Il bollettino di sabato 21 novembre con i dati relativi all'emergenza Coronavirus in Lombardia. Secondo quanto riportato dalla Regione, nelle ultime 24 ore sono stati segnalati 8.853 nuovi contagi da Covid-19 su 44.294 tamponi effettuati. Ieri il dato era di 9.221 positivi su 42.248 tamponi. La percentuale tra tamponi effettuati e positività riscontrate è del 19,9%. Diminuiscono, di poco rispetto a ieri, i decessi: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 169 morti (ieri erano 175). Da febbraio, stando ai dati ufficiali, sono 20.359 i cittadini deceduti ufficialmente per Covid-19 nella sola Lombardia. In totale nella regione sono stati effettuati 3.769.051 tamponi da inizio pandemia.

I nuovi pazienti ricoverati e in terapia intensiva

Continua a crescere il numero dei pazienti ricoverati in ospedale e in terapia intensiva. Con l'aumentare dei contagi aumentano infatti cresce anche la pressione sugli ospedali della rete regionale. Nelle ultime 24 ore il numero dei ricoveri in ospedale è cresciuto di dieci unità, portando il totale a 8.314 (ieri erano 8.304), mentre sei sono i nuovi pazienti assistiti in terapia intensiva, che raggiungono dunque la cifra di 936 unità. Cresce per fortuna in maniera considerevole anche il numero dei guariti/dimessi, ora arrivato a 183.472: sono 5.640 le persone che sono riuscite a superare la malattia nelle ultime 24 ore.

I dati delle province lombarde

Per quanto riguarda le province lombarde, nello specifico sono 3.232 i nuovi contagi di Coronavirus registrati in provincia di Milano, di cui 1.144 a Milano città. Sono 758 i nuovi positivi nella provincia di Monza e Brianza, 1.970 in quella di Varese, 462 in provincia di Brescia, 655 in quella di Como e 385 Pavia. La provincia di Bergamo ha registrato 304 nuovi contagi, mentre sono 160 quelli a Lecco, 77 nella provincia di Lodi, 221 in quella di Cremona, 67 nella provincia di Sondrio e infine 338 a Mantova.

Come curare il Coronavirus a casa, vademecum medici lombardi

Come si cura il Coronavirus a casa durante l'isolamento domiciliare? Quali farmaci si possono assumere e come devono essere trattati i sintomi? La Federazione Regionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Lombardia ha redatto un vademecum per aiutare i pazienti confinati presso il proprio domicilio al momento dell'insorgenza dei sintomi. Dall'utilizzo del paracetamolo per trattare la febbre alla idratazione e l'uso dell'ossigenoterapia.