16 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Intelligenza artificiale (IA)

Abbiamo previsto il vincitore dell’Eurovision con ChatGPT: le news sull’IA della settimana

Dopo il Festival di Sanremo, l’intelligenza artificiale è riuscita a indovinare il vincitore dell’Eurovision, anche se con qualche margine di errore. Intanto ChatGPT prepara il suo nuovo motore di ricerca. La rassegna settimanale dal 6 al 12 maggio sulle ultime notizie dal mondo dell’intelligenza artificiale.
A cura di Valerio Berra
16 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Anche questa volta l’intelligenza artificiale è riuscita a prevedere il nome del vincitore di un Festival. Lo svizzero Nemo con la canzone The Code è arrivato primo all’Eurovisione Song Contest 2024, esattamente come previsto da ChatGPT il 7 maggio, quando ancora il festival dedicato alla canzone europea non era cominciato.

Questa è solo una delle notizie arrivate nell’ultima settimana dal mondo dell’intelligenza artificiale. Fra gli annunci e le indiscrezioni che hanno scosso questo settore, dall’annuncio di ChatGPTper il lancio di un nuovo motore di ricerca, all’intelligenza artificiale che ha ingannato anche la mamma di Katy Perry.

ChatGPT ha previsto la vittoria di Nemo

L’intelligenza artificiale non può prevedere il futuro. È in grado però di fare un’altra cosa: può fare analisi tanto accurate del presente da aiutarci a capire come si evolveranno certe cose. In occasione dell’Eurovision Song Contest abbiamo dato in pasto a ChatGPT tutte le recensioni delle canzoni in gara all’Eurovision per capire quale fosse la più papabile per la vittoria.

Le due canzoni che hanno ottenuto il punteggio sono state La Noia di Angelina Mango e The Code di Nemo, il cantate che rappresentava la Svizzera. Alla fine ha vinto Nemo. A febbraio avevamo fatto la stessa operazione con il Festival di Sanremo. Al primo posto c’era Angelina Mango.

Il motore di ricerca di ChatGPT

La notizia circola già da parecchio tempo. Questa settimana l’agenzia di stampa Reuters ha annunciato una data. OpenAI potrebbe annunciare il suo motore di ricerca basato sull’intelligenza artificiale il 13 maggio. OpenAI è l’azienda che ha sviluppato ChatGPT, il chatbot delle meraviglie che ha svelato al mondo le potenzialità dell’intelligenza artificiale. Il nuovo browser diventerebbe così un concorrente diretto di Google.

TikTok vuole etichettare i video creati con l’intelligenza artificiale

Nei mesi scorsi TikTok aveva fornito ai suoi utenti la possibilità di segnare i contenuti creati con l’intelligenza artificiale. Ora sembra che la piattaforma sviluppata da ByteDance abbia fatto un salto in più.

TikTok ha annunciato l’arrivo di un sistema automatico per identificare i video prodotti dall’intelligenza artificiale. Non è chiaro se in futuro questi contenuti verranno penalizzati rispetto ad altri.

L’intelligenza artificiale ha ingannato anche la madre di Katy Perry

Durante il Met Gala, organizzato il 6 maggio al Metropolitan Museum of Art di New York, sono circolate sui social immagini di alcune celebrity che non erano presenti all’evento. Tra queste Katy Perry, le foto fake hanno collezionato milioni di visualizzazioni e alla fine sono arrivate anche a Mary Perry, madre di Katy, che è cascata nell'inganno e ha scritto un messaggio alla figlis: “Non pensavo fossi al Met Gala, che vestito meraviglioso!”.

L’intelligenza artificiale non solo è riuscita a mettere le star assenti sul red carpet ma le ha anche vestite con degli abiti in linea con il dress code proposto dall’organizzazione.

I dipinti su eBay scoperti dall’intelligenza artificiale

Carina Popovici, esperta d'arte e capo di Art Recognition, una società svizzera che collabora con l'Università di Liverpool e l'Università di Tilburg nei Paesi Bassi, per identificare i falsi, ha usato l'intelligenza artificiale per trovare 40 opere non originali su eBay. Tra le copie ci sarebbe un dipinto attribuito a Claude Monet, intitolato Foresta con un ruscello, che costa 599.000 dollari, e un'opera di Pierre-Auguste Renoir, uno studio, in vendita a 165.000 dollari.

L'intelligenza artificiale di Art Recognition aveva già etichettato come "falsa" un'opera di Tiziano conservata nel museo svizzero Kunsthaus di Zurigo, e confermato l'autenticità di opere contestate come l‘autoritratto del 1889 di Vincent van Gogh conservato al Museo Nazionale di Oslo.

ChatGPT e i porno generati dall’intelligenza artificiale

Mercoledì 8 maggio OpenAI ha diffuso una prima bozza del suo documento Model Sec, per spiegare le linee guida dei suoi modelli, compreso ChatGPT. Nel testo, in una nota l'azienda ha rivelato che starebbe studiando un modo per rendere possibile la generazione responsabile di contenuti espliciti.

OpenAI sta ragionando sul tema per valutare "se sia possibile fornire in modo responsabile la possibilità di generare contenuti NSFW. Con la sigla "Not safe for work", letteralmente "Non sicuro per il lavoro" si indicano tutti quei contenuti sessuali, volgari o potenzialmente offensivi, tra i quali rientrano anche le immagini e i video porno.

Non è chiaro al momento in che modo le regole potrebbero cambiare, per esempio se il divieto verrà allentato per la creazione di testo o le modifiche riguarderanno anche contenuti visivi.

Google, nuove IA sanitarie, da Med-Gemini ad AlphaFold

Google e DeepMind hanno lanciato Med-Gemini, un insieme di modelli di intelligenza artificiale avanzati progettati per il settore sanitario. L'obiettivo è potenziare le capacità diagnostiche e terapeutiche attraverso l’impiego di tecnologie d’avanguardia.

DeepMind questa settimana ha anche annunciato l’arrivo del nuovo modello IA AlphaFold, in grado di elaborare e ricostruire biomolecole cruciali in campo medico diverse dalle proteine, incluso il DNA

16 CONDIVISIONI
404 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views