video suggerito
video suggerito
Cambiamenti climatici

Le ondate di calore stanno tornando (e questi sono i Paesi più a rischio)

Regioni come l’Afghanistan, la Papua Nuova Guinea e l’America centrale rischiano effetti devastanti. Vulnerabili anche Pechino e l’Europa centrale.
A cura di Valeria Aiello
104 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

I cambiamenti climatici provocati dalle emissioni antropiche di gas serra stanno causando un aumento della frequenza, dell’intensità e della durata degli eventi meteorologici estremi, incluse le ondate di calore, rendendoli fino a cento volte più probabili in diverse regioni del Pianeta. Alcune aree, in particolare, rischiano effetti devastanti, come mostrato da una nuova ricerca guidata dall’Università di Bristol, nel Regno Unito, che ha fatto luce sulle regioni meno preparate ad affrontare temperature estreme. “I Paesi che non hanno ancora sperimentato le ondate di caldo più intense sono spesso particolarmente sensibili, poiché le misure di adattamento vengono spesso introdotte solo dopo l’evento – spiegano gli studiosi – . Un’alta probabilità di temperature da record, una popolazione in crescita e una fornitura limitata di assistenza sanitaria ed energia aumentano i rischi”.

I Paesi dove le ondate di calore causeranno danni maggiori

Secondo lo studio, pubblicato su Nature Communications, regioni come l’Afghanistan, la Papua Nuova Guinea e l’America centrale sono le più a rischio per gli effetti dannosi delle ondate di caldo. Ma anche Pechino e l’Europa centrale sono vulnerabili. “Poiché le ondate di caldo si verificano più spesso, dobbiamo essere meglio preparati – ha affermato l’autrice principale dello studio, la climatologa Vikki Thompson della School of Geographical Sciences dell’Università di Bristol – . Abbiamo identificato le regioni che finora sono state fortunate: alcune di queste regioni hanno una popolazione in rapida crescita, alcune sono nazioni in via di sviluppo e altre sono già molto calde. Dobbiamo chiederci se in queste aree i piani d’azione per affrontare le ondate di calore sono sufficienti”.

Regioni in cui è più probabile un'ondata di calore record / Credit: Nature Communications
Regioni in cui è più probabile un'ondata di calore record / Credit: Nature Communications

Per arrivare a queste conclusioni, i ricercatori hanno utilizzato statistiche sui valori estremi, set di dati estrapolati da modelli climatici e osservazioni meteorologiche globali per individuare dove è più probabile che si registrino nuovi record di temperatura e dove le comunità sono di conseguenza esposte a un maggior rischio di sperimentare condizioni estreme di calore.

Gli studiosi hanno anche osservato che gli estremi statisticamente non plausibili – i record battuti da valori che sembravano impossibili fino a quando non si sono verificati – potrebbero registrarsi ovunque. Nello specifico, hanno riscontrato che questi eventi improbabili si sono verificati in quasi un terzo (31%) delle regioni valutate, ovvero dove le osservazioni sono state ritenute sufficientemente affidabili tra il 1959 e il 2021, come l’ondata di caldo che ha colpito il Nord America occidentale nel 2021.

Essere preparati salva vite umane – ha evidenziato Dann Mitchell, coautore dello studio e docente di scienze atmosferiche presso il Cabot Institute for the Environment dell’Università di Bristol – . Abbiamo visto alcune delle ondate di calore più inaspettate in tutto il mondo portare a decine di migliaia di morti legate al caldo. In questo studio, dimostriamo che tali eventi da record potrebbero verificarsi ovunque. I governi di tutto il mondo devono essere preparati”.

104 CONDIVISIONI
551 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views