444 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
11 Giugno 2022
10:17

Severodonetsk come Mariupol: soldati ucraini e civili sono assediati nella fabbrica Azot

A Severodonetsk, nell’est dell’Ucraina, i soldati di Kiev sono bloccati nell’impianto chimico Azot assieme ad alcuni civili, come era successo alle acciaierie Azovstal a Mariupol.
A cura di Giacomo Andreoli
444 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Soldati e civili bloccati nell'impianto chimico Azot. Quello che sta accadendo a Severodonetsk ricorda quanto visto alle acciaierie Azovstal di Mariupol, il cui assedio è durato 82 giorni. Nella città del Lugansk i militari di Kiev sono trincerati nelle strutture, che "non sono più in grado di lasciare", come spiegato da Rodion Miroshnik, ambasciatore in Russia dell'autoproclamata repubblica popolare filo-Mosca della Regione.

"Tutte le vie di fuga sono state chiuse", ha aggiunto Miroshnik, che ha raccontato come alcuni di loro abbiano provato a contattare le truppe alleate e porre alcune condizioni. "È stato risposto loro – ha chiarito- che nessuna condizione verrà accettata: semplicemente gettino le armi e si consegnino". L'ambasciatore ha infine confermato la presenza di civili nei bunker della fabbrica, senza specificarne il numero. Secondo lui alcuni di loro sono riusciti a chiamare i parenti per dirgli che sono vivi e che stanno continuando a nascondersi nei rifugi.

Le forze russe, d'altronde, si consolidano nel Donbass. E sebbene Severodonetsk, Lysychansk e altre città dell'est stiano ancora in piedi e le truppe di Kiev abbiano contrattaccato a Kherson, nel sud, l'Ucraina sta perdendo la prima linea contro Mosca per mancanza di armi. L'amara constatazione arriva direttamente dall'intelligence ucraina, che rilancia l'appello agli occidentali a fornire le armi necessarie a Kiev per respingere l'invasione di Vladimir Putin. Appello al quale, a detta del governo di Volodymyr Zelensky, gli alleati risponderebbero sempre più lentamente e con minore generosità di quanto ci si aspettasse all'inizio.

"Questa è ormai una guerra di artiglieria. I fronti sono ora il luogo in cui si deciderà il futuro e noi stiamo perdendo", ha ammesso il vicecapo dell'intelligence di Kiev, Vadym Skibitsky, spiegando che "l'Ucraina ha un pezzo di artiglieria contro 10-15 pezzi russi". "I nostri partner occidentali ci hanno dato circa il 10% di quello che hanno loro. Noi utilizziamo da 5.000 a 6.000 proiettili al giorno – ha aggiunto- Abbiamo quasi esaurito le nostre munizioni e ora stiamo usando proiettili standard Nato da 155 calibri".

444 CONDIVISIONI
2701 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni