Secondo un'inchiesta, una delle migliori ballerine britanniche si è suicidata dopo che gli è stato impedito di partecipare a delle durante il lockdown per l'epidemia da Covid 19. La due volte vincitrice di Miss Pole Dance UK Jessica Norris, di Bolton, Greater Manchester, combatteva la depressione da quando era un'adolescente, ma la situazione è peggiorata quando il blocco in Regno Unito ha portato alla chiusura delle palestra e dei centri sportivi in generale. Secondo quanto ricostruito dalla polizia, l'istruttrice di fitness, 27 anni, aveva fatto ricercare online sull'autolesionismo prima di essere trovata impiccata nella sua camera da letto il 15 giugno dello scorso anno. Jessica Norris aveva inoltre lasciato un biglietto per la nonna che diceva:"Ti amo così tanto, nonnina, e ti sono grata per quello che hai fatto per me. Ma non posso più in grado di affrontare quello che sta succedendo nella mia testa".

Sua madre Alanna Norris, che vive in Francia, ha detto: "Jessica ha condotto una vita strutturata e ha lottato quando il lockdown ha significato che non poteva insegnare o prendere parte a gare di pole dance". Il medico legale Prof Alan Walsh ha confermato il decesso per  suicidio, come sottolineato dalla Corte di Bolton. La 27enne viveva con l'amico Brian Crompton da quando erano cominciate le restrizioni per il Covid 19 nel marzo 2020 e in quel periodo aveva lavorato in un bar. Il coinquilino era andato al lavoro la mattina della tragedia, ma non ha avuto risposta quando le ha scritto più tardi quel giorno per chiederle come stava. Tornato a casa, ha trovato un biglietto sulla porta della sua camera da letto che diceva: "Non entrare. Suona il 999. Mi dispiace tanto". Crompton si è fatto strada nella stanza ma gli sforzi per rianimare Jessica si sono rivelati vani".

Il medico di base di Jessica, il dottor Imran Salun, ha affermato che le era stata prescritta la sertralina come antidepressivo ma non c'erano segni di droghe o alcol nel suo organismo al momento della morte. L'ispettore investigativo Andrew Naismith, della polizia di Greater Manchester, ha detto che l'appartamento era sicuro e non c'erano segni di effrazione.