Il Regno Unito è sotto choc per il barbaro omicidio di Oliver Stephens, 13 anni, ucciso domenica in un sobborgo di Reading, nel Sud del Paese, dopo essere stato accoltellato alla nuca. Stando ai media inglesi, la polizia ha fermato sei ragazzi di età compresa fra i 13 e i 14 anni (cinque maschi e una femmina) in quanto sospettati direttamente del delitto. I fatti sono avvenuti in un parco di Emmer Green.

Secondo le prime ricostruzioni, quella contro Oliver sarebbe stata una vera e propria spedizione punitiva. Una passante, che portava a passeggio il cane ha dichiarato: "Mia nipote conosceva la vittima perché andava alla stessa scuola, Highdown Secondary a Caversham. Sono assolutamente inorridita, non riuscivo a dormire la scorsa notte continuavo a pensare ai genitori di questo povero ragazzo. Ero laggiù con il mio cane 30 minuti prima dell'attacco, è una zona incantevole", ha aggiunto la donna incredula. Stando alle autorità, Una volta colpito il giovane, gli aggressori si sono allontanati velocemente, ma la polizia li ha raggiunti subito.

Rachel Cave, preside dell’istituto, ha definito la morte di Oliver una “tragedia immane” per tutta la comunità. “I nostri pensieri e le nostre preghiere sono per la sua famiglia”. I cinque minorenni fermati sono al momento sotto la custodia della polizia di Thames in attesa di essere interrogati da un giudice minorile. Intanto gli inquirenti hanno invitato chiunque abbia informazioni utili a contattare le autorità. Il 13enne frequentava la Highdown Secondary School. Lo stesso istituto e il presidente della Federazione di Polizia, John Apter hanno espresso la loro vicinanza ai familiari di Oliver Stephen.