4.105 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
17 Maggio 2022
08:19

Mariupol è caduta nelle mani dei russi, 264 militari lasciano Azovstal: “Nostra missione finita”

Mariupol è caduta nella mani dell’esercito russo dopo 82 giorni di sanguinosi combattimenti. I militari del Battaglione Azov e l’esercito ucraino parlano di evacuazione di oltre 260 soldati dall’acciaieria Azovstal. Il presidente Zelensky: “Speriamo di poter preservare la vita dei nostri ragazzi”.
A cura di Ida Artiaco
4.105 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Mariupol è caduta nelle mani dell'esercito russo. Dopo settimane di duri combattimenti, la città meridionale dell'Ucraina, affacciata sul mar d'Azov e bersaglio sin dall'inizio dell'invasione delle forze di Mosca, è finita sotto il controllo della Russia. È quanto hanno confermato i vertici del Battaglione Azov asserragliato all'interno dell'acciaieria Azovstal, ultimo bastione della resistenza di Kiev, da 82 giorni colpito dai bombardamenti russi, che hanno tuttavia parlato di evacuazione nelle scorse ore oltre 260 militari. Anche l'Esercito ha dichiarato che le forze ucraine hanno completato la loro "missione di combattimento" nella città assediata di Mariupol. Ai comandanti delle unità di stanza presso l'impianto è stato ordinato di "salvare la vita del loro personale", si legge sempre nella dichiarazione dello Stato maggiore delle forze armate ucraine.

Il viceministro della Difesa ucraino Hanna Malyar ha descritto l'operazione di evacuazione in una dichiarazione video separata, osservando che alcune forze ucraine rimangono ad Azovstal. "Cinquantatrè persone gravemente ferite sono state evacuate dall'acciaieria in una struttura medica a Novoazovsk in territorio russo per cure mediche", ha detto. "Altre 211 persone sono state portate a Olenivka attraverso il corridoio umanitario", in territorio controllato dai separatisti filorussi di Donetsk. Questi ultimi sono poi stati ricondotti nelle zone in mano alle forze ucraine nell'ambito di uno scambio di prigionieri. Non è chiaro al momento quanti soldati restino all'interno dell'impianto.

Sui difensori di Mariupol è intervenuto anche il presidente ucraino Zelensky. "Grazie al lavoro dei militari delle forze armate ucraine, dell'intelligence, della squadra dei negoziati, del Comitato internazionale della croce rossa, e dell'Onu. Speriamo di poter preservare la vita dei nostri ragazzi. Tra di loro ci sono dei feriti gravi. A loro viene fornito aiuto. Voglio sottolineare che gli eroi ucraini servono all'Ucraina vivi. È iniziata l'operazione per far tornare i nostri militari a casa. È un lavoro che richiede delicatezza e tempo", ha detto in un videomessaggio pubblicato nelle scorse ore su Telegram. Come si legge sulla BBC, entrambe le parti cercheranno ora senza dubbio di vendere quanto successo a Mariupol come una propria vittoria: la Russia, perché finalmente otterrà il controllo di questa città portuale strategica, e l'Ucraina, perché alcuni dei soldati che hanno resistito per così tanto tempo ne sono sopravvissuti.

4.105 CONDIVISIONI
2589 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni