645 CONDIVISIONI
Conflitto in Ucraina
27 Febbraio 2022
10:07

Ucraina, lanciarazzi termobarici e missili a lunga gittata: le nuove armi che potrebbe usare la Russia

Tra le armi che l’esercito russo potrebbe usare in Ucraina anche il temuto sistema T0S-1, fotografato da un corrispondente della Cnn al confine, in grado di lanciare missili equipaggiati con testate incendiari e termobariche: “Sviluppo altamente inquietante”.
A cura di Ida Artiaco
645 CONDIVISIONI
Screen dal video del corrispondente Cnn: camion russo verso il confine con a bordo lanciarazzi termobarici.
Screen dal video del corrispondente Cnn: camion russo verso il confine con a bordo lanciarazzi termobarici.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Conflitto in Ucraina

Offensiva totale sulla capitale ucraina Kiev da parte delle truppe russe che, all'ormai quarto giorno di combattimento, sono sempre più vicine alla città. Non solo. Sirene d’allarme hanno risuonato questa mattina all'alba in due città nel nord-ovest dell’Ucraina, Rivne e Lutsk, ed anche a Kharkiv questa notte sono state registrate esplosioni: un palazzo di nove piani sarebbe stato colpito da un missile russo e una donna sarebbe morta e altre 20 persone evacuate. Insomma, la situazione è sempre più tesa, con Mosca pronta ad utilizzare ogni arma in suo possesso per vincere la guerra, come ha mostrato un'immagine diffusa dalla Cnn ieri che mostra come un carro armato russo trasporti nella zona di Belgorod, in Russia, vicino al confine ucraino un sistema T0S-1 in grado di lanciare razzi equipaggiati con testate incendiari e termobariche.

Si tratta di uno "sviluppo altamente inquietante" della questione, così come l'hanno definita l'emittente Usa e il quotidiano inglese The Guardian. Perché quest'arma è stata già utilizzata in alcuni dei conflitti più sanguinosi degli ultimi anni. Si tratta infatti di un "sistema missilistico montato su un telaio di un carro armato T-72 che spara razzi termobarici ed è stato utilizzato per la prima volta durante la guerra sovietica in Afghanistan ed è stato utilizzato anche più recentemente in Siria", si legge sempre sul Guardian. Al momento non ci sono prove che armi termobariche siano state usate nel conflitto in Ucraina, ma non è escluso a questo punto il loro utilizzo se le cose per Mosca dovessero complicarsi.

Il TOS-1, soprannominato il "Buratino" – la versione russa di Pinocchio – per il suo grosso muso, è uno dei sistemi d'arma più temuti nell'armeria convenzionale russa, in grado di sparare razzi termobarici che utilizzano l'ossigeno dell'aria circostante per generare un'esplosione ad alta temperatura. Sembra che siano stati schierati intorno a Kharkiv. Non solo. Il sito web investigativo Bellingcat ha anche raccolto prove del sospetto uso di missili a lunga gittata Uragan e Smerch e delle loro munizioni subacquee dagli attuali combattimenti in Ucraina, pericolosi per la popolazione.

"L'esercito russo ha mostrato un palese disprezzo per la vita dei civili utilizzando missili balistici e altre armi esplosive con effetti su vasta area in aree densamente popolate", ha affermato Agnès Callamard, segretario generale di Amnesty International, aggiungendo: "Alcuni di questi attacchi potrebbero essere crimini di guerra. Il governo russo, che afferma falsamente di utilizzare solo armi a guida di precisione, dovrebbe assumersi la responsabilità di questi atti". Inoltre, a sostegno di Putin nelle ultime ore si è schierata anche la Corea del Nord, con tutto ciò che anche a livello di armi ciò può comportare". Con un comunicato diffuso dal ministero degli Esteri, il Paese torna a schierarsi in difesa di Mosca, affermando che Washington ha "ignorato le legittime richieste della Russia sulla sicurezza. Gli Stati Uniti cercano di imbellire le loro ingerenze negli affari interni degli altri come giusto impegno per la pace e la stabilità nel mondo – accusa ancora Pyongyang – mentre denunciano senza motivo le misure di autodifesa adottate da altri per la propria sicurezza nazionale come ‘ingiustizie e provocazioni

645 CONDIVISIONI
3148 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni