13.084 CONDIVISIONI
27 Luglio 2022
12:46

Razzo cinese fuori controllo potrebbe cadere sull’Italia, rientro atteso il 31 luglio: i rischi

Tra il 30 luglio e il 1 agosto cadrà sulla Terra lo stadio centrale di un razzo cinese fuori controllo. L’area di impatto prevista coinvolge anche l’Italia.
A cura di Andrea Centini
13.084 CONDIVISIONI
Il razzo cinese e l’area in cui dovrebbe cadere
Il razzo cinese e l’area in cui dovrebbe cadere

Esattamente come accadde a maggio dello scorso anno, lo stadio centrale di un razzo cinese Long March 5B è in caduta libera sulla Terra e rischia di creare danni significativi, sebbene le probabilità di impatto su aree abitate siano basse. Secondo i calcoli del Center for Orbital Reentry and Debris Studies (CORDS) della Aerospace Corporation, l'oggetto lanciato domenica 24 luglio deorbiterà lentamente – e totalmente senza controllo – per circa una settimana, fino al rientro nell'atmosfera terrestre e alla potenziale pioggia di detriti. Secondo la Space Force degli Stati Uniti l'oggetto rientrerà sulla Terra domenica 31 luglio alle 07:30 GMT (le 09:30 ora italiana) con un margine di errore di più o meno 22 ore. Ciò significa che potrebbe rientrare anche sabato 30 luglio o lunedì 1 agosto. Al momento non è possibile prevedere né il momento esatto del rientro tanto meno l'area che sarà coinvolta. Dall'analisi della traiettoria, tuttavia, il CORDS prevede che sarà interessata la fascia compresa tra 41 gradi di latitudine nord e 41 gradi di latitudine sud (l'Italia centro-meridionale è compresa).

Il razzo Long March 5B, come indicato, è stato lanciato dalla Cina domenica 24 luglio dallo spazioporto dell'isola meridionale di Hainan, per trasportare il secondo modulo (Wentian) della stazione spaziale cinese Tiangong, che è regolarmente attraccato. Di norma gli ingegneri aerospaziali prevedono un rientro controllato degli stadi dei razzi lanciatori, facendo precipitare eventuali detriti nel cosiddetto “Punto Nemo”, una remota zona dell'Oceano Pacifico considerata il cimitero dei veicoli satelliti. Ma a quanto pare non tutti se ne preoccupano, mettendo inutilmente a rischio la vita delle persone e degli animali. Lo stadio centrale del grande razzo cinese ha infatti un peso di ben 25 tonnellate e si prevede che grossi frammenti sopravvivano al processo di ablazione durante il rientro in atmosfera (in parole semplici, l'attrito con l'aria non sarà sufficiente a distruggere l'intero stadio del razzo). “La regola generale è che il 20 – 40 percento della massa di un oggetto di grandi dimensioni raggiunge il suolo, ma il numero esatto dipende dal design dell'oggetto”, ha specificato The Aerospace Corporation in un comunicato sul rientro del razzo. “In questo caso, ci aspetteremmo da cinque a nove tonnellate (da 5,5 a 9,9 tonnellate), ha aggiunto l'organizzazione.

Se simili detriti dovessero cadere su un palazzo o comunque su un centro abitato potrebbero creare danni significativi e naturalmente anche vittime. La parte del razzo potrebbe anche contenere propellente residuo, che è molto tossico per l'ambiente, oltre che per gli organismi viventi. E un incidente del genere non sarebbe una novità. Nel maggio del 2020, infatti, lo stadio centrale di un identico razzo cinese si schiantò sul villaggio di Mahounou (Costa d'Avorio), provocando danni alle case. All'epoca non furono rese pubbliche informazioni su potenziali vittime e l'ammontare dei danni stessi. Lo scorso anno, invece, i pezzi del razzo caddero fortunatamente nell'Oceano Indiano, non lontano dalle Maldive, a circa 7mila chilometri dall'Italia.

Gli ingegneri cinesi contano proprio sul fatto che la Terra è composta principalmente da acqua, dunque il rischio che i detriti possano finire proprio sulla terraferma – e dunque su centri abitati – è ridotto. Ma un rischio basso non è un rischio zero, che potrebbe essere perseguito semplicemente programmando dei rientri controllati. La comunità internazionale condanna questo comportamento spregiudicato della Cina, che tuttavia continua a difendere la propria politica dei rientri fuori controllo, definendo i rischi “estremamente bassi”.

13.084 CONDIVISIONI
Cosa succede se il razzo cinese colpisce un centro abitato, e perché l'Italia non rischia (per ora)
Cosa succede se il razzo cinese colpisce un centro abitato, e perché l'Italia non rischia (per ora)
Hai visto l'immagine del buco nero al centro della Via Lattea? Ora puoi anche ascoltarlo
Hai visto l'immagine del buco nero al centro della Via Lattea? Ora puoi anche ascoltarlo
La NASA prepara il ritorno sulla Luna con il lancio di Artemis I
La NASA prepara il ritorno sulla Luna con il lancio di Artemis I
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni