5 Luglio 2022
20:18

Come funziona la pillola contro gli effetti della sbornia

Il rimedio, appena messo in vendita nel Regno Unito con il nome di Myrkl, è un integratore alimentare che promette di ridurre la quantità di alcol assorbita dall’organismo.
A cura di Valeria Aiello

Un nuovo rimedio, appena messo in vendita nel Regno Unito e commercializzato dall’azienda svedese De Faire Medical con il nome di Myrkl, si propone come una pillola anti-sbornia che contrasta gli effetti negativi del consumo di alcolici. La pillola, che costa appena una sterlina ed è acquistabile anche online in confezioni da 30 capsule (2 per dose), va assunta da una a 12 ore prima di bere alcolici e promette di ridurre fino al 70% la quantità di alcol assorbita dall’organismo dopo 60 minuti. Ciò significa che se una persona beve 50 ml di alcolici al 40%, che contengono quindi 20 ml di alcol puro, solo 6 ml di alcol entreranno nel flusso sanguigno. Questa riduzione della quantità di alcol assorbita dall’organismo si riflette in una riduzione degli effetti a breve termine dell’alcol stesso, come l’euforia e la perdita dei freni inibitori.

Cos’è e come funziona la pillola anti-sbornia

La pillola Myrkl è un integratore alimentare (non è un farmaco perché non cura alcuna patologia) che contiene due batteri prodotti dalla crusca di riso fermentata – Bacillus subtilis e Bacillus coagulans – in grado di scomporre naturalmente l’alcol in acqua e anidride carbonica. Questi due batteri, contenuti all’interno di una capsula resistente agli acidi dello stomaco, possono quindi raggiungere intatti l’intestino, dove la maggior parte dell'alcol viene assorbita nel flusso sanguigno. La formulazione probiotica è inoltre arricchita di L-cisteina e vitamina B12, che aiuterebbero a sentirsi più freschi dopo il consumo di alcolici.

La pillola è pensata per coloro che non vogliono i postumi di una sbornia fino a 12 ore dopo l’assunzione. Ma davvero può prevenire gli effetti del consumo di alcolici? Come spiegato dal dottor Ashwin Dhanda, professore associato onorario di Epatologia presso l’Università di Plymouth, in Inghilterra, i postumi di una sbornia sono principalmente dovuti agli effetti disidratanti dell’alcol, che possono causare mal di testa, mentre le ripercussioni dirette sullo stomaco possono provocare gastriti e nausea. “Ma poiché le pillole funzionano solo dopo che l’alcol è passato attraverso lo stomaco all’intestino, non fermeranno l’effetto dell'alcol sullo stomaco” ha evidenziato l’esperto.

Riguardo invece all’efficacia in termini di riduzione dell’alcol assorbito dall’organismo, i test della nuova pillola si basano su un singolo studio clinico pubblicato lo scorso giugno sulla rivista scientifica Nutrition and Metabolic Insights condotto su 24 giovani adulti sani (13 uomini e 11 donne, età media 25 anni) cui è stato chiesto di assumere due capsule di Myrkl o pillole fittizie (placebo) ogni giorno per sette giorni. Ai partecipanti allo studio è stata quindi somministrata una piccola quantità di alcol (tra 50 e 90 ml di alcolici) in base al loro peso corporeo e il livello di alcol nel sangue di ciascuno di loro è stato misurato nelle due ore successive.

L’indagine ha mostrato che entro i primi 60 minuti dal consumo di alcolici, la quantità di alcol nel sangue era del 70% inferiore in coloro che avevano assunto due capsule di Myrkl rispetto alla pillola fittizia. “Tuttavia, anche se lo studio è stato ben progettato, comprendendo anche l'assegnazione casuale dei partecipanti ai gruppi di Myrkl o placebo, diversi problemi rendono i risultati più deboli – ha aggiunto il professor Dhanda in un editoriale su The Conversation – . I ricercatori hanno riportato solo i risultati osservati in 14 dei 24 partecipanti perché all’inizio in 10 avevano livelli di alcol nel sangue più bassi. In secondo luogo, i risultati variavano tra le diverse persone, il che riduce l’accuratezza dello studio. E terzo, i ricercatori hanno testato sette giorni di trattamento prima di un singolo drink alcolico, ma la società raccomanda solo due pillole da una a 12 ore prima di bere qualsiasi quantità di alcolici”.

D’altra parte, integratori alimentari probiotici con formulazioni analoghe a quelle di Myrkl sono considerati sicuri e ampiamente disponibili sul mercato. “Possono essere acquistati sotto forma di yogurt, bevande o pillole in molti supermercati e negozi di alimenti naturali – precisa l’esperto – . È probabile che anche i due batteri contenuti nelle pillole Myrkl siano sicuri per la maggior parte delle persone. Tuttavia, i probiotici somministrati alle persone con malattie possono sconvolgere l’equilibrio naturale dei batteri intestinali, causando infezioni o sintomi intestinali”.

In altre parole, assumere una pillola prima del consumo di alcolici per prevenire i postumi di una sbornia può rappresentare un beneficio per alcune persone ma, in generale, considerando anche i limiti dello studio clinico e le domande senza risposta su Myrkl – che comprendono anche dubbi sull’efficacia nelle persone non più giovani, nei soggetti con malattie intestinali o epatica, e gli effetti dell’assunzione insieme al cibo –  l’esperto sottolinea come il miglior modo per evitare i postumi di una sbornia rimanga semplicemente quello di bere alcolici responsabilmente, ricordando che l’abuso, in ogni caso, può causare molti danni alla salute.

Pillola anticoncezionale maschile efficace al 99% e senza effetti collaterali in test di laboratorio
Pillola anticoncezionale maschile efficace al 99% e senza effetti collaterali in test di laboratorio
Twitter userà la
Twitter userà la "pillola avvelenata" per difendersi da Elon Musk: come funziona la poison pill
Cosa sono le pillole di iodio e a cosa serve lo ioduro di potassio contro le radiazioni
Cosa sono le pillole di iodio e a cosa serve lo ioduro di potassio contro le radiazioni
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni