16 Maggio 2022
12:25

Scoperto ormone “elisir di lunga vita” nei topi: ecco quando si attiva

Gli scienziati hanno scoperto che quando i topi seguono una dieta a basso contenuto proteico si attiva un ormone che allunga la vita e migliora la salute.
A cura di Andrea Centini

Identificato nei topi un ormone in grado di migliorare la salute metabolica e prolungare la vita dei roditori. La sua efficacia da “elisir di lunga vita” è associata a una dieta a basso contenuto proteico, che diverse ricerche – condotte su modelli murini, esseri umani e altri animali – hanno dimostrato essere capace di apportare benefici significativi alla salute. In parole semplici, l'ormone metabolico chiamato fattore di crescita dei fibroblasti 21 (FGF21) è una sorta di mediatore, che comunica al cervello che l'organismo sta seguendo una dieta con poche proteine. Questo segnale innesca i processi biologici che regolano il metabolismo di conseguenza, producendo i benefici sopracitati. Non è ancora chiaro come questa scoperta possa tradursi in un vantaggio sulla nostra longevità e sulla salute in generale, ma gli scienziati sperano di mettere a punto nuovi percorsi partendo proprio da ormoni come FGF21.

A dimostrate che l'ormone fattore di crescita dei fibroblasti 21 migliora la salute e la longevità dei topi che seguono una dieta con restrizione proteica è stato un team di ricerca statunitense guidato da scienziati del Centro di ricerca biomedica di Pennington dell'Università della Louisiana, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Dipartimento di Medicina Interna – Laboratorio di Geriatria presso la Scuola di Medicina dell'Università dell'Illinois Meridionale. Gli scienziati, coordinati dal professor Christopher D. Morrison, docente e direttore del Neurosignaling Laboratory dell'istituto di Baton Rouge, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver condotto alcuni esperimenti con i topi.

Gli scienziati hanno dimostrato che la restrizione proteica in questi animali, oltre ad aumentare la durata della vita, riduce il peso corporeo e l'adiposità, migliorando al contempo la tolleranza al glucosio e le prestazioni fisiche e influenzando alcuni marcatori biologici nel fegato, nel sangue e in altri organi. I benefici sono coordinati proprio dall'ormone FGF21, che si accorge della dieta a basso contenuto di proteine e segnala al cervello di tarare il metabolismo su un nuovo profilo. “I nostri dati suggeriscono che FGF21 comunica al cervello e che senza questo segnale il topo non ‘sa' che sta seguendo una dieta a basso contenuto proteico. Di conseguenza, il topo non riesce a modificare in modo adattivo il suo metabolismo o il comportamento alimentare”, ha dichiarato in un comunicato stampa il professor Morrison.

A confermare che il coordinamento del processo è dovuto proprio a FGF21 è stato un esperimento con topi geneticamente modificati, nei quali il gene responsabile del fattore di crescita di origine epatica è stato silenziato con l'ingegneria genetica. I topi nati senza FGF21 non hanno ottenuto alcun beneficio dalla dieta a basso contenuto proteico, proprio perché mancava il mediatore in grado di “informare” il cervello. I topi anziani privi di FGF21 mostrano una perdita di peso a esordio precoce, sono più fragili, hanno prestazioni fisiche ridotte, una pelliccia meno curata e in generale vivono di meno. “Complessivamente, questi dati forniscono prove chiare che FGF21 è il primo ormone conosciuto che coordina il comportamento alimentare e la salute metabolica per migliorare la durata della vita durante la restrizione proteica”, ha affermato la professoressa Cristal M. Hill, coautrice dello studio.

L'obiettivo degli scienziati è tradurre questa scoperta in un mezzo per migliorare la salute dell'uomo, ad esempio attraverso percorsi “neurali o molecolari”. “Questa ricerca rivoluzionaria ha importanti implicazioni per estendere la salute e la durata della vita delle persone. Se gli scienziati riusciranno a capire meglio come le diete e gli ormoni nutrizionali come l'FGF21 agiscono per prolungare la durata della vita, queste scoperte potrebbero compensare molti dei problemi di salute che si verificano nella mezza età e in seguito”, ha concluso il professor John Kirwan, anch'egli coautore dello studio. I dettagli della ricerca “FGF21 is required for protein restriction to extend lifespan and improve metabolic health in male mice” sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica Nature Communications.

Topi anziani ringiovaniti con l'infusione di liquido cerebrospinale: possibile elisir di lunga vita
Topi anziani ringiovaniti con l'infusione di liquido cerebrospinale: possibile elisir di lunga vita
Scienziati italiani scoprono un ormone che può attivare la riparazione del cuore dopo un infarto
Scienziati italiani scoprono un ormone che può attivare la riparazione del cuore dopo un infarto
Scoperta una parte del cervello che si attiva solo con il canto (e non con la musica strumentale)
Scoperta una parte del cervello che si attiva solo con il canto (e non con la musica strumentale)
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni