220 CONDIVISIONI
15 Gennaio 2022
17:19

Tigray, 5 milioni di persone senza cibo: “Siamo sull’orlo di una catastrofe umanitaria”

L’allarme del direttore regionale del Pam, il Programma alimentare mondiale Onu, per l’Africa orientale: “In Tigray c’è un disastro umanitario, stanno finendo le ultime scorte di cibo”. Condanna anche dal direttore dell’Oms: “Inimmaginabile che nel 2022 un governo neghi alla propria gente quanto serve per sopravvivere”.
A cura di Ida Artiaco
220 CONDIVISIONI

La regione del Tigray, a nord dell'Etiopia, al confine con l'Eritrea a Nord e il Sudan a Ovest, è sull'orlo di un disastro umanitario. Non ha usato giri di parole l'Onu per descrivere la drammatica situazione in cui sono costretti a vivere da mesi ormai gli abitanti dell'area, mentre i combattimenti si intensificano e le scorte di cibo, essenziali soprattutto per i bambini malnutriti, si esauriscono. Secondo il Pam, il Programma alimentare mondiale, noto anche come WFP, l'agenzia delle Nazioni Unite che si occupa di assistenza alimentare, verranno distribuite nel corso della prossima settimana le ultime forniture di cereali, legumi e olio, mentre cinque milioni di persone rischiano di morire letteralmente di fame. Gli aspri scontri tra le forze fedeli al governo federale di Addis Abeba e i combattenti del Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray hanno fatto sì che nessun convoglio del Pam abbia raggiunto Mekelle, la capitale del Tigray, da metà dicembre.

Le scorte di cibo sono ora esaurite, ha affermato l'agenzia in una nota, ed anche il carburante per la distribuzione delle ultime forniture alimentari essenziali è estremamente basso. Ma a preoccupare sono anche le regioni vicine di Amhara e Afar, dove si ritiene che oltre 4 milioni di persone abbiano bisogno di assistenza alimentare. "Ora dobbiamo scegliere chi deve avere fame per evitare che qualcun altro muoia di fame", ha detto Michael Dunford, direttore regionale del Pam per l'Africa orientale. "Abbiamo bisogno di garanzie immediate da tutte le parti in conflitto affinché ci siano corridoi umanitari sicuri e protetti, attraverso tutte le rotte. Le forniture umanitarie semplicemente non stanno fluendo al ritmo e alla scala necessari. La mancanza di cibo e carburante significa che siamo stati in grado di raggiungere solo il 20% di quelli che avremmo dovuto avere in quest'ultima distribuzione in Tigray. Siamo sull'orlo di un disastro umanitario", ha aggiunto.

Da quando è iniziato il conflitto tra le forze governative, fedeli al primo ministro Abiy Ahmed, e i combattenti del Fronte di Liberazione del Popolo del Tigray, vale a dire dal novembre del 2020, sono morte migliaia di persone. Diversi milioni sono stati costretti a lasciare le loro case. Gli operatori sanitari e umanitari affermano che gli ultimi giorni sono stati particolarmente sanguinosi a causa di un'ondata di attacchi aerei, incluso uno in un campo per sfollati che si dice abbia ucciso almeno 56 persone. Il governo etiope aveva precedentemente negato di aver preso di mira siti civili e giovedì ha reagito con rabbia alla condanna della situazione nel Tigray da parte del capo dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, originario proprio della Regione, che aveva accusato le autorità locali di bloccare le forniture mediche alla regione. "È terribile e inimmaginabile che nel 21esimo secolo un governo neghi alla propria gente per più di un anno cibo e medicine e quanto altro serve per sopravvivere", ha detto il numero uno di Oms.

220 CONDIVISIONI
Il Covid finora ha ucciso almeno 13 milioni di persone in tutto il mondo
Il Covid finora ha ucciso almeno 13 milioni di persone in tutto il mondo
Covid in Cina, a Pechino test di massa per oltre 20 milioni di persone: cresce la paura lockdown
Covid in Cina, a Pechino test di massa per oltre 20 milioni di persone: cresce la paura lockdown
In India potrebbero esserci stati quasi 5 milioni di morti a causa del coronavirus
In India potrebbero esserci stati quasi 5 milioni di morti a causa del coronavirus
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni