"Ci sarà una campagna di vaccinazione anti-Covid nel Paese che probabilmente sarà senza precedenti e che richiederà un impegno straordinario di tutte le energie in campo", lo ha detto il ministro della Salute Roberto Speranza al congresso della Federazione ordini farmacisti italiani, precisando che si comincerà "fin dalla fine di gennaio, quando appare in questo momento possibile che potremo avere le primissime dosi"

21 Novembre 16:14 Sicilia, caos posti letti di terpia intensiva: il Ministero invia Nas per le verifiche dei numeri

Il ministero della Salute ha disposto l’invio di personale tecnico e agenti dei carabinieri del Nas in Sicilia per verificare la situazione della disponibilità di posti letto ospedalieri e di terapia intensiva. La scelta dopo la pubblicazione di un audio in cui un dirigente generale della Regione siciliana invitava i suoi sottoposti a caricare i dati sul piattaforma nazionale per evitare di essere zona rossa. "L'audio è grave e inaccettabile; non è possibile che ci sia qualcuno che rischia di vanificare gli sforzi fatti in questi mesi. Serve immediata chiarezza. E' intollerabile provare ad aggirare i parametri sul monitoraggio dei dati covid" ha commentato il ministro per gli Affari regionali e le Autonomie, Francesco Boccia, ricordando: "La differenziazione in zone non è una punizione o una pagella, ma un'assunzione comune di responsabilità; e il virus non deve essere considerato una colpa né per i territori né per i contagiati. Se ci sono criticità si interviene insieme, come è sempre avvenuto in questi mesi difficili". I dati sui posti letto nella piattaforma Gecos della regione Siciliana sono "perfettamente allineati" con quelli della Siaarti,  ha affermato l'assessore regionale alla Salute della Sicilia, Ruggero Razza, affermando di aver ricevuto rassicurazioni in tal senso dalla stessa Società di anestesia e rianimazione.

21 Novembre 15:54 Coronavirus Puglia: 1.377 nuovi casi e 19 decessi covid in 24 ore

Sono 1.377 i nuovi casi di Coronavirus in Puglia nelle ultime 24 ore  a fronte di 9.803 tamponi analizzati. son invece 19 i decessi covid registrati nell'ultima giornata . Son i dati dell'ultimo bollettino dell'emergenza covid in regione. In Puglia attualmente sono 30.420 le persone positive al virus

21 Novembre 15:31 Coronavirus Toscana, oggi 1.892 nuovi contagi in 24 ore 

Sono 1.892 i nuovi casi di coronavirus in Toscana nelle ultime 24 ore a fronte di un totale di 23.027 tamponi tamponi analizzati, in calo dunque rispetto a ieri. A comunicare i dati odierni del bilancio covid in regione è stato il presidente della Toscana, Eugenio Giani, anticipando i dati del bollettino quotidiano sull'emergenza coronavirus. "Continuiamo a essere responsabili per diminuire i contagi e tornare presto a vivere la Toscana!" ha scritto Giani su Facebook

21 Novembre 15:01 Speranza: “Primi segnali in controtendenza ma sono insufficienti. Dobbiamo resistere ancora”

"I primi segnali in controtendenza dopo le settimane di crescita vertiginosa del contagio si vedono, ma sono ancora del tutto insufficienti", così il ministro della Salute Roberto Speranza ha messo in guardia da facili ottimismi e da un liberi tutti che ora sarebbe gravissimo. "La pressione sui servizi sanitari è fortissima. L'Rt sta calando ma dovrà ancora scendere strutturalmente sotto l'1. Solo allora vedremo risultati più significativi. Guai a interpretare questi segnali come un liberi tutti. Dovremo ancora resistere per una fase significativa", ha aggiunto Speranza intervenendo al convegno Farmacistapiù.

21 Novembre 14:36 Pregliasco: “L’immunità del vaccino covid dura almeno 8 mesi, poi forse un richiamo”

"Per ora possiamo dire che l'immunità al coronavirus resta per 8 mesi. Tanto è il tempo di osservazione che abbiamo a disposizione ma nei prossimi mesi si capirà se questo limite potrà essere esteso a 10, 12 mesi o oltre" lo ha precisato Fabrizio Pregliasco, virologo dell'università di Milano e direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano. "Partiamo con un vaccino che potrebbe fermare il virus per almeno 8 mesi. Probabilmente l'immunità sarà anche più lunga degli 8 mesi: il vaccino sarà più efficace rispetto all'aver avuto la malattia" ha aggiunto l'esperto a Il Messaggero, aggiungendo: "Intanto ci prendiamo questo spazio temporale, di 8 mesi o un anno, per uscire dall'emergenza. Il vaccino serve a fermare il virus e intanto la medicina ha il tempo per andare avanti con gli studi e valutare un eventuale richiamo a distanza nel tempo. Come accade per altre malattie".

21 Novembre 14:16 Per Natale piste da sci aperte nelle zone arancioni, la bozza del provvedimento

Niente sci nelle zone rosse ma piste aperte per Natale in quelle arancioni anche se con accessi ridotti. È questa l'idea a cui stanno lavorando le regioni e che è prevista nella bozza del documento sugli impianti sciistici che sarà portato in Conferenza delle Regioni lunedì prossimo per essere poi sottoposto al Governo e al Cts. PEr le Zone arancini , "gli impianti resteranno attivi con riduzione di portata pari al 50% per le tipologie chiuse (cabinovie, funivie), ferme restando le limitazioni agli spostamenti previste" si legge nel documento. Tra le altre misure previste anche limite agli skipass giornalieri e mascherina obbligatoria sugli impianti

21 Novembre 13:49 Cts contro Crisanti sui Vaccini covid ma Galli lo difende

Dopo le affermazioni di Crisanti secondo il quale "senza dati a disposizione" sarebbe meglio non fare il vaccino, anche il Comitato tecnico scientifico ha preso una dura posizione contro di lui parlando di "dichiarazioni gravi". "Comportamenti inopportuni e da censurare che provengono da una persona che non ha competenza in materia" hanno fatto sapere dal Cts. Il professore Galli però lo difende: "Era seccato di continuare a vedere annunci sui media sul vaccino e non dati concreti."

21 Novembre 13:19 Coronavirus Veneto, 3.567 nuovi contagi e 67 morti nelle ultime 24 ore

Sono 3.567 i nuovi contagi da coronavirus in Veneto registrati nelle ultime 24 ore a fronte di 18.111 tamponi analizzati. Nell'ultima giornata in regione si segnalano anche ulteriori 67 decessi per covid. Son i dati dell'ultimo bollettino dell'emergena covid in Veneto illustrati oggi sabato 21 novembre dal governatore Luca Zaia. Negli ospedali oggi si superano 2.600 ricoveri, suddivisi tra area non critica (2.321, +27) e terapie intensive (291, +5). "Stamani alle 11 abbiamo raggiunto 300 ricoverati in terapia intensiva. L'emergenza non è finita anche se siamo in area gialla" ha detto ai giornalisti il presidente del Veneto. aggiungendo: "Non siamo usciti da questo casino. Sicuramente il sistema sanitario, l'organizzazione e il lavoro dei sanitari ci permette di essere in zona gialla. Ma l'ordinanza sulle misure ‘zona gialla plus' verrà reiterata",

21 Novembre 12:55 Quando Piemonte e Lombardia potrebbero uscire dalla zona rossa

Secondo l'ultimo monitoraggio dell'Istituto Superiore di Sanità l'indice Rt è in discesa in diverse Regioni. Qual è dunque il piano del governo, anche in vista delle festività? Si pensa ad altre due settimane di chiusure e restrizioni per poi alleggerire il quadro normativo. Il prossimo 3 dicembre, quando scadrà il Dpcm attualmente in vigore, e potranno essere introdotte misure più leggere, Regioni come Lombardia e Piemonte potrebbero uscire dalla zona rossa.

21 Novembre 12:43 Sicilia, test di massa volontari in 121 comuni: ecco quali sono

Sarà un importante weekend di screening quello appena cominciato in Sicilia:  121  comuni dell'isola sono infatti impegnati in una campagna attivata della Regione Siciliana per contrastare la diffusione del Coronavirus. Ecco dove saranno dislocati i punti di prelievo: Licata e Grotte, in provincia di Agrigento; Caltanissetta, Gela, Niscemi, Delia, Mussomeli, Riesi, Mazzarino, e Sommatino, nel Nisseno; Biancavilla, in provincia di Catania; Enna bassa e Nicosia, nell’Ennese; Campofelice di Roccella, Collesano, Isnello, Gratteri, San Mauro, Pollina, Petralia Sottana, Petralia Soprana, Polizzi, Castellana, Bompietro, Blufi, Alimena, Gangi, Geraci, Bisacquino, Campofiorito, Chiusa Sclafani, Giuliana, Contessa Entellina, Scillato, Sclafani Bagni, Cinisi, Terrasini, Capaci, Torretta, Isola delle Femmine, Carini, Montelepre, Giardinello, Borgetto, Balestrate, Trappeto, Partinico, Palermo (Fiera del Mediterraneo) Cefalù, Villabate, Ficarazzi, Casteldaccia, Altavilla Milicia, Trabia, Villafrati, Ventimiglia, Baucina, Lercara, Castronovo, Vicari, Alia, Valledolmo, Roccapalumba, Prizzi, Palazzo Adriano, Bolognetta, Marineo, Mezzojuso, Godrano, Campofelice di Fitalia, Piana degli Albanesi, Santa Cristina Gela, Altofonte, San Giuseppe Jato, San Cipirrello, Camporeale, Corleone e Roccamena, in provincia di Palermo; Ragusa, Comiso, Ispica, Modica, Pozzallo, Scicli, Vittoria, Acate, Chiaramonte Gulfi, Giarratana, Monterosso Almo e Santa Croce Camerina, nel Ragusano; Siracusa, Rosolini, Carlentini, Noto, Avola, Pachino/Portopalo, Lentini e Francofonte, in provincia di Siracusa; Trapani, Alcamo, Campobello di Mazara, Castelvetrano, Erice, Marsala, Mazara del Vallo, Partanna, Salemi, Paceco, Castellammare del Golfo, Custonaci e Valderice, nel Trapanese.

21 Novembre 12:28 In Alto Adige 548 nuovi positivi e 16 morti nelle ultime 24 ore

548 nuovi positivi e 16 morti sono stati rilevati nelle ultime 24 ore in Alto Adige, mentre calano le persone ricoverate nei normali reparti ospedalieri e aumenta di un'unità l'occupazione delle terapie intensive. I tamponi analizzati sono stati 2.910 tamponi e il rapporto contagi/tamponi si attesta al 18,8%. In totale il bilancio delle vittime di covid dall'inizio dell'emergenza è di 462 decessi, 167 dei quali durante la seconda ondata.

21 Novembre 12:08 Nelle Marche 452 nuovi positivi nelle ultime 24 ore

Sono 452 i nuovi positivi al coronavirus nelle Marche delle ultime 24 ore su 3.032 tamponi: 1567 nel percorso nuove diagnosi e 1465 nel percorso guariti. Questa la distribuzione dei casi: 131 in provincia di Macerata, 163 in provincia di Ancona, 72 in provincia di Pesaro-Urbino, 47 in provincia di Fermo, 38 in provincia di Ascoli Piceno e 1 da fuori regione. La Regione Marche spiega che "questi casi comprendono soggetti sintomatici (73 casi rilevati), contatti in setting domestico (98 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (114 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (16 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (29 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (5 casi rilevati), contatti con coinvolgimento di studenti di ogni grado di formazione (7 casi rilevati), screening percorso sanitario (11 casi rilevati) e 2 rientri dall'estero. Per altri 97 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche".

21 Novembre 11:37 Confindustria: “A fine 2020 l’Italia potrebbe finire in recessione”

Secondo il Centro studi di Confindustria la seconda ondata di contagi da coronavirus e le chiusure che ne sono conseguite potrebbero far precipitare il Pil nel quarto trimestre dell’anno. Con il rischio recessione, tuttavia, non ci si attende però un crollo tanto grave come quello della primavera, quando il Paese era in lockdown: ora infatti, anche nelle zone rosse, le attività produttive rimangono aperte.

21 Novembre 11:30 Galli: “Mi sottoporrò a un vaccino sperimentale. Crisanti è stato frainteso”

Anche Massimo Galli, direttore di malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano, si sottoporrà alla vaccinazione contro il Covid-19: "Credo che potrò iniziare una sperimentazione molto presto su uno dei vaccini anti Covid presso il mio centro. Credo che se scoprirò che il ruolo di principal investigator e di responsabile non è in conflitto con quello di volontario sarò tra i primi a fare questa vaccinazione. La posizione di Crisanti, che ha tutta la mia stima, è stata travisata. Era seccato di continuare a vedere annunci sui media sul vaccino e non dati concreti".

Gali, intervistato da Rtl 102.5, ha aggiunto: "La nota di ottimismo che mi sento di dare arriva dal vaccino. Siamo tutti un po' indispettiti dalla politica degli annunci. Continuiamo a vedere una gara a chi ha il vaccino migliore. Se questa fosse una gara nei fatti e non solo negli annunci sarebbe una bellissima cosa".

21 Novembre 11:16 Ilaria Capua: “Contro il covid la più grande campagna di vaccinazione mai affrontata”

Intervistata dal Corriere della Sera la virologa Ilaria Capua ha affrontato il tema delle vaccinazioni. Secondo la scienziata cinema e teatri sarebbero luoghi adatti per somministrare le dosi ai pazienti: "Stiamo per intraprendere, e non solo in Italia, la più grande e complicata campagna di vaccinazione mai affrontata dal genere umano, dobbiamo immunizzare il prima possibile alcune categorie di persone tra cui gli operatori sanitari ed i lavoratori essenziali, le persone a rischio di sviluppare la forma grave".

21 Novembre 11:10 L’infettivologo Sergio Locaputo: “Errore non dichiarare Foggia e Bat zone rosse”

"La strategia del governo di lasciare tutto invariato e di non dichiarare zone rosse Foggia e Bat sfugge anche a noi che siamo in prima linea". A dirlo in un'intervista a Radionorba, Sergio Locaputo, docente di malattie infettive all'Università di Foggia. "Sono scelte politiche – ha aggiunto Locaputo – la Regione Puglia si era accorta della gravità della situazione, della pressione sul sistema sanitario, della difficoltà ad assistere in maniera corretta il numero di pazienti che afferisce negli ospedali pugliesi e soprattutto in quelli del centro nord della Puglia ma come spesso capita le scelte politiche spesso sono poco comprensibili e quindi si perde tempo".

Inoltre Locaputo prevede un aumento di ricoveri nelle prossime due settimane. "Sì, c'è una pressione diffusa su tutti i reparti che si occupano di covid – sottolinea – soprattutto sui pronto soccorso e le previsioni dicono che ci sarà un ulteriore aumento dei ricoveri sino alla fine del mese quindi le prossime due settimane potrebbero essere quelle più critiche per l'afflusso di pazienti covid; tutti gli ospedali e i policlinici si stanno attrezzando per ampliare e accogliere in maniera dignitosa i pazienti che non dobbiamo solo parcheggiare ma curare e servono attrezzature e personale".

21 Novembre 10:50 Quali saranno le regole per le feste: probabile coprifuoco alle 22 per Natale e Capodanno

Se l'andamento dei contagi lo permetterà, il governo ragiona su una serie di allentamenti alle misure in vigore per il mese di dicembre. Potrebbero essere varati provvedimenti più soft, nel tentativo di salvare lo shopping natalizio, che porterebbero un po’ di respiro alle attività economiche duramente penalizzate delle chiusure e restrizioni delle ultime settimane. Non è detto però che ciò accada e che, al contrario,  a fine anno non possano già essere reintrodotte norme più severe, a partire dal coprifuoco alle 22, che abolirebbe cenoni e veglie con tanti amici e parenti.

21 Novembre 10:46 Zangrillo: “Negli ospedali meno pressione, ora il covid si cura”

Il professor Alberto Zangrillo, prorettore dell’università Vita Salute San Raffaele: “Da qualche giorno gli ospedali vivono una fase nuova. Arriva meno gente e i pronto soccorso lavorano meglio, riuscendo a drenare i pazienti tra dimissioni e quelli che devono entrare nei reparti. Nello stesso tempo aumenta però il numero dei guariti, perché questa è una malattia che si cura”.

21 Novembre 10:22 L’Italia è il terzo paese al mondo per nuovi casi giornalieri di Covid dopo USA e India

Sebbene negli ultimi giorni la curva dei contagi si sia leggermente appiattita l'Italia continua ad essere il primo paese europeo – e il terzo al mondo – per il maggior numero di nuovi casi giornalieri. Secondo i dati dell’Oms aggiornati al 20 novembre, infatti, il primo Paese per numero di nuovi positivi sono gli Stati Uniti (oltre 164mila).  Alle sue spalle l'India con quasi 46mila casi e al terzo posto il nostro Paese (oltre 37mila). Per quanto concerne le nazioni europee al sesto posto si piazza la Polonia (oltre 23mila), al settimo la Germania (oltre 23mila). Preoccupano anche Regno Unito (oltre 22mila), Francia (oltre 21mila) e Spagna (oltre 16mila).

21 Novembre 09:29 Giappone, per il terzo giorno consecutivo record di infezioni

Per il terzo giorno di fila il Giappone ha fatto registrare un record di casi quotidiani di Covid-19: nelle ultime 24 ore sono stati 2.427. I decessi sono stati invece 20. Il bilancio totale ammonta attualmente a 128.377 contagi e almeno 1.976 morti. Anche la regione di Osaka ha riportato un nuovo record giornaliero con 370 nuovi casi. Il governatore Yoshifumi Yoshimura ha chiesto ai residenti di evitare nelle prossime due settimane cene con più di cinque persone e per più di due ore. Il governo di Osaka ha chiesto inoltre ai cittadini anziani di evitare di lasciare la propria abitazioni se non per necessità.

21 Novembre 09:19 Richeldi (Cts): “Sarà l’ultimo Natale con il Covid: in arrivo farmaci e vaccini”

Non sarà un Natale normale, dimentichiamo le feste e i cenoni a cui siamo abituati: a ribadirlo Luca Richeldi, presidente della Società italiana di pneumologia, primario al Policlinico Gemelli di Roma e componente del comitato tecnico scientifico (Cts), parlando al Corriere della Sera dell'emergenza Covid. Non ci sarò quindi un "liberi tutti": "Al contrario. Dico però che questo senso di responsabilità verso noi stessi e verso gli altri, i sacrifici e le privazioni a cui ancora ci sottoporremo, faranno in modo che questo sarà anche l'ultimo Natale così. Le buone notizie, infatti, che arrivano dal fronte dei vaccini e da quello dei farmaci antivirus, sono incoraggianti. Perciò, anche senza cenoni e senza abbracci, porteremo in famiglia lo spirito giusto, fatto di altruismo e condivisione".

I segnali che arrivano negli ultimi giorni sembrano essere incoraggianti: "I decessi sono ancora alti, i ricoveri sono ancora alti, ma l'indice Rt a livello nazionale ora è sceso a poco sopra l'1 e ci sono almeno 3 regioni in cui è già sotto", spiega Richeldi. In merito all'ultimo bollettino diramato ieri lo scienziato ha aggiunto: "Per i ricoveri in terapia intensiva, credo che già dalla prossima invece potremo assistere a una riduzione. I numeri sono ancora alti, è vero, ma non dobbiamo lasciarci prendere dallo spavento. Gli strumenti che abbiamo messo in campo stanno funzionando".

21 Novembre 08:44 Dal Cdm via libera al decreto ristori ter: altri 2 miliardi di aiuti

È arrivato nella notte il via libera del Consiglio dei Ministri al decreto Ristori ter, con il quale il governo mette in campo nuove risorse per sostenere l’economia durante l’emergenza coronavirus. Inoltre, è stato approvato un nuovo scostamento di bilancio da 8 miliardi di euro, che serviranno per finanziare i provvedimenti di contrasto alla pandemia.

21 Novembre 08:19 Il figlio di Donald Trump è positivo al Covid-19

Donald Trump Jr, primogenito dell'attuale presidente degli Stati Uniti, è positivo al coronavirus. Lo riferisce l'agenzia Bloomberg citando alcune fonti.  Donald Trump Jr è risultato positivo al Covid-19 all'inizio della settimana e finora non presenta sintomi. Lo afferma il portavoce del figlio maggiore di Donald Trump, sottolineando che Trump Jr è in isolamento. Nei mesi scorsi la fidanzata Kimberly Guilfoyle era risultata positiva.

21 Novembre 08:11 Le ultime notizie sul Coronavirus Covid-19 di oggi, 21 novembre

Sono stati 37.242 i casi di Coronavirus registrati in Italia ieri, in leggero aumento, dunque, rispetto al giorno precedente, per un totale dall'inizio della pandemia di 1.345.767 contagiati. A riferirlo il bollettino di ieri, venerdì 20 novembre, del Ministero della Salute. I guariti dall'inizio dell'emergenza sanitaria sono 520.022 (+21.035), i decessi Covid invece sono 48.569 (si registra un incremento di 699 morti). I casi attualmente positivi sono 777.176 (+15.505). Di questi, 33.957 sono i pazienti ricoverati in ospedale con sintomi e 3.748 quelli in terapia intensiva. In totale  i tamponi eseguiti nelle ultime 24 ore sono stati 238.077. La Regione con più casi positivi su base giornaliera è la Lombardia con 9.221 contagi seguita da Campania con oltre 4.000 casi e Piemonte.

In totale sono 1.345.767 i casi di Coronavirus in Italia. Di seguito la tabella con le cifre comunicate dal ministero della Salute e i dati relativi agli incrementi delle ultime 24 ore, Regione per Regione:

Lombardia: +9.221

Piemonte: +3.861

Campania: +4.226

Veneto: +3.468

Emilia Romagna: +2.533

Lazio: +2.667

Toscana: +2.207

Sicilia: +1.634

Liguria: +761

Puglia: +1.456

Marche: +512

Abruzzo: +705

Friuli Venezia Giulia: +1.018

Umbria: +394

P.A. Bolzano: +736

Sardegna: +581

P.A. Trento: +234

Calabria: +515

Valle d'Aosta: +155

Basilicata: +218

Molise: +139

Nel mondo i casi registrati sono stati 57.564.688 e i morti 1.372.182. Gli Stati Uniti continuano ad essere il paese più colpito con quasi 12 milioni di contagi. Alle sue spalle India, Brasile, Francia, Russia, Spagna, Regno Unito, Argentina e Italia.