270 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Un tatuaggio al giorno per tutto il lockdown da Coronavirus, la storia di Chris e dei suoi tattoo

Chris Woodhead ha trovato il modo di affrontare la pandemia da coronavirus: un nuovo tatuaggio sul proprio corpo per ogni giorno di lockdown. Si è fatto una particella sferica di Covid, ha dedicato un tattoo al servizio sanitario nazionale e uno al bimbo che presto avrà. Ora è arrivato ad oltre quaranta. “Ad essere onesto, sembro un po’ ridicolo – dice -sembro un pezzo di formaggio erborinato!”.
A cura di Biagio Chiariello
270 CONDIVISIONI
Immagine

Seduto sul divano nel suo appartamento a Walthamstow, nel nord-est di Londra, Chris Woodhead cerca di trovare spazio sul proprio corpo per aggiungere un altro tatuaggio. C'è ancora poca pelle non segnata – dalla punta delle dita alla pianta dei piedi, quasi ogni centimetro è coperto da un vasto miscuglio di tattoo di stili diversi. L’uomo si è fatto regolarmente tatuaggi da quando ha compiuto 18 anni, nel 2005. Crescendo, è stato ossessionato dalla scena musicale punk americana ricca di tatuaggi e poi ha conosciuto Duncan X, una vera e propria leggenda per gli amanti dei tattoo di tutto il mondo. "Duncan X mi ha tatuato quando avevo circa 19 anni", dice Chris alla BBC. "E poi il mio migliore amico ha iniziato a fare tatuaggi e mi ha usato come una sort di tela, me ne ha fatti più di 400…” dice.

Self-isolation tattoo no.39

A post shared by Chris Woodhead (@adverse.camber) on

All'inizio del lockdown causa Coronavirus, Chris aveva oltre un migliaio di disegni sul suo corpo. Ora ne ha altri 40 e la cifra è destinata ad aumentare. Quando lo studio di tatuaggi di East London, dove ha lavorato come artista, ha chiuso nell’ambito delle misure di contenimento della pandemia, il 33enne è finito in quarantena con sua moglie incinta, Ema, e ha deciso di aggiungere un nuovo tatuaggio al giorno per tutto il tempo in cui il lockdown sarebbe continuato. "Mi sono ritrovato a non fare nulla. Quindi l'idea di tatuarmi ogni giorno mi ha dato un po’ di forza. Senza far nulla le persone sono completamente perse” ammette Chris. "In questo momento sto disegnando ciò che ho in mente, lo trovo terapeutico", dice. "E non c'è molto altro che mi passa per la testa in questo momento a parte questa crisi monumentale”.

Self-isolation tattoo no.9

A post shared by Chris Woodhead (@adverse.camber) on

Sulla pelle della pianta del piede sinistro, Chris ha scritto le parole: "QUANDO FINIRÀ?" Nella parte inferiore della gamba destra c'è una particella sferica di Coronavirus. Sul suo sterno – un luogo in cui "sembra che tu stia andando dritto nelle ossa" – Chris ha resistito al dolore e si tatuato un omaggio al National Health Service. "La cosa che trovo così profondamente triste è che ci è voluta questa situazione perché le persone apprezzassero davvero il servizio sanitario nazionale e si rendessero conto che il loro lavoro è incredibilmente difficile", afferma. Il giorno 23 Chris ha messo nero su bianco l'immagine di uno spermatozoo che nuotava sulla sua parte superiore del braccio, un riferimento al bambino che lui e Ema avranno a luglio.

Self-isolation tattoo no.31

A post shared by Chris Woodhead (@adverse.camber) on

Come per il resto del mondo, la sua speranza è che ne usciremo presto. Anche perché è consapevole del fatto che devo risparmiare quantomeno uno spazio sul suo corpo per tatuarsi il nome del piccolo quando arriverà. Quindi ha calcolato quanta pelle senza tatuaggi ha lasciato per continuare il suo progetto di blocco. "Voglio comunque che siano tutti dei bei tatuaggi, ma probabilmente mi rimane non più di un mese di spazio … Ad essere onesto, sembro ridicolo – sembro un pezzo di blue cheese (formaggio blu)!” conclude.

270 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views