2.469 CONDIVISIONI
5 Novembre 2022
16:55

Il vaccino contro l’influenza protegge anche dall’ictus, scienziati: “Raccomandato per tutti”

Uno studio condotto su oltre 4 milioni di persone ha dimostrato che il vaccino antinfluenzale riduce sensibilmente il rischio di ictus, di qualunque tipo.
A cura di Andrea Centini
2.469 CONDIVISIONI

Il vaccino contro l'influenza è efficace anche nella prevenzione dell'ictus o colpo apoplettico, di qualsiasi forma. Si tratta di una scoperta significativa che evidenzia i molteplici benefici del vaccino antinfluenzale, uno “scudo” non solo contro la malattia respiratoria, ma come dimostrato da diversi studi anche contro le malattie cardiovascolari. Ora una nuova ricerca ha confermato che può proteggerci anche dall'ictus. L'efficacia rilevata è tale che gli autori dell'indagine raccomandano di utilizzare la vaccinazione antinfluenzale come strategia di salute pubblica, per proteggere la popolazione generale dagli ictus. Non solo chi è a rischio. In Italia, secondo i dati dell'Istituto Superiore di Sanità (ISS), si verificano circa 200.000 casi ogni anno, fra i quali l'80 percento è rappresentato da nuovi episodi e il 20 percento da recidive.

A dimostrare che il vaccino contro l'influenza protegge anche dall'ictus è stato un team di ricerca internazionale guidato da scienziati canadesi dell'Hotchkiss Brain Institute – Scuola di Medicina Cumming dell'Università di Calgary, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Dipartimento di Neurologia del Dresda City Hospital di Dresda (Germania) e dell'agenzia Alberta Health di Edmonton. Gli scienziati, coordinati dai professori Michael Hill e Jessalyn Holodinsky, docenti presso il Dipartimento di Neuroscienze Cliniche dell'ateneo canadese, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver condotto un'indagine statistica sui dati dell'Alberta Health Care Insurance Plan, relativi a tutti i residenti della provincia canadese dell'Alberta.

In tutto sono stati coinvolti nello studio circa 4,2 milioni di cittadini adulti iscritti al sistema sanitario provinciale canadese tra il 30 settembre 2009 e il 31 dicembre 2018. Durante il periodo di follow-up, durato 10 stagioni influenzali, circa 1,8 milioni di partecipanti (pari al 42,73 percento del totale) si è sottoposto almeno ad una vaccinazione contro l'influenza. Nel periodo di studio si sono inoltre verificati 38.126 casi di ictus. Incrociando tutti i dati e tenendo in considerazione fattori di rischio associati all'ictus come età, sesso, diabete, fibrillazione atriale, broncopneumopatia cronica ostruttiva, uso di anticoagulanti, ipertensione, reddito e residenza in area urbana o rurale, il professor Holodinsky e colleghi hanno determinato che tra i vaccinati contro l'influenza sussisteva una sostanziale e statisticamente rilevante riduzione del rischio di sviluppare qualunque tipo di ictus (hazard ratio 0,775 [IC 95% 0,757–0,793]). In altri termini, l'incidenza degli ictus era ridotta del 22 percento nella popolazione che si era sottoposta al vaccino, con una protezione significativa nei sei mesi seguenti alla somministrazione. Sono risultati protetti sia uomini che donne e la riduzione del rischio è migliorata con l'età. I risultati sono particolarmente rilevanti perché coinvolgono un'unica, grande popolazione seguita da un solo sistema sanitario.

“Il vaccino antinfluenzale è noto per ridurre il rischio di infarto e ospedalizzazione per le persone con malattie cardiache. Volevamo scoprire se il vaccino ha le stesse qualità protettive per le persone a rischio di ictus”, ha dichiarato in un comunicato stampa il dottor Hill, autore principale dello studio. “I nostri risultati mostrano che il rischio di ictus è più basso tra le persone che hanno recentemente ricevuto un vaccino antinfluenzale. Questo era vero per tutti gli adulti, non solo per quelli ad alto rischio di avere un ictus”, ha aggiunto l'esperto. “Abbiamo scoperto che il rischio di ictus è stato significativamente ridotto nei sei mesi successivi a una vaccinazione antinfluenzale”, gli ha fatto eco il coautore dello studio Jessalyn Holodinsky. “I risultati suggeriscono che un'ampia vaccinazione antinfluenzale potrebbe essere una valida strategia di salute pubblica per prevenire l'ictus”, ha chiosato l'esperto.

Dato che la protezione del vaccino antinfluenzale contro l'ictus è risultata molto forte e poiché dopo un'infezione respiratoria possono seguire infarto o ictus, gli scienziati raccomandano la vaccinazione come fattore protettivo per la popolazione. I dettagli della ricerca “Association between influenza vaccination and risk of stroke in Alberta, Canada: a population-based study” sono stati pubblicati sull'autorevole rivista scientifica specializzata The Lancet Public Health.

2.469 CONDIVISIONI
Vaccino universale contro tutti i ceppi di influenza sempre più vicino: funzionerà come quelli Covid
Vaccino universale contro tutti i ceppi di influenza sempre più vicino: funzionerà come quelli Covid
Come funziona il vaccino Covid bivalente: a chi è raccomandato e quali sono gli effetti collaterali
Come funziona il vaccino Covid bivalente: a chi è raccomandato e quali sono gli effetti collaterali
Il vaccino anti Covid rende più efficace un trattamento contro il cancro
Il vaccino anti Covid rende più efficace un trattamento contro il cancro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni