145 CONDIVISIONI
24 Settembre 2022
17:01

Addio ai meravigliosi laghi blu: i cambiamenti climatici li stanno facendo sparire

Analizzando i dati oltre 85mila laghi gli scienziati hanno determinato che quelli blu sono in declino, a causa dell’impatto del riscaldamento globale.
A cura di Andrea Centini
145 CONDIVISIONI

I laghi blu sono tra gli ecosistemi più affascinanti e ricchi di biodiversità sulla Terra, oltre che apprezzatissime mete turistiche e fonte di molteplici servizi, dalle forniture idriche all'acquacoltura. Ma questi specchi d'acqua, spesso rappresentati come un simbolo di purezza e natura incontaminata, rischiano letteralmente di sparire a causa dei cambiamenti climatici. Il riscaldamento globale, infatti, sta cambiando progressivamente il colore dei laghi, rendendoli tutti verdi e marroncini. In futuro, se non riusciremo a controllare le emissioni di gas a effetto serra (come l'anidride carbonica e il metano) e le temperature medie continueranno inesorabilmente a salire, questi magnifici ecosistemi saranno destinati a diventare sempre di meno.

A determinarlo è stato un team di ricerca americano guidato da scienziati dell'Università della Carolina del Nord a Chapel Hill, che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi del Dipartimento di Geografia, Geologia e dell'Ambiente dell'Università Statale dell'Illinois, del Dipartimento di Geologia dell'Università di Pittsburgh, dell'Università Statale del Colorado e di altri atenei a stelle e strisce. I ricercatori, coordinati dal professor Xiao Yang del Dipartimento di Scienze Marine, della Terra e Ambientali dell'ateneo della Carolina del Nord, sono giunti alle loro conclusioni dopo aver analizzato statisticamente oltre 5 milioni di dati sul colore dei laghi raccolti da indagini satellitari condotte tra il 2013 e il 2020. Sono stati coinvolti oltre 85mila laghi e altri bacini idrici in tutto il mondo.

Dalle analisi dei dati il professor Yang e i colleghi hanno determinato che i laghi blu, attualmente, rappresentano circa il 30 percento di tutti quelli presenti sulla Terra. Essi sono principalmente concentrati nelle aree più fresche e adelevate latitudini del pianeta, dove si verificano piogge più abbondanti e i bacini d'acqua tendono a essere coperti da strati di ghiaccio durante i mesi freddi dell'anno. I laghi verdi-marroni d'altro canto sono più diffusi (71 percento), con concentrazioni maggiori nelle zone aride, lungo le coste e nel cuore dei continenti.

Laghi blu e verdi. Credit: AGU/Geophysical Research Letters
Laghi blu e verdi. Credit: AGU/Geophysical Research Letters

Il colore dei laghi è influenzato da molteplici fattori, come la profondità e la presenza di alghe, ma i ricercatori hanno determinato che anche la temperatura dell'aria, le precipitazioni, la posizione geografica e altre caratteristiche giocano un ruolo. Con l'aumento delle temperature catalizzato dai cambiamenti climatici viene favorita la proliferazione algale, che a sua volta trasforma il colore blu in verde e marrone. Non si tratta solo di un cambio di tonalità, dato che la presenza delle alghe ha un impatto sugli equilibri ecologici e sulla qualità dell'acqua. Come sottolineato dagli autori dello studio, ottenere acqua potabile da laghi non più blu può essere più costoso, inoltre determinate specie di pesci possono sparire. Gli scienziati hanno determinato il colore dei laghi analizzati sulla base di quello più frequente nell'arco di 7 anni. Hanno così messo a punto una sorta di mappa (consultabile cliccando su questo link) grazie alla quale è possibile valutare la situazione a livello globale. Secondo gli scienziati, con un aumento di 3° C in estate sparirebbe il 14 percento dei laghi blu del pianeta.

“L'acqua più calda, che produce più fioriture algali, tenderà a spostare i laghi verso i colori verdi”, ha dichiarato in un comunicato stampa la professoressa Catherine O'Reilly, ecologa dell'acqua dell'Università Statale dell'Illinois e coautrice dello studio. “Ci sono molti esempi di persone che hanno effettivamente visto accadere questo quando hanno studiato un singolo lago”, ha aggiunto l'esperta. I laghi stanno acquisendo un “colore sempre più verde”, le ha fatto eco il professor Yang, con particolare riferimento ai laghi delle regioni artiche. Oltre che dal punto di vista ecologico e dei servizi, laghi verdi potrebbero non essere più appetibili anche dal punto di vista culturale e ricreativo, anche perché “nessuno vuole nuotare in un lago verde”, ha chiosato la professoressa O'Reilly. I dettagli della ricerca “The Color of Earth’s Lakes” sono stati pubblicati sulla rivista scientifica Geophysical Research Letters.

145 CONDIVISIONI
I fiori di ciliegio sbocciano sempre prima in Giappone: i cambiamenti climatici minacciano l'Hanami
I fiori di ciliegio sbocciano sempre prima in Giappone: i cambiamenti climatici minacciano l'Hanami
Addio ai ghiacciai di Yellowstone, Kilimangiaro e Dolomiti entro il 2050, condannati a causa nostra
Addio ai ghiacciai di Yellowstone, Kilimangiaro e Dolomiti entro il 2050, condannati a causa nostra
La crisi climatica distrugge i raccolti e condanna alla fame centinaia di milioni di persone
La crisi climatica distrugge i raccolti e condanna alla fame centinaia di milioni di persone
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni