1.626 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
2 Marzo 2022
17:54

“Putin minaccia di attaccare Finlandia e Svezia”: lo dice l’ambasciatrice Usa all’Onu

L’ambasciatrice Usa all’Onu Linda Thomas-Greenfield al Palazzo di Vetro: “Putin continua l’escalation con allerta delle armi nucleari e le minacce a Finlandia e Svezia. La guerra con l’Ucraina è stata una sua scelta”.
A cura di Ida Artiaco
1.626 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

"Putin continua l'escalation con allerta delle armi nucleari e le minacce a Finlandia e Svezia. Inoltre la Russia sta muovendo armamenti eccezionalmente letali in Ucraina, comprese bombe a grappolo e termobariche. Sta colpendo deliberatamente obiettivi civili". Non usa mezzi termini l'ambasciatrice Usa all'Onu Linda Thomas-Greenfield nel corso del suo intervento al Palazzo di Vetro prima del voto sulla risoluzione contro Mosca per l'invasione dell'Ucraina. Come riporta la Cnn, Thomas-Greenfield ha invitato gli Stati membri delle Nazioni Unite a ritenere Mosca responsabile dell'invasione dell'Ucraina in una sessione speciale di emergenza dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, che ha notato essere la prima del genere in 40 anni.

Linda Thomas-Greenfield.
Linda Thomas–Greenfield

"Abbiamo visto video di forze russe che spostano armi eccezionalmente letali in Ucraina. Ciò include munizioni a grappolo e bombe a vuoto, che sono vietate dalla Convenzione di Ginevra. Abbiamo visto il convoglio letale lungo 40 miglia caricando verso Kiev. Il presidente Putin continua con la sua escalation, mettendo in allerta le forze nucleari russe, minacciando di invadere Finlandia e Svezia. Ad ogni passo, la Russia ha tradito le Nazioni Unite. Le sue azioni vanno contro tutto ciò che questo organismo rappresenta", ha tuonato. Solo nei giorni scorsi, d'altronde, un lanciarazzi multiplo termobarico russo è stato individuato dal team della Cnn a sud di Belgorod, in Russia, vicino al confine ucraino. A volte sono chiamate "bombe a vuoto" perché aspirano l'ossigeno dall'aria circostante per generare una potente esplosione e una grande onda di pressione che può avere enormi effetti distruttivi. Non ci sono prove che questo tipo di armi siano state usate nel conflitto in Ucraina, ma non si può escludere che Putin possa decidere di utilizzarle se l'escalation dovesse continuare.

Nelle sue osservazioni, Thomas-Greenfield ha anche elogiato i cittadini russi che hanno protestato negli ultimi giorni contro la guerra e ha esortato i soldati russi a deporre le armi, attribuendo la colpa della guerra esclusivamente a Putin. "La verità è che questa guerra è stata la scelta di un uomo e di un uomo solo: il presidente Putin. È stata una sua scelta costringere centinaia di migliaia di persone a riporre la propria vita negli zaini e a fuggire dal Paese. Mandare i neonati in rifugi antiaerei improvvisati. Far rinchiudere i bambini malati di cancro negli scantinati degli ospedali, interrompere le loro cure, essenzialmente condannandoli a morte. Quelle erano le scelte del presidente Putin. Ora è il momento di fare le nostre", ha concluso.

1.626 CONDIVISIONI
3315 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni