video suggerito
video suggerito
It-Alert

Perché IT-Alert suona lo stesso anche se abbiamo disattivato la notifica sullo smartphone

Sui social e dentro le chat dei No It Alert gli utenti hanno trovato una nuova prova per dimostrare che il sistema di allarme pubblico è uno strumento di controllo da parte dello Stato. Secondo le teorie del complotto non si può disattivare l’allarme, in realtà non funziona proprio così.
A cura di Elisabetta Rosso
19 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Non basta disattivarlo, suona lo stesso". "Ma quindi chi è il proprietario del mio telefono?". "Anche se togli la notifica arriva, è la prova che ci stanno controllando". Sono solo alcuni dei commenti apparsi su Twitter e nel gruppo dei No IT Alert, dove stanno proliferando nuove teorie del complotto su una dittatura tecnocratica che ci vuole dominare tutti a suon di allarmi e cataclismi artificiali. La soluzione in realtà è molto più semplice: basta sapere come funziona. A inizio giugno sono iniziati i test per il primo sistema di allarme nazionale via messaggio lanciato dalla Protezione Civile. IT Alert funziona attraverso un sms e un segnale audio inviati in caso di emergenza in una determinata area. Tutti gli smartphone emettono lo stesso suono nello stesso momento. Sul portale IT-Alert vengono segnalati gli eventi per cui sarà utilizzato, tra questi i maremoti generati da un sisma, incidenti nucleari o situazione di emergenza radiologica, e precipitazioni intense.

Le ipotesi dei complottisti su IT-Alert

Sono bastati i test in cinque regioni per scatenare le fantasie proibite dei complottisti che hanno additato il sistema di allarme come strumento di controllo da parte dello Stato. Ci spiano, rubano i nostri dati, seguono gli spostamenti con la geolocalizzazione, e stanno progettando disastri naturali creati dentro le installazioni militari come la Haarp (in realtà un centro di ricerca per le onde radio nella stratosfera e nella ionosfera, e non una fabbrica di catastrofi naturali). Queste sono solo alcune delle ipotesi messe sul banco dai No IT Alert. Ora però hanno trovato una nuova prova per dimostrare che il sistema di allarme pubblico è uno strumento di controllo degno di George Orwell. Scrivono: "Dicono che si può disattivare ma non è vero, io ho provato ma suona lo stesso". O ancora: "Stiamo cercando di trovare un modo per togliere le notifiche ma anche se le spegni non funziona, vi teniamo aggiornati".

Come mai il cellulare suona anche se disattivo la notifica

In realtà disattivare la notifica è semplicissimo, basta entrare nell'area Impostazioni del proprio smartphone, la procedura cambia a seconda del sistema operativo, e disattivare la voce IT-Alert. È però sconsigliato eliminare le notifiche di avviso, dato che l'obiettivo del sistema IT-Alert, come si legge sul sito, è “minimizzare l'esposizione individuale e collettiva” al pericolo che fa scattare l'allarme". È quindi un sistema pensato per salvare quante più vite possibili durante una situazione di emergenza o un disastro naturale. Se però gli utenti preferiscono bloccare l'allarme possono farlo. La notifica di test però non può essere disattivata. Come confermato a Fanpage.it dalla Protezione Civile questo messaggio di prova ha una priorità altissima e l'unico modo al momento per non far suonare lo smartphone è spegnerlo completamente. Una volta finiti i test in tutte le regioni le persone potranno scegliere se bloccare o meno la notifica di IT-Alert.

Perché IT alert non prende i nostri dati

Tra i sostenitori delle teorie del complotto c'è anche chi spiega che l'app è in grado di tracciare gli spostamenti e rubare i dati. Secondo loro riesce a raggiungere tutti i cellulari di una determina area o regione spiando gli utenti attraverso la geolocalizzazione. In realtà IT-Alert riconosce i dispositivi grazie alla tecnologia cell-broadcast: il messaggio viene inviato a tutte le celle telefoniche che coprono l’area dell’emergenza. Non solo, come ha spiegato Luigi D'Angelo il direttore operativo emergenze della Protezione Civile a Fanpage.it, non servono nemmeno i numeri di telefono delle persone per inviare il messaggio di allerta, "è una soluzione adottata anche per tutelare la privacy delle persone".

Quando disattivare IT-Alert

Come abbiamo spiegato non è consigliato disattivare IT-Alert, eppure ci sono casi in cui, se un telefono inizia a suonare all'improvviso può diventare un problema serio. Per esempio le vittime di violenza domestica, che spesso utilizzano un secondo smartphone per comunicare con l'esterno, magari anche solo per mantenere un canale sicuro. In questi casi, ricordiamolo, disattivare le notifiche di IT-Alert con i metodi che abbiamo spiegato sopra non ha effetto sui test. Durante le prove l'unico modo per non ricevere una notifica è spegnere lo smartphone. C'è anche chi ironizza sui "secondi cellulari" per nascondere l'amante. Scrivono: "Un minuto di silenzio per tutti i mariti e per tutte le mogli a cui, a causa dell'IT-Alert, è squillato un telefono tenuto nascosto da anni, dentro il doppiofondo di un cassetto dell'armadio, o dentro un portaoggetti nascosto dell'auto".

19 CONDIVISIONI
59 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views