Apple
6 Dicembre 2022
18:27

Due donne denunciano Apple perché sono state pedinate con un AirTag: “È lo strumento preferito dagli stalker”

Da quando questo strumento è arrivato sul mercato sono state pubblicate decine di segnalazioni sul modo in cui viene usato. Basta nasconderlo in uno zaino o in un’auto per cominciare un pedinamento.
A cura di Elisabetta Rosso
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Apple

Lauren Hughes, chiude una relazione. Dopo tre mesi, il suo ex ragazzo continua a pubblicare post offensivi, lasciare messaggi vocali violenti e consegnare pacchi al suo indirizzo di casa. Per sfuggire alle molestie sceglie di trasferirsi in albergo. Ma non basta, perché in realtà dentro la sua macchina è nascosto un AirTag che segnala al suo ex tutti i suoi spostamenti.

Un’altra donna, che non rivela il suo nome, divorzia. Il marito comincia a farle domande strane, la perseguita, e indovina tutti i luoghi dove è stata con il figlio. Si preoccupa, e poi scopre un dispositivo nascosto nello zaino del bambino. Le due donne hanno intentato un'azione legale collettiva contro Apple, che ha distribuito gli AirTag senza costruire un sistema di sicurezza adeguato. Le loro storie sono simili a quelle di moltissime altre persone vittime di stalking, pedinate attraverso i dispositivi.

Come funziona l'AirTag prodotto da Apple

L'AirTag è un prodotto controverso, assomiglia a un grosso pulsante, grande quanto una moneta, ed è stato progettato per aiutare le persone a rintracciare i propri oggetti, zaini, chiavi o portafogli. Grazie al localizzatori è facile individuare dove si trovino. Il problema è che sono stati usati in modo improprio. Una volta un AirTag è stato inserito in un cappotto di una modella, spesso  è stato utilizzato l’AirTag per seguire veicoli di lusso e poi rubarli, e poi è diventato uno degli strumenti preferiti degli stalker.

Apple l’aveva presentato come un dispositivo "a prova di stalker" ad aprile 2021. Secondo l’azienda, infatti, le notifiche sonore programmate per segnalare agli utenti la presenza di un AirTag nelle vicinanze, sarebbero state sufficienti per arginare il rischio di essere seguiti e controllati. Non è stato così. In seguito ai reclami e alle denunce, Apple nel 2022 ha aggiornato le misure di sicurezza. Ha accorciato i tempi per ricevere le notifiche, inserito la possibilità di avvisare gli utenti quando c’è un AirTag non registrato che li segue, e ha rilasciato un’app per gli utenti Android che rintraccia i dispositivi vicino a loro.

Tutti i problemi degli AirTag

"Sebbene Apple abbia integrato delle misure di sicurezza nel prodotto AirTag, sono terribilmente inadeguate e fanno poco o niente per avvertire prontamente le persone se vengono monitorate", dicono le donne. La causa è stata intentata il 5 dicembre a San Francisco. Le donne hanno spiegato che per ricevere un avviso in realtà servono dalle 4 alle 8 ore di tracciamento. Non solo, gli utenti Android non hanno una scansione automatica in background, ma devono premere un pulsante sull’app per verificare la presenza di AirTag nelle vicinanze. "A soli 29 dollari quindi è diventata l'arma preferita di stalker e molestatori". L’accusa è di aver rilasciato un dispositivo non sicuro e chiedono un risarcimento da parte dell’azienda. “Cerchiamo di rappresentare anche quelli che sono stati e che sono a rischio di stalking per colpa di questo dispositivo pericoloso”.

32 contenuti su questa storia
Apple taglierà lo stipendio di Tim Cook del 40%: ecco quanto guadagnerà ora
Apple taglierà lo stipendio di Tim Cook del 40%: ecco quanto guadagnerà ora
L'ossessione della Gen Z per gli anni 2000, l'ultima moda è trasformare gli smartphone nei vecchi iPod
L'ossessione della Gen Z per gli anni 2000, l'ultima moda è trasformare gli smartphone nei vecchi iPod
Nell'iPhone c'è una funzione nascosta che attiva un suono per farti addormentare
Nell'iPhone c'è una funzione nascosta che attiva un suono per farti addormentare
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni