19 Ottobre 2022
12:37

Una ricercatrice ha scritto le biografie di oltre 1.700 scienziate dimenticate da Wikipedia

Jess Wade è ricercatrice presso l’Imperial College di Londra. Dal 2017 combatte per valorizzare le donne e le minoranze nel mondo della scienza, e non è sola.
A cura di Elisabetta Rosso

Dal 2017 Jess Wade, la sera, si siede sempre alla sua scrivania. Di solito ha 20 schede internet aperte contemporaneamente per raccogliere più informazioni possibili. Perlustra documenti archiviati, articoli scientifici, giornali. E poi scrive biografie di scienziate su Wikipedia per correggere i pregiudizi di genere nella comunità STEM. Wade, è ricercatrice presso l'Imperial College di Londra, concentra il suo lavoro sulla spettroscopia Raman, una tecnica per identificare le molecole e ha scritto più di 1.750 pagine di Wikipedia per le scienziate donne e per le minoranze che sono state escluse dal sito.

Wade la sua biografia su Wikipedia ce l’ha, ma è un caso raro. "Wikipedia è un modo davvero potente per dare credito a persone che, per molto tempo, sono state cancellate dalla storia", spiega Wade. "Non solo non abbiamo abbastanza donne nella scienza, ma non stiamo facendo abbastanza per celebrare quelle che abbiamo".

Tutto è iniziato con una ricerca senza nessun risultato. Cinque anni fa Jess Wade cerca su Google Kim Cobb, una climatologa americana che aveva ottenuto diversi riconoscimenti scientifici. Wade scopre che non ha la sua biografia su Wikipedia. L’ennesima donna meritevole il cui nome doveva ancora essere riportato sulla pagina. “Ho deciso di prendere in mano la situazione”.

La presenza delle donne su Wikipedia

"Sei bloccato in una spirale dove bisogna essere doppiamente eccezionale come donna o persona di colore per soddisfare questi requisiti", ha detto Wade. Attualmente, solo il 19% delle biografie di Wikipedia sono di donne. I dati arrivano dal WikiProject Women in Red, un gruppo dedicato ad affrontare il divario di genere di Wikipedia. "Parliamo moltissimo di sottorappresentazione", sottolinea Wade, "ma non agiamo abbastanza". È anche una questione di percezione. Tutti usano Wikipedia, è il sito di riferimento per 2 miliardi di persone al mese. “Se le persone sanno chi sei allora hai più opportunità. E io voglio assicurarmi che le storie delle persone siamo presenti e di pubblico dominio.”

Gli ostacoli lungo il percorso

Wade ha cominciato a raccogliere informazioni per arricchire l'enciclopedia, “ogni profilo richiede ore per essere prodotto”, per lei, però non è un compito noioso, anzi "nel processo, in realtà imparo tante cose, è un viaggio divertente." Poi, un giorno, ha scoperto che sono state cancellate 15 biografie che aveva scritto, "inclusa una su Calice Phelps, chimica nucleare nota come prima donna di colore coinvolta nella scoperta di un elemento chimico".

Come segno di protesta Wade ha scritto su Twitter grazie all'editor di @Wikipedia che ha passato il mercoledì sera a etichettare le recenti biografie che ho iniziato per #WomenInSTEM come non abbastanza degne di nota da essere incluse nell'enciclopedia. È un lavoro davvero costruttivo e utile”. Wade alla fine è riuscita a far ripristinare la pagina di Phelps.

Wade non è sola

Anche Emily Temple-Wood, 28 anni, sta lavorando per rendere Wikipedia un luogo più equo. Ha acceso i riflettori sulla discriminazione di genere e ha scritto pagine, come Wade, per celebrare le donne nel mondo della scienza. Secondo i dati riportati da Anusha Alikhan, vice presidente delle comunicazioni presso la Wikimedia Foundation il numero di biografie sulle donne è in crescita.

“Grazie agli sforzi della dott.ssa Jess Wade e di altri collaboratori volontari, stanno facendo veri progressi", ha spiegato Alikhan. “Negli ultimi tre anni la percentuale di biografie su Wikipedia in inglese che riguardano le donne è aumentata dal 15 al 19 per cento. Può sembrare un piccolo cambiamento, eppure rappresenta più di 75.000 nuove biografie sulle donne”.

Jimmy Wales, co-fondatore di Wikipedia, ha spiegato al Wahington Post che "Jess ed Emily fanno parte di un fantastico gruppo di donne. Hanno un grande impatto sulla qualità dei contenuti di Wikipedia. Siamo molto ansiosi di avere una comunità più diversificata e le persone che lo stanno realizzando sono eroine per me”.

Una battaglia sempre più grande

Wade ha iniziato scrivendo la sera e poi è andata oltre. Ora organizza seminari di formazione su Wikipedia dove spiega nelle scuole e nei college come scrivere e modificare le biografie sulla pagina. Non solo, ha collaborato con 500 Woman Scientist, un'organizzazione che promuove l’inclusività e l’accessibilità nel mondo STEM, e ha scritto anche un libro per per avvicinare i giovani alla scienza. Si intitola Nano.

"Adoro vedere le persone ottenere i giusti riconoscimenti", ha spiegato Wade, "ed è più semplice se sono sostenute da un profilo pubblico come Wikipedia”. Ogni biografia riduce un po’ il divario. "Sono un pesciolino in un mare enorme, ma continuerò a fare tutto il possibile per rendere la scienza un luogo più accessibile e inclusivo”.

Appello per il clima, cosa c’è scritto nella lettera degli scienziati alla politica italiana
Appello per il clima, cosa c’è scritto nella lettera degli scienziati alla politica italiana
C'è un meraviglioso rifugio per mante in Indonesia: scienziati contano oltre mille esemplari
C'è un meraviglioso rifugio per mante in Indonesia: scienziati contano oltre mille esemplari
Questa illusione ottica continua a muoversi, ma c'è un trucco per fermarla
Questa illusione ottica continua a muoversi, ma c'è un trucco per fermarla
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni